Art

Distogli lo sguardo, sguardo dritto maschile! Come il disegno dal vero è diventato più inclusivo | Disegno

Quando a Ted Stein è stato chiesto da un vecchio compagno di scuola se avrebbe preso in considerazione l’idea di fare la modella per le lezioni di disegno dal vero, non ci è voluto molto perché fosse d’accordo.

<

Stein è transgender e non ha mai visto corpi di genere diverso quando frequentava la scuola d’arte. “Mi sono reso conto, come faranno questi corpi a entrare nelle gallerie d’arte nazionali se nessuno riuscirà mai a disegnarli?” lui dice. “Volevo restituire alla comunità artistica in termini di rappresentazione, e anche restituire alle comunità trans e queer, che sono così vivaci e fanno così tanto parte della mia vita”.

Parliamo dopo che ho trascorso due ore rompendo la forma atletica di Stein in forme al piano di sopra dell’hotel Lord Gladstone a Chippendale di Sydney, un piccolo pub alla moda coperto di graffiti che è allo stesso tempo commissionato e spontaneo.

È qui che l’amico di Stein, Bligh Twyford-Moore, e il collega artista Noni Cragg, gestiscono il Club di disegno felice ogni martedì. L’uomo accanto a me è uno scienziato: questo club d’arte è l’unico slancio di creatività che ottiene in tutta la settimana, dice. Sembra anche essere il perfetto incontro di basso profilo per i tipi a cui non piace essere eccessivamente socievoli.

Dopo che ha finito di posare, chiedo a Stein della sfida di essere scrutato. È impegnato a costruire i suoi mondi, dice; e comunque è abituato a non muoversi per lunghi periodi quando è impegnato nella propria pratica artistica. “Ho avuto ragni che in realtà hanno fatto delle ragnatele tra i miei arti perché sono stato fermo per così tanto tempo”, dice.

Ted Stein, disegnato da Jenny Valentish e Bligh Twyford-Moore.
Ted Stein, disegnato da Jenny Valentish e Bligh Twyford-Moore. Fotografia: Frank Magre

Sempre più spesso, le lezioni di disegno dal vero si stanno scrollando di dosso la tradizione delle sale comuni illuminate al fluoro e di scarabocchi seri a favore di serate coinvolgenti che si basano su una profonda collaborazione con le modelle. Il più famoso, c’è la scuola anti-arte del dottor Sketchy, classi di “disegno alternativo” che usano artisti di burlesque e cabaret come modelli. Fondato da Molly Crabapple in un dive bar di New York nel 2005, il Dr Sketchy’s è ora un fenomeno globale.

Gladdy condivide un’attenzione simile sulla ricerca di una varietà di corpi: gli altri modelli di Stein includono la performance artist Betty Grumble, la showgirl Porcelain Alice e la coppia Katie-Louise e Timothy Nicol-Ford, che gestiscono l’etichetta demi-couture Nicol & Ford “per tutte le identità e corpi”.

“Non si tratta del tipico sguardo maschile”, dice Twyford-Moore delle modelle. “E mi piace anche trovare persone che attirino lo sguardo queer.”

Twyford-Moore, illustratrice e roadie, pensava che un club di disegno dal vero sarebbe stata una “bella idea di ritorno al passato”. Ha preso ispirazione dai club in cui aveva visto Melbournesia in termini di temi (Gladdy Drawing Club ha coperto Wonder Woman, Hulk e Wolverine) sia in termini di prenotazione di modelli che hanno una propria reputazione.

“Sono esattamente l’atmosfera che cerco: modelli queer inclusivi che sembrano diversi l’uno dall’altro”, dice. “Anche nel disegno dal vero, Sydney è soffocante e conservatrice.”

Interprete burlesque Evana De Lune a Miss Muse Life Drawing.
La performer burlesque Evana De Lune al Miss Muse Life Drawing di Melbourne. Fotografia: Miss Muse Life Drawing

Un’istituzione di Melbourne che lo ha ispirato è Miss Muse Life Disegno, che si tiene ogni martedì presso l’hotel Grace Darling a Collingwood. Come suggerisce il nome, c’è un’enfasi sul modello come musa.

