Music

“60 Songs” è tornato ed è finalmente tempo di parlare di Britney Spears

Grunge. Wu Tang Clan. Radiohead. “Muro delle meraviglie”. La musica degli anni ’90 era tanto eccitante quanto varia. Ma cosa dice dell’epoca e perché è ancora importante? 60 canzoni che spiegano gli anni ’90 è tornato per altri 30 episodi per cercare di rispondere a queste domande. Giuntura Suoneria Lo scrittore musicale e sopravvissuto agli anni ’90 Rob Harvilla mentre esplora la colonna sonora della sua giovinezza, una canzone (e un aneddoto imbarazzante) alla volta. Segui e ascolta gratis esclusivamente su Spotify. In Episodio 61 di 60 canzoni che spiegano gli anni ’90—sì, avete letto bene: stiamo analizzando “… Baby One More Time” di Britney Spears.

<

Penso di aver detto a un certo punto che avevo paura di questo. Ho avuto paura di farlo, se siamo onesti. Se sono onesto. Basta. Facciamolo. Questa settimana è Britney Spears. È “…Baby ancora una volta”. È tempo. Qui nel maggio 2022, Britney Spears, più di ogni singolo essere umano che ho menzionato nelle precedenti 60 puntate di questa impresa, è una preoccupazione del presente tremendamente complicata. È un campo minato che cammina, parla, balla, domina Instagram di enigmi personali, professionali, emotivi, morali ed etici. È una saga preoccupante, anche se a volte piuttosto incoraggiante, in corso.

Quanto velocemente pensi che possa riassumere quella saga? OK. Nel 2007, mentre combatteva per l’affidamento dei suoi due figli con il futuro ex marito Kevin Federline, Britney ha subito un tracollo pubblico di alto profilo. Lascia stare. Per la sua stessa protezione – citazioni spaventose – è stata messa sotto tutela legale, un accordo distopico e infantilizzante in cui un’armata di avvocati (guidati principalmente da suo padre, Jamie Spears) controllava le finanze multimilionarie di Britney, la sua carriera e, per estensione, praticamente tutta la sua vita. Britney dice che ora non le era permesso risposarsi o avere un altro bambino; ora descrive apertamente il trattamento in base a questo accordo come abusivo.

Quella tutela, iniziata all’inizio del 2008, è comunque rimasta in vigore per i successivi 13 anni. Ha pubblicato un sacco di altri album. (“Piece of Me” dal suo quinto album, Oscuramento, del 2007, è la migliore canzone di Britney Spears. Basta infilarlo di nascosto qui.) Nel 2013, è arrivata a Las Vegas. Nel 2016, Il New York Times ha pubblicato un tuffo in profondità in quella tutela, che ha galvanizzato il movimento #FreeBritney. Una battaglia legale e socioculturale su più fronti infuriava nelle aule di tribunale e sui marciapiedi fuori dalle aule dei tribunali e su TikTok e cosa hai per i prossimi cinque anni. Nel frattempo, il Britney Spears Streaming Service Documentary Industrial Complex è nato per documentare questi affari, e questi film spesso sono serviti anche come un’opportunità per rivisitare i primi cinque anni di carriera di Britney, pieni di intervistatori bavosi e altri avatar di ciò che ho descriverà eufemisticamente come “giornalismo a una mano” e paparazzi predatori e il fottuto Justin Timberlake.

Britney ha prevalso e la sua tutela è stata sciolta nel novembre 2021, e molto probabilmente trascorrerà i prossimi anni a citare in giudizio allegramente il bejesus di alcuni figli di puttana. Non è stato così veloce, come vanno i riassunti, ma cosa farai? Ci sono, molto probabilmente ci saranno sempre, aggiornamenti orari sulla vita e sui tempi di Britney Spears. In effetti, faremmo meglio a controllare molto velocemente per vedere se c’è qualcosa che non va con lei oggi, mentre sto scrivendo questo. È lunedì 11 aprile 2022. Probabilmente non c’è niente di nuovo da segnalare—LEI È INCINTA. Lo abbiamo scoperto oggi. È fantastico. Sinceramente, è fantastico. Congratulazioni Britney e Sam, suo marito.

