Movies

Frank Langella risponde al licenziamento di Netflix dalla caduta di House of Usher – The Hollywood Reporter

Franco Langella ha risposto al suo licenziamento da Netflixla serie limitata La caduta della casata degli Usher a seguito di un’indagine per cattiva condotta.

<

In una lunga dichiarazione, scritta come a colonna degli ospiti per Scadenza, l’attore confuta le dichiarazioni pubblicate secondo cui ha accarezzato una co-protagonista durante una scena d’amore “completamente vestita” girata il 25 marzo, sostenendo di aver solo “toccato” la gamba dell’attrice, una mossa che non era nel blocco dello spettacolo. Sostiene anche di essere stato licenziato per aver raccontato una barzelletta fuori colore, chiamando la sua co-protagonista “piccola o dolcezza” e per aver dato alla giovane attrice “un abbraccio o un tocco” sulla sua spalla.

Il giornalista di Hollywood prima segnalato che Langella era stato licenziato dalla serie limitata a seguito di un’accusa di cattiva condotta che ha visto l’accusato di fare commenti inappropriati a una co-protagonista donna. Netflix ha rifiutato di commentare in quel momento.

“Sono stato cancellato. Proprio così”, inizia la sua rubrica. “Nella crescente follia che attualmente pervade il nostro settore, non avrei potuto immaginare che le parole danni collaterali sarebbero ricadute sulle mie spalle”.

L’attore – scelto per interpretare Roderick Usher, protagonista della versione Netflix del classico di Edgar Allan Poe – afferma che l’incidente che ha portato alla sua fine dalla serie è avvenuto mentre era “seduto su un divano” con l’attrice senza nome “in piedi di fronte di me.” Questo è quando Langella dice di aver dichiarato di averle toccato una gamba, riconoscendo che non era nel blocco, e dopo, “si è girata ed è uscita dal set, seguita dal regista e dal coordinatore dell’intimità”.

Langella dice che gli è stato chiesto di dare un po’ di spazio alla sua ex co-protagonista, che alla fine non è tornata sul set. È stata aperta un’indagine, dice, ed è stato successivamente contattato circa una settimana dopo dal dipartimento delle risorse umane di Netflix. Sostiene che durante una telefonata gli sono stati riletti gli eventi dell’incidente, inclusa una nota che il coordinatore dell’intimità gli aveva indicato dove entrambi gli attori avrebbero dovuto mettere le mani.

L’attore continua dicendo che è stato interrogato sulla sua risposta iniziale, che lo ha visto rispondere al coordinatore dell’intimità che le istruzioni su dove mettere le mani erano “assurde”, un commento che l’attore conferma. “Era una scena d’amore davanti alla telecamera. Legiferare sul posizionamento delle mani, a mio avviso, è ridicolo. Generalizza istinto e spontaneità”, scrive Langella.

Langella afferma di essere stato poi incaricato dal rappresentante delle risorse umane di Netflix di non avere ulteriori contatti con il suo co-protagonista, “il coordinatore dell’intimità o chiunque altro nella compagnia” a causa del potenziale “rischio” di ritorsioni. L’ex star della serie Netflix dice anche di aver avuto una conversazione con un produttore, che gli ha detto: “Non puoi scherzare. Non puoi complimentarmi. Non puoi toccare. È un nuovo ordine”.

Langella dice che gli è stata negata un’udienza con l’accusatore o con Netflix. “I registi e il produttore hanno smesso di rispondere alle mie e-mail e alle mie telefonate”, scrive. “Entro 30 minuti dal mio licenziamento, è stata inviata una lettera al cast e alla troupe ed è stato inviato immediatamente un comunicato stampa completo. Io e i miei rappresentanti non abbiamo avuto l’opportunità di commentare o collaborare alla narrazione”.

Langella afferma che la risposta al suo comportamento sul set è “non giusta”, “non solo” e “non americana”.

“Non posso parlare delle intenzioni del mio accusatore o di Netflix, ma l’impatto su di me è stato incalcolabile. Ho perso una parte emozionante, la possibilità di guadagni futuri, e forse devo affrontare un periodo di disoccupazione. Netflix mi ha licenziato dopo tre mesi di lavoro con solo tre settimane rimaste per girare e devo ancora essere completamente remunerato per i miei servizi. Soprattutto, la mia reputazione è stata offuscata”, scrive.

THR ha confermato che l’indagine sulla condotta di Langella è stata completata a metà della produzione con la rifusione del ruolo dell’attore e Bruce Greenwood assume la parte. I filmati di Langella non verranno utilizzati, secondo una fonte a conoscenza della situazione.

THR ha contattato Netflix per un commento.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close