Books

I genitori di Ramsey nel New Jersey spaventati dall’e-mail anonima di Wannabe Book Banners Ramsey Parent Union

Martedì una riunione del consiglio di istruzione del New Jersey si è accesa dopo che un gruppo anonimo ha contattato i genitori chiedendo che i libri “grafici, volgari ed espliciti” fossero banditi dalle biblioteche scolastiche.

<

Il 21 aprile, un’e-mail firmata dal gruppo Unione dei genitori di Ramsey è stato inviato, esprimendo indignazione per i libri Ragazzo del prato di Jonathan Evison e Genderqueer: una memoria di Maia Kobabe erano disponibili nella biblioteca della Ramsey High School, secondo quanto riportato da Patch.com. Il gruppo avrebbe chiesto che altri genitori si presentassero alla riunione del consiglio e condividessero le proprie lamentele sulla letteratura.

Ma la mossa si è ritorta contro, poiché i libri hanno avuto più supporto di quanto probabilmente previsto dal gruppo sindacale dei genitori anonimi.

Elaine Jones, le cui figlie si sono laureate a Ramsey nel 2013, è stata la prima oratrice a parlare al consiglio durante la sezione dei commenti pubblici dell’incontro.

“Come ex insegnante di arti linguistiche delle scuole medie, capisco la necessità di insegnare argomenti che mettono gli studenti a disagio perché le persone imparano quando vengono spinte oltre la loro zona di comfort”, ha detto.

Jones ha spiegato che come insegnante, ha usato un libro che ha insegnato alla sua classe di prima media sulla Negro Baseball League. Prima di leggere il libro, ha detto che i suoi studenti non si rendevano conto di quanto fosse grave la segregazione negli Stati Uniti.

“Contrariamente a quanto fanno attualmente alcuni gruppi”, ha affermato Jones, “lo scopo del libro non è di far sentire gli studenti in colpa per il passato. Lo scopo di questo libro è far capire agli studenti di oggi il passato e come ora dobbiamo tutti continuare ad andare avanti con uguaglianza”.

Ellen O’Keefe, un genitore e una bibliotecaria locale, è stata la prima oratrice a indirizzare la lettera anonima al consiglio.

“So troppo bene della censura e il divieto dei libri può dividere le comunità”, ha detto sul podio. “[Librarians] meritano il nostro sostegno, meritano il nostro rispetto e confido che avranno materiale che i nostri figli potranno leggere quando sarà opportuno. Sono profondamente deluso dal fatto che qualcuno abbia inviato una lettera alla comunità e non abbia usato il suo vero nome perché è davvero difficile chiamarlo, parlando nell’anonimato”.

Cindy Nicklin ha detto di essere grata che la “cosiddetta Ramsey Parent Union” abbia invitato i genitori a parlare.

“Voglio che i miei figli imparino a conoscere le persone che sono diverse da loro. Voglio che si sentano al sicuro nell’esprimersi, chiunque diventino. Voglio che imparino dal passato e che lavorino per rendere il futuro migliore per se stessi e per tutti quelli che li circondano”, ha affermato.

Ma non tutti erano così ricettivi ai libri, incentrati su temi di razza e sessualità. Alcuni hanno affermato che semplicemente non volevano che i loro figli leggessero del sesso.

La madre Allison Nordman, che ha messo in dubbio la spesa del consiglio per la diversità, l’equità e l’inclusione e gli sforzi per l’identità di genere e se ha influito sull’iscrizione, ha licenziato Ragazzo del prato come “grafico, volgare ed esplicito”, secondo Patch.com.

Tuttavia, la maggior parte dei genitori sembrava essere a favore della disponibilità della letteratura per gli studenti. Ragazzo del prato è un libro di memorie di formazione con un personaggio principale che scopre non solo la sua sessualità, ma anche le implicazioni sociali della razza e dell’etnia. Genere Queer affronta la scoperta di sé ed esplora il viaggio del protagonista verso l’accettazione di se stesso come non binario.

“Non posso credere, nel 21° secolo, di dover stare qui e parlare contro il divieto di vietare i libri nelle nostre scuole”, ha detto Christy Ross dopo essersi rivolta al consiglio. “I libri non solo svolgono un ruolo fondamentale nell’insegnamento delle abilità di lettura, scrittura e conversazione, ma… insegnano agli studenti a pensare in modo critico, a collegarli con esperienze condivise, insegnano compassione ed empatia e li costringono a esaminare i propri pregiudizi oltre a instillare un senso di gratitudine per ciò che già hanno”.

Prima di scendere dal podio, Ross ha sbattuto i critici che non hanno mai nemmeno letto i libri che stavano condannando. Ha definito il tumulto “oltraggio fabbricato progettato per creare il caos”.

Il distretto scolastico di Ramsey non ha risposto alla richiesta di commento di The Daily Beast venerdì.

.

Tags

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close