Books

Biden ha minacciato di licenziare i suoi aiutanti se avessero fatto trapelare storie negative su Kamala Harris: libro

Joe Biden, Kamala Harris

Il presidente Joe Biden e il vicepresidente Kamala Harris.Chip Somodevilla/Getty Images

  • Biden ha minacciato di licenziare i suoi aiutanti se avesse scoperto che stavano facendo trapelare storie negative su Harris.

  • L’avvertimento è stato riportato in un libro di prossima pubblicazione da due New York Times.

  • Harris ha dovuto affrontare bassi indici di approvazione pubblica durante la sua vicepresidenza.

Secondo un libro di prossima pubblicazione, il presidente Joe Biden ha minacciato di licenziare uno qualsiasi dei suoi assistenti senior se avesse saputo che c’erano dietro una serie di storie negative sulla vicepresidente Kamala Harris e sul suo ufficio.

<

L’avvertimento è arrivato l’anno scorso parecchi notizia punti vendita ha pubblicato storie che descrivevano la disfunzione nell’ufficio di Harris e le tensioni tra il suo staff e quello di Biden. La Casa Bianca ha difeso Harris in dichiarazioni pubbliche e ha respinto i rapporti.

“Nessuno era più frustrato dalle fughe di notizie di Joe Biden. Il presidente aveva conosciuto molte delle carenze di Harris quando l’aveva scelta come sua compagna di corsa, ma era sulla difensiva nei suoi confronti e irritato dal dramma sgradevole che si stava riversando alla vista”, New York I giornalisti del Times Jonathan Martin e Alex Burns hanno scritto in “Questo non passerà: Trump, Biden e la battaglia per il futuro dell’America”. Insider ha ottenuto una copia anticipata del libro prima della sua pubblicazione martedì.

Biden ha riunito il suo staff senior allo Studio Ovale e ha detto loro che li avrebbe lasciati andare se avessero fatto trapelare storie del genere su Harris, secondo il libro.

Il vicepresidente di Harris non è andato liscio. Lei è di fronte bassi indici di approvazione del pubblico e un una serie di consiglieri di alto livello ha lasciato il suo ufficio.

Secondo il libro, quando il capo dello staff della Casa Bianca Ron Klain ha incontrato lo scorso aprile il Rep. Kathy Manning, una democratica della Carolina del Nord, è rimasta costernata nello scoprire che Manning era stata lasciata fuori da parti del recente viaggio di Harris nel suo distretto. La Casa Bianca spesso fa in modo di includere i legislatori nelle fermate degli alti funzionari e Biden spesso nota la loro presenza dal podio.

“Questo mi fa venire voglia di vomitare”, ha detto Klain, secondo gli autori, sulla base del racconto di una persona dell’incontro.

La Casa Bianca non ha risposto alla richiesta di commento di Insider. Un funzionario in precedenza aveva detto a Insider che l’amministrazione non aveva intenzione di impegnarsi in “conferme o smentite” sulle affermazioni specifiche del libro.

“Rispettiamo che non mancheranno libri scritti sull’amministrazione contenenti un’ampia varietà di affermazioni”, ha affermato il vice segretario stampa Chris Meagher in una nota. “Non abbiamo intenzione di impegnarci in conferme o smentite quando si tratta dei dettagli di tali affermazioni”.

Il libro è pieno di esempi di come la squadra di Biden avrebbe deriso la squadra di Harris.

In un esempio, lo staff dell’ala ovest ha deriso il suggerimento che il vicepresidente si sarebbe ritagliato un portafoglio internazionale assumendo un ruolo guida nelle relazioni con i paesi nordici. La derisione privata è andata anche oltre quando è stato fatto galleggiare che Harris dovrebbe tenere un ampio discorso sulla politica estera.

“Biden aids ha posto il veto all’idea”, scrivono gli autori. “Perché un vicepresidente dovrebbe avere la propria visione articolata in modo indipendente degli affari globali?”

Uno dei più grandi punti di infiammabilità è venuto da un aspetto relativamente banale. la squadra di Harris era sconvolto dalla foto scelta da Vogue per il numero di febbraio 2021.

Un consigliere di Biden, secondo il libro, disse agli indignati aiutanti di Harris e al suo allora capo dello staff Tina Flournoy che c’erano cose più grandi da affrontare prima dell’inaugurazione che avrebbe avuto luogo poco dopo l’insurrezione.

“Tina, ha detto il consulente”, scrivono gli autori, “questi sono problemi del primo mondo”.

Leggi l’articolo originale su Business Insider

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close