Movies

I migliori film da guardare quando sei fatto, secondo i nostri Stoner preferiti

<

Guardare film e fumare erba vanno insieme come burro di arachidi e gelatina, bambini piccoli e diademi, figa e Patron. È una combinazione classica per una ragione! Ma quando si tratta di ritrarre effettivamente l’erba, i registi tendono ad essere piatti, sottomettendosi agli stereotipi 2D per le rappresentazioni sfumate della droga “illecita” più popolare del mondo e delle persone che la consumano.

Poiché sono fastidioso, faccio fatica a sospendere la mia incredulità attraverso evidenti errate caratterizzazioni di una droga che così tanti di noi conoscono così bene. Scusa, hai strappato il bong una volta e hai avuto allucinazioni uditive e visive che ti hanno portato a provare a mangiare il tuo coinquilino in stile isola deserta? Questa non è una lezione di medicina delle scuole medie: lo so, e tu sai che lo so, quella merda è finta da morire.

Il mio personaggio preferito di sballato, quello che ritengo più fedele alla vita, è la deliziosamente vacante Jane di Anna Faris in Faccia sorridente, un film che cattura esattamente come ci si sente a sballarsi troppo in un giorno in cui si hanno molte commissioni da sbrigare. È paranoica, disorientata, un po’ meno eloquente di quanto pensa di essere, al che dico: oh mio Dio saaaaaame. Il cartone animato, oserei dire… hit.

Per trovare più veri fumatori di erba sul grande schermo, ho chiesto ad alcune delle persone più fighe e pietose che mi venisse in mente la loro interpretazione del cinema sballato. C’è Rachel Wolfsoncomico e ufficiale Jackass. Beca Grimmfondatrice della comunità femminista della cannabis Club di Pascolo. Zach Harrisscrittore di cannabis ed ex budtender. Jessamyn Stanleyinsegnante di yoga e sostenitrice della giustizia della cannabis/positività corporea. Trey Smith, produttore di VICE e il nostro figo residente. E scrittore/editore Sara David. Ecco cosa avevano da dire.

Qual è il tuo pezzo preferito del cinema stoner e perché?

Harris: ne ho pochi. Sean Penn nel ruolo di Spicoli Tempi veloci alla Ridgemont HighLo scopo principale di mettere l’erba in un film è renderlo un po’ assurdo, trascinarlo all’estremo. Quando batte la testa con le slip-on Vans e dice: “Amico, quello è il mio cranio,” questa è la migliore battuta di sballo di qualsiasi film. Brad Pitt dentro vero romanticismo è anche molto bravo nello stesso modo classico che è lì solo per essere lapidato e non c’è nessun altro personaggio [development].

Dall’altra parte dello spettro, c’è un personaggio in quel film di Rian Johnson Mattone, questo personaggio mafioso che fuma costantemente quelle che credi siano sigarette per tutto il film. E poi alla fine, è come uno di quegli altri colpi di scena in cui lui dice: “Oh, no, non fumo sigarette”. Ed è come se fumasse erba per tutto il tempo, ma non te ne sei mai accorto o non lo sapevi. Ho pensato che fosse un buon modo per farlo, dove è come, Oh, sì, la gente fuma erba tutto il tempo e non te ne accorgi davvero.

Wolfson: Adoro la scena Bussare quando Seth Rogen sta parlando con suo padre, Harold Ramis, e suo padre dice: “Se cresce nel terreno, probabilmente va bene”. Ho solo pensato che fosse un momento così bello e sottile tra padre e figlio, non me ne sono mai dimenticato. E poi c’è ancora quell’elemento nel film dello sballato muto quando si verifica il terremoto e la prima cosa che Seth Rogan afferra è il suo bong, non la sua ragazza incinta. Ma Posso distruggertiè stata una delle prime volte in cui l’erba è stata ritratta in un modo riconoscibile per me: il personaggio principale Arabella la usa per aiutarla in modo creativo, per stressare e godersi i suoi amici. Ho adorato il modo in cui l’erba è stata rappresentata e come ha arrotolato una canna. Poi, molto prima, Erbacce era bello. Ho adorato il fatto che esistesse e avesse una potente protagonista femminile, una mamma di calcio suburbana, che esiste, ed eccola qui!

Grimm: Davvero, Melanie dentro Jackie Brown è vivere la mia vita da sogno: accampato sul divano in bikini con un bong a guardare la TV, anche se è un tropo che i drogati hanno combattuto per sempre, l’essere pigri e bloccati sul divano.

sono non cercando di sostenere Woody Allen qui – è un fottuto mostro – ma il personaggio omonimo di Diane Keaton in Annie Hall è probabilmente la più accurata di quella che so essere la vita da sballato. Fuma per rilassarsi, per migliorare la conversazione e il sesso. Fa parte della vita regolare, se non quotidiana, di Annie, ma non quella che definirei una caratteristica distintiva. Soprattutto ora, l’erba è diventata così mainstream che sembra pigro se non semplicemente troppo ampio per radicare la propria personalità nell’identificarsi come “pothead”. L’erba, per me, è un potenziamento, un bonus. È glitter extra e pizazz (e OK, anche medicina), non l’unica cosa che c’è.