Vedi, però, questa è la merda di cui sto parlando. In parte il mio terrore è solo una funzione del non voler essere obsoleto. Non posso scrivere, per non parlare di scrivere e poi registrare, una cosa di Britney Spears abbastanza velocemente da tenere il passo con il torrente di notizie di Britney Spears. Quando lo sentirete effettivamente, Britney Spears avrà probabilmente terraformato e colonizzato Marte da sola. È fantastico, Britney.

OK, quindi perché lo sto facendo se ho così tanta paura di farlo?

Perché questa canzone lo è Perfetto, Ecco perché. Oggettivamente perfetto. Oggettivamente catastrofico. L’esaltante affanno dell’ascesa – l’ascesa melodica e drammatica – di questo fottuto ritornello. È un totale anacronismo, da circa otto anni, ma questo ritornello, ascoltandolo ora, immagino un giovane disperato e innamorato – scegli il tuo sesso, personalizza le tue circostanze – toccando queste battute in un messaggio di testo iPhone disperato e innamorato. La mia solitudine mi sta uccidendo. Riesco a sentire il piccolo tic tic tic tic tic quando le parole attraversano lo schermo, quindi vengono eliminate, quindi attraversano di nuovo lo schermo. Spunta tic tic tic tic. Il primo. Il disagio. La disperazione crescente. Gli errori di battitura. Il terribile sospetto che sarai “lasciato a leggere”, come dicono i bambini, o come dicevano i bambini, a un certo punto, nell’ultimo decennio, credo. Non importa. Ascolta: un ritornello così oggettivamente perfetto e catastrofico tende a risolversi cataclismaticamente – il ritornello tende a raggiungere il picco, melodicamente e legarsi – con una sola parola, e così è, in questo caso, con la parola cartello.

E idealmente lo porti a casa con un titolo che in qualche modo è allo stesso tempo allegramente sconcertante e flagrantemente sinistro.

Quella linea colpisce per la prima volta esattamente 60 secondi dall’inizio della canzone. L’intera canzone dura esattamente tre minuti e mezzo, più un secondo in più, per riprenderti. 3:31. Non sono disposto ad accettarlo come una coincidenza. Mi sembra specifico. Che si sente matematico. Puoi in qualche modo percepire il equazione. Così. “…Baby One More Time”—questi puntini di sospensione sono anche minacciosi e sconcertanti—è il singolo di debutto ultra-blockbuster di una Britney Spears, una Il Club di Topolino alunno e nativo di McComb, Mississippi. È cresciuta principalmente a Kentwood, in Louisiana. La canzone esce nel settembre 1998, quando Britney ha 16 anni. Ha 17 anni quando la canzone arriva al n. 1 sul Tabellone Hot 100 nel gennaio 1999: è il n. 1 canzone in America e, infine, in altri 20 paesi. Quello stesso mese, gennaio ’99, funge da traccia principale dell’album di debutto ultra-blockbuster di Britney, chiamato anche Bimba, ancora una volta, che colpisce anche il n. 1 sul Tabellone classifica degli album e alla fine vende 14 milioni di copie solo negli Stati Uniti.

Questa è abbastanza matematica. “… Baby One More Time” la canzone, come forse saprai, è stata scritta dal fiorente megaproduttore svedese Max Martin, che l’ha coprodotta con il prolifico collega svedese Rami Yacoub. Tra “…Baby One More Time” e il successo dei Backstreet Boys del 1999 “I Want It That Way”—di cui abbiamo discusso quando i nostri episodi erano lunghi da un terzo a un quinto di quelli attuali—basato su quelli due canzoni da sole Max Martin definiranno più o meno da sole il suono del pop di successo mondiale fino al 21° secolo. L’estasi, l’esuberanza, lo sconcerto lirico, la precisione, la matematica. È un ragazzo di matematica. Matematica melodica.

Ma ho detto abbastanza matematica. Basta anche Max Martin. Prendiamo decisioni arbitrarie in questo show su cosa ci interessa e cosa no. Senza offesa per Max, ma preferirei parlare, diciamo, della dizione trionfante apocalittica di Britney nella canzone “… Baby One More Time”. L’esplosività megatonica delle sue sillabe. Ogni sillaba innesca una scossa di assestamento. Ogni sillaba lascia un cratere. Ogni respiro è una bomba.

Per ascoltare l’episodio completo clicca qui, e assicurati di farlo segui su Spotify e controlla ogni mercoledì per nuovi episodi sulle canzoni più importanti del decennio. Questo estratto è stato leggermente modificato per chiarezza e lunghezza.

Leave a Comment