Books

Cosa dovresti sapere prima di autopubblicare un libro

Immagine per l'articolo intitolato Cosa dovresti sapere prima di pubblicare autonomamente un libro

Foto: Bruce Van Loon (Shutterstock)

Se hai una grande idea di cui il mondo ha bisogno per leggere, puoi scrivere un libro, ma il mondo dell’editoria è difficile da penetrare e difficile da navigare. Cosa fa un agente? Che cos’è una lettera di richiesta? Devi conoscere qualcuno che conosce qualcuno per arrivare da qualche parte? I guardiani del mondo dei pub si frapporranno per sempre tra il tuo messaggio e il pubblico?

<

Voi potere aggirare tutto ciò autopubblicando (e ecco una buona guida per come farlo effettivamente), ma ci sono alcune cose non procedurali che potresti voler tenere a mente prima.

Sei da solo

Quando pubblichi autonomamente un libro, non avrai lo stress di lavorare con agenti ed editori, ma non avrai nemmeno i vantaggi. Non c’è anticipo in contanti per tenerti a galla mentre scrivi e non c’è nessuno da controllare e assicurarsi che il tuo libro non sia spazzatura. Senza questi controlli e contrappesi in atto, tu potere Scrivi e pubblica quello che vuoi, ma non sorprenderti se il feedback non è eccezionale.

Se non sei un editore forte (o conosci uno che è disposto ad aiutarti) o hai problemi in realtà scrivere, stare da soli può essere difficile. Dovrai gestire bene il tuo tempo, pianificare quando scriverai e leggere tutto da capo molto accuratamente.

Arruola alcuni amici, se possibile, ma comprendi che se non stai pagando un professionista, ciò potrebbe non aiutarti a cogliere ogni continuità o errore di ortografia.

“Chiedi a qualcuno che ti rispetti o si prenda cura di te che lo legga per primo”, ha detto Darien Anay, che ha autopubblicato un libro di poesie, Nel Nudo, nel 2014. Ha scelto qualcuno che “rispettava come scrittrice e umana”. Inizia a pensare a qualcuno nella tua vita che corrisponde a quella descrizione e prega che abbia il tempo di farlo per te.

La promozione sarà difficile

Ancora una volta, sei da solo qui, quindi non c’è nessuna macchina del settore per spingere il tuo libro. Voi sono macchina, quindi inizia a promuovere il tuo lavoro con largo anticipo rispetto alla sua pubblicazione.

“Se l’ho fatto di nuovo, Lo promuoverei in modo coerente almeno un anno prima di pianificare di renderlo accessibile”, ha affermato Anay, che ha suggerito di creare un pubblico sui social media prima della promozione e del rilascio.

Gli autori tradizionali hanno una varietà di modi per promuovere i loro libri. I loro editori li promuovono e li portano nelle librerie, per esempio. Hanno pubblicisti che inviano comunicati stampa e li mettono in fila per le interviste. Dovresti prendere in considerazione l’idea di fermarti nella tua libreria locale per chiedere come, esattamente, potresti mettere il tuo lavoro sui loro scaffali. Dedica un po’ di tempo alla creazione di un comunicato stampa e invialo a qualsiasi recensore o editore di libri che puoi trovare online. Sembra invadente, ma devi essere invadente perché nessun altro sta spingendo per te e il tuo libro potrebbe facilmente cadere nell’oscurità totale.

Se hai amici con profili elevati sui social media, vorrai anche chiedere loro alcuni favori. Se hai il budget, organizza una festa di rilascio, ma assicurati di impostarla per la massima visibilità sui social media. Pensa: cabina fotografica, arredamento kitsch, hashtag di un evento e forse anche un omaggio a cui i partecipanti possono partecipare condividendo le foto del libro o della festa. Pensa a come scopri libri, film, programmi o eventi, quindi assicurati di utilizzare le stesse vie per promuovere il tuo lavoro.

Scrittore dello staff di Lifehacker Sarah Showfety autopubblicato Incontri secondo i libri: La ricerca dell’amore di One Blundering Singleton nel corridoio di auto-aiuto nel 2012 oltre a pubblicare libri in modo tradizionale, ha una prospettiva unica qui. Ha detto: “Se vuoi che venda, preparati a commercializzarlo da solo, utilizzando tutti i canali disponibili e, anche in questo caso, gestisci le tue aspettative”.

Esaminiamolo un po’ più a fondo…

Gestisci le tue aspettative

Il tuo libro, come ha detto Showfety, “non volerà via da nessuno scaffale”. È solo un settore affollato, chiaro e semplice, e sarai in svantaggio senza il supporto di un editore. Non entrare in questo sforzo aspettandoti di superare il New York Times’ elenco dei bestseller. Potrebbe succedere, ovviamente, ma è estremamente improbabile a meno che tu non abbia milioni di follower sui social, un amico nella suite C di una grande catena di librerie o una specie di genio magico in una lampada in attesa di esaudire un desiderio (nel qual caso , probabilmente non saresti autopubblicato per cominciare).

Tuttavia, sii ottimista. Questa è un’opportunità per condividere il tuo lavoro. Guadagnare denaro o distruggere record di vendita potrebbero non essere gli unici motivatori per te. Anay ha detto di aver pubblicato il suo libro di poesie in modo che i suoi amici e la sua famiglia potessero capire meglio le esperienze che aveva avuto. Showfety ha descritto il self-publishing come “potenziante” e “un modo fantastico per prendere il controllo del tuo progetto di passione e portarlo nel mondo senza aspettare che qualcuno ti dia il permesso”.

.

Tags

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close