Art

HackelBury Fine Art: da una collezione privata

“Ho studiato storia all’università…. per me la storia è una parte importante del collezionare fotografie…. perché le immagini raccontano una storia bella e interessante” Il collezionista

<

HackelBury Fine ArtLondra presenta la mostra “Da collezione privata” Un gruppo di fotografie acquisite da un collezionista nell’arco di un decennio, che celebra il lavoro di alcuni dei più importanti fotografi del XX secolo.

La collezione è stata acquisita nel corso di un decennio dal 2000 e rivela il gusto e la sensibilità individuali di un collezionista, riflettendo il loro interesse personale per la storia e la narrazione visiva. Le opere sono state acquisite nel tempo e illustrano il prezioso rapporto tra collezionista e galleria, fondato fondamentalmente sulla fiducia e sul gusto. Mappa il viaggio di un visitatore a HackelBury nel 2000, utilizzando un bonus di lavoro per acquistare la prima fotografia El Malpais, maggio 1997 di David Michael Kennedy. Questo acquisto, insieme alla genesi per l’inizio di una collezione, incoraggiamento dei galleristi Sascha Hackel e Marcus Bury, divenne la genesi per l’inizio di una collezione.

“Va benissimo scegliere qualcosa che ami. Ma è sempre una buona idea provare a scegliere anche un’opera forte che valorizzi la collezione. Per me è stato facile perché Marcus e Sascha mi hanno dato buoni consigli su quali fossero le opere forti”. Il collezionista

Sfruttando la vasta conoscenza della fotografia di HackelBury e la capacità di identificare opere importanti e rappresentative, il collezionista ha continuato ad acquisire importanti opere di figure iconiche. Questi artisti includevano Berenice Abbott, Henri Cartier-Bresson, Elliot Erwitt, Frank Horvat, William Klein, Irving Penn, Sebastian Salgado e Doug e Mike Starn. Questo gruppo diversificato e rivoluzionario di fotografi ha dedicato la propria carriera a catturare l’essenza delle persone, dei luoghi, del tempo e della storia che li hanno ispirati.

Seydou Keita e Malik Sidibe ci offrono uno spaccato del contesto sociale e culturale del loro paese d’origine, il Mali, in opere come Senza titolo – Bella figlia1949/51 di Seydou Keita e

Vigilia di Natale, 1963 di Malik Sidibe. Famosi per i loro ritratti in studio, hanno dato vita a un mondo poco conosciuto in Occidente all’epoca. David Michael Kennedy è famoso per i suoi ritratti di musicisti, nativi americani e ampi paesaggi, mentre Alexandre Vitkine ha scelto di fotografare paesaggi industriali ed esplorare la tensione tra uomo e macchinario.

Irving Penn, Elliott Erwitt, William Klein, Arnold Newman e Frank Horvat sono affascinati dalle persone e i loro ritratti di figure di spicco e del mondo della moda ci attirano in un mondo di glamour e mistica.

Illustrato da opere come Cappello con cinque rose, Barbara Mullen, Parigi, 1956 di Klein, di Irving Penn Cecil Beaton, 1958, di Arnold Newman Igor Stravinsky, New York, 1946 e di Elliott Erwitt Marilyn Monroe, New York, 1956.

Henri Cartier-Bresson, Sebastiao Salgado e Berenice Abbott sono fotografi documentaristi interessati alla difficile situazione delle persone, ai momenti o agli eventi storici riflessi in opere come Dietro la Gare St. Lazzaro, 1932 di Henri Cartier-Bresson, Luogo di scambio, New York1934 di Berenice Abbott e Uomo Dinka, 2006 di Sebastiano Salgado.

Doug, Mike Starn e Liz Rideal scelgono immagini di nature morte più astratte utilizzando oggetti materiali per evocare pensieri e idee.

Spaziando dalla fotografia di ritratto e di moda, alla fotografia di paesaggio e di strada, al fotogiornalismo, alla fotografia documentaria e astratta, questi artisti hanno intrapreso un viaggio alla scoperta del potenziale del loro mezzo e del potere dei loro soggetti. Queste opere selezionate “Da una collezione privata” ci offrono l’opportunità di vedere, attraverso gli occhi di un collezionista, la passione per la fotografia e l’eredità di una galleria.

“Costruire una collezione d’arte è un viaggio di scoperta: il collezionista è esposto all’arte nel tempo e il proprio gusto e interessi si evolvono. Il ruolo della galleria è quello di costruire una relazione basata sulla fiducia e la mia conoscenza. Questo aiuta la collezione a riflettere la personalità e gli interessi del collezionista. È sempre un piacere di avere questa opportunità”. Marco Bury

“Letteralmente il 95% della mia collezione è stata acquistata dalla galleria HackelBury.” Il collezionista

Informazioni su HackelBury Fine Art: Fondata da Sascha Hackel e Marcus Bury, HackelBury Fine Art si occupa di opere d’arte del 20° e 21° secolo. Fondata nel 1998, la galleria londinese di Launceston Place si impegna a coltivare relazioni a lungo termine con artisti e clienti. Continua ad evolversi e progredire attraverso un programma in espansione di mostre in galleria, progetti museali e iniziative editoriali.

Il piccolo gruppo di artisti con cui HackelBury lavora, rappresenta una diversità di pratica, spingendo i confini dei vari media. Il lavoro e la pratica di questi artisti abbraccia il mondo della fotografia, della pittura, del disegno e della scultura. Ogni artista, emergente o affermato, crea opere definite da una profondità di pensiero, ampiezza e coerenza di approccio.

Da una collezione privata
Dal 28 aprile al 4 giugno 2022
HackelBury Fine Art
4 Launceston Place
Londra W8 5RL
www.hackelbury.co.uk

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close