“Ho lavorato come modella per otto anni”, afferma la fondatrice di Miss Muse Michaela Meadow, che è anche una fotografa. “Volevo aprire una piattaforma in cui le modelle potessero portare qualcosa di creativo. Molte sessioni sono a tema e molto tempo viene dedicato a playlist, set e costumi”.

Questi temi spaziano dai movimenti artistici, come il surrealista Leonor Fini e gli artisti Claude Cahun, al cinema, come Jean-Luc Godard, Pedro Almodóvar, Bonnie e Clyde e The Rocky Horror Picture Show. (Le pose e gli abiti delle modelle fanno riferimento ai film.)

Il disegno dal vero di Top Secret è un altro: di solito si tiene all’Abbotsford Convent di Melbourne (c’è stata recentemente una sessione di suore birichine), ci sono occasionali eventi pop-up tenuti altrove, come da Easey’s a Collingwood – un ristorante sul tetto composto da vecchie carrozze ferroviarie – e al 24 Moons, una discoteca Northcote.

Serata a tema Squid Game di Top Secret.
Serata a tema Squid Game di Top Secret. Fotografia: Jean-Luc Syndicas

Il fondatore di Top Secret, Jean-Luc Syndikas, lavora di giorno in uno studio di architettura, ma è anche un appassionato di cinema che voleva creare una comunità artistica. I temi del suo club includevano Blade Runner, Squid Game, Mata Hari e Teenage Mutant Ninja Turtles. “Avevo una modella vestita da April O’Neil, con una tuta gialla, che è un personaggio cosplay iconico”, dice Syndikas. “La modella era abituata a fare cose classiche, ma pensava che fosse fantastico”.

Per la giornata di visibilità transgender a marzo, ha prenotato la modella Rora Mac, che si è spogliata dall’abbigliamento maschile per un giusto look da aerobica degli anni ’80. “È stata una notte davvero potente; ci ha raccontato una storia”, dice Syndikas.

Corso di disegno dal vero Top Secret, modello Rora Mac
‘Una notte potente’: modella Rora Mac a Top Secret. Fotografia: Jean-Luc Syndicas

Tutti e tre i gruppi di disegno sono andati online durante il blocco, che all’improvviso ha permesso loro di assumere modelle e reclutare artisti da tutto il mondo. Tutti e tre hanno mantenuto le loro lezioni online dopo la riapertura. Come dice Meadow, “Forse qualcuno non vive in città o ha bambini piccoli o disabilità, o per qualche altro motivo per cui non possono farcela di persona”.

Al Gladdy, le mie due ore trascorse a disegnare Stein sono assolutamente volate e non ho guardato il mio telefono una volta… probabilmente perché sono troppo occupato a scrutare il lavoro di tutti gli altri per vedere se stanno lottando con i piedi, anche. Dopo aver costruito pose di 10 minuti, impostate su musica meditativa per incoraggiare lo stato di flusso, la musica passa a un hardcore aggressivo per gli ultimi due minuti a raffica.

“È come quando ti danno una pacca sulla schiena alla fine di un massaggio”, dice Twyford-Moore, il che spiega perché sto attaccando il giornale con improvvisa fretta. “Ti stai riadattando al tuo stato normale.”

Per un principiante come me, Twyford-Moore suggerisce di pensare al disegno come a un verbo, invece che a un sostantivo: “Come se stessi letteralmente venendo a disegnare, non per andare via con cinque disegni che sono perfetti”. Personalmente, gli piace iniziare con una matita n. 1 grigio caldo appena visibile, quindi fare sul serio con una matita nera dura. Syndikas, invece, mi consiglia di scomporre una figura in forme base: cerchio, quadrato, triangolo. “Puoi usare il carbone o qualsiasi altro mezzo per tracciare su di esso e creare la tua figura da quei mattoni.”

Per quanto riguarda Prato? Incoraggia a sbirciare. “Guarda cosa stanno facendo le altre persone”, dice. “È un ottimo modo per imparare”.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close