Celebrity

‘Ho abortito in tournée’: le celebrità condividono le loro storie in reazione alla fuga di notizie di Roe v Wade | sviluppo globale

TLa presentatrice di elevision Cathy Newman è diventata l’ultima donna di alto profilo a rendere pubblica la sua esperienza di aborto, come possibilità della corte suprema degli Stati Uniti ribaltando Roe v Wade suscita una sfacciata effusione di testimonianze.

<

Pubblicazione su Twitter giovedì, la conduttrice di Channel 4 News ha scritto di essere triste per aver abortito ma “non se ne è pentita nemmeno per un secondo”.

“Ogni donna – qui, in America e nel mondo – ha bisogno di avere quella scelta”, ha detto Newman.

Dal progetto di parere del giudice Samuel Alito è trapelato a Politico il 2 maggio, esprimendo la sua convinzione che la storica decisione del 1973 che garantiva il diritto all’aborto fosse stata “estremamente sbagliata dall’inizio”, le donne hanno parlato delle proprie cessazioni.

Martedì la cantautrice americana Phoebe Bridgers twittato: “Ho abortito nell’ottobre dello scorso anno mentre ero in tour. Sono andato alla genitorialità programmata, dove mi hanno dato la pillola abortiva. È stato facile. Tutti meritano quel tipo di accesso”.

Il procuratore generale di New York Letitia James parla a una manifestazione a sostegno dei diritti di aborto a New York, maggio 2022.
Il procuratore generale di New York Letitia James parla a una manifestazione a sostegno dei diritti di aborto a New York, maggio 2022. Fotografia: Jason DeCrow/AP

A Manhattan, il procuratore generale di New York Letitia James ha detto a una folla di manifestanti che per il suo aborto era “entrata con orgoglio in Planned Parenthood – e non mi scuso con nessuno. A nessuno”. Descrivendosi come una donna di fede, James detto al raduno: “Il mio Dio dice che devi prendere la decisione migliore per te e per la tua vita.”

Scrivere nell’IndipendenteNewman ha detto che la decisione trapelata di Alito ha riportato “uno dei tempi più difficili di [her] vita”, dopo che a lei e al marito fu detto, più di 15 anni fa, che il bambino che stava portando in grembo aveva una grave anomalia e che difficilmente sarebbe sopravvissuto.

Mentre molte donne hanno deciso di sottolineare il loro sollievo per essere in grado di porre fine alle loro gravidanze, Newman ha descritto l’esperienza come “devastante”. Ma, ha detto, anche se la decisione è stata difficile, era giusta: “Non c’è un giorno in cui me ne pento”, scrive.

Cathy Newman
Cathy Newman ha reso pubblico giovedì la sua esperienza di aborto. Fotografia: Alecsandra Raluca Drăgoi/The Guardian

Ora più donne stanno parlando. L’ospite del podcast negli Stati Uniti Michaela Okland le ha detto 296.000 follower su Twitter che aveva abortito all’età di 19 anni, ma non si era mai sentita a suo agio a parlarne online. “Le persone hanno opinioni terrificanti sull’argomento, e anche ora ho paura di parlarne”, ha detto.

Nonostante lo stigma, anche le donne di tutto il mondo sono diventate pubbliche. Sotto gli hashtag #Il mio aborto e #ihadanabortion, gli utenti di Twitter hanno ricordato le loro esperienze di fine gravidanza.

“Spero che questo prenda piede” ne ha scritto uno. “Ero in un matrimonio molto violento quando ho scoperto di essere incinta. Ho fatto la scelta difficile di abortire. Non avrei mai lasciato il mio aguzzino se avessi avuto un figlio. Non ho rimpianti. Dovrebbe essere un’opzione legale e sicura per qualsiasi donna”.

Ej Dickson, uno scrittore di Rolling Stone, ha pubblicato: “Non l’ho mai condiviso qui, ma fanculo: ho abortito. Anch’io ho un figlio e attualmente ne aspetto un altro. Sarò onesto, ho avuto sentimenti incredibilmente complessi su entrambe queste scelte. Ma non ho mai provato nient’altro che profonda gratitudine per aver *aveto* una scelta”.

UN alunno ha scritto che, cinque mesi dopo il suo dottorato di ricerca, ha abortito, sapendo che non avrebbe potuto mantenere i suoi standard accademici e dato il bambino che aveva già avuto le stesse opportunità.

“Le persone giustamente danno simpatia alle donne che scelgono l’aborto per motivi medici”, ha scritto. «Quello non sono stato io. Mi sono trovata di fronte alla realtà della mia classe economica e aspirazioni di carriera. Se l’amore fosse moneta, avrei potuto darlo in eccesso… ma non è così”.

L’ondata di testimonianze non è la prima provocata dai cambiamenti nel panorama legale statunitense. L’anno scorso, quando il Texas ha superato il suo divieto quasi totale Sull’aborto, l’attore Uma Thurman ha rivelato come ha interrotto una gravidanza quando era un’adolescente. Sebbene [it was] “la decisione più difficile della mia vita”, lei scrisse“la scelta di non mantenere quella gravidanza mi ha permesso di crescere e diventare la madre che volevo e dovevo essere”.

Nel 2020, dopo la morte di Ruth Bader Ginsburg lasciato un seggio alla corte suprema vacante per il candidato di Donald Trump, Amy Coney Barrettla cantante dei Fleetwood Mac Stevie Nicks ha detto di aver avuto un aborto nel 1979.

“Se non avessi abortito, sono abbastanza sicura che non ci sarebbero stati i Fleetwood Mac”, ha detto ha detto al Guardian. “Non c’è modo in cui avrei potuto avere un figlio allora, lavorando duro come abbiamo lavorato costantemente. E c’erano un sacco di droghe, stavo facendo un sacco di droghe… avrei dovuto andarmene”.

Stevie Nicks con gli occhiali da sole
Stevie Nicks ha parlato al Guardian della sua decisione di abortire nel 1979, nel 2020. Fotografia: Samir Hussein/Redferns

Nel 2019, dopo la scomparsa dello stato della Georgia il suo “bilancio del battito cardiaco“,” vietando l’aborto dopo sei settimane di gravidanza, l’attore britannico Jameela Jamil ha scritto su Twitter:

“Ho abortito quando ero giovane ed è stata la decisione migliore che ho preso. Sia per me, sia per il bambino che non volevo, e non ero pronto, emotivamente, psicologicamente e finanziariamente. Tanti bambini finiranno in famiglie affidatarie. Tante vite rovinate. Così molto crudele.

La legge della Georgia del 2019 era bloccato in modo permanente l’anno successivo da un giudice federale, che ha ritenuto violato la costituzione degli Stati Uniti. Nella sua sentenza, Steve Jones ha citato precedenti tra cui Roe v Wade e una successiva decisione della corte suprema, Casey v Planned Parenthood. Entrambe le sentenze, secondo il documento trapelato questa settimana, “deve essere annullato”.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close