Stanley: La scena Atlanta, Stagione 2 Ep. 4, quando i personaggi di Donald Glover e Zazie Beetz fumano erba nella loro macchina. Nessun problema, solo medicazioni in viaggio verso la loro destinazione. Non so nemmeno se il fatto che stavano fumando erba sia mai stato effettivamente menzionato. Questa è la realtà del fumare erba: non è un grosso problema e tutti lo fanno sempre. Parlo in modo iperbolico, ma sai cosa intendo: consumare cannabis è incredibilmente normale ed è ora che ci evolviamo oltre questi stereotipi datati su cosa significhi essere uno sballato.

Voglio guardare le cose che mi aiutano a godermi ciò che amo di più dell’essere lapidato: la sensazione di essere rilassato, pronto a concedersi il piacere e disposto a costruire su un umorismo assurdo e ridere fino a piangere. – Sara David

Fabbro: Il primo personaggio stoner che mi è piaciuto molto è stato quando ero piccolo. Non sapevo che fosse sempre sballato, ma sapevo che qualcosa non andava: Bobby da Un film stupido, amico di Max. Era solo un tipo figo! Aveva un bel taglio di capelli e occhiali fantastici, ma era decisamente su un altro livello rispetto a tutti gli altri. Era sempre pronto ad aiutare i suoi amici e aveva solo molta immaginazione: ha creato un fottuto monumento storico dopo il formaggio! Dopo essere cresciuto, ho capito cosa stava succedendo. La mia ragazza ha fatto notare che indosso lo stesso tipo di occhiali da sole, quindi, sai, c’è anche una piccola cosa nel subconscio.

Davide: Quando sono lapidato, non voglio guardare le cose sull’erba. Non voglio nemmeno guardare i documenti sulla droga perché inevitabilmente mi manderà in una spirale di pensieri sulla storia e la persecuzione. Voglio guardare le cose che mi aiutano a godermi ciò che amo di più dell’essere lapidato: la sensazione di essere rilassato, pronto a concedersi il piacere e disposto a costruire su un umorismo assurdo e ridere fino a piangere. Ecco perché il mio pezzo preferito di cinema sugli stoner non riguarda nemmeno gli stoner. Pootie Tang è, per me, un film da sballo senza erba. È solo una miscela perfetta di commedia, assurdo e gioia, tutte cose che migliorano con l’erba.

Cosa sbagliano i film sulle persone che fumano erba?

Fabbro: Nei film, tutti sono impazziti tutto il tempo. Lo sballato per qualche motivo è visto come pigro e non disposto a sottoscrivere la decenza generale e a tenere in ordine la tua merda in pubblico. La maggior parte delle persone che fumano erba non sanno nemmeno quando fumano erba, si presume solo che siano sballate a causa dell’uso passato. La metà delle volte le persone nei commenti sotto le mie interviste musicali dicono: “Oh, è sballato da morire!” No. È così che sono sempre io, ragazzi. Mi dispiace deluderti. E non vedi fumatori di erba che indossano abiti normali. Sono sempre vestiti come The Dude.

Wolfson: Film pesantemente Ci siamo rappresentati come una cosa da maschi, e non penso che la ritraggano accuratamente. Quando stavo crescendo, l’abbiamo fatto Quanto alto?, Harold e Kumar, Cheech & Chong dalla generazione dei miei genitori. I personaggi stereotipati degli stoner in quei film rappresentano qualcosa che non vorresti essere: un cattivo amico, un cattivo partner, un cattivo studente. E questo non è reale, sai? Mi piacerebbe vedere storie su come qualcuno ha dovuto entrare nell’erba perché qualunque cosa stessero lavorando li ha fottuti, o il ragazzo che ha dovuto rinunciare agli antidepressivi e ha trovato l’erba: queste sono storie accurate e non penso che lo siano essere rappresentato affatto.

Harris: Che il governo coltiva dell’erba buona. Ogni film ha “l’erba del governo”. Ma se in realtà sai cosa fa crescere il governo, sai che il governo fa crescere la peggio erba. Tipo, c’è una fattoria nel Mississippi l’unico autorizzato a livello federale a coltivare cannabis per i malati di cancro e la ricerca finanziata dal governo federale… ed è a malapena riconoscibile come erba. Inoltre, nessuno sa come pulire un bong nei film! Non è mai stato fatto.

I personaggi stereotipati degli stoner rappresentano qualcosa che non vorresti essere: un cattivo amico, un cattivo partner, un cattivo studente. E questo non è reale, sai? -Rachel Wolfson

Stanley: Le rappresentazioni cinematografiche e televisive della cannabis e delle persone che la consumano sono datate e imprecise. Raramente mostrano la creatività e i benefici medicinali che derivano dal fumo di erba e rende davvero le rappresentazioni sciocche.

Davide: Oltre al fatto che la maggior parte dei film sugli sballati sono protagonisti di uomini, penso che la parte relativa alla funzionalità sia la più imprecisa. Molti stoner vengono lapidati tutto il giorno, anche durante i turni di lavoro, senza alcun impatto negativo. Ma capisco che sia meno divertente da mostrare su un film.

Grimm: Qualsiasi personaggio che colpisce una canna è un esaurimento o un perdente o come ha detto il grande Cher Horowitz All’oscuro, “Una cosa è accendere un doobie e farsi allacciare alle feste, ma un’altra è essere fritti tutto il giorno.” Prima di tutto, sembra che un narcisista che si infiltra in un punto caldo frequentato da adolescenti abbia scritto questa riga. In secondo luogo, no, Cher! Voi potere essere fritto (semi o completamente) tutto il giorno e vivere la tua dannata vita. FINALMENTE, anche i non tizi si sballano! Ma era il 1995. Fumare erba non è più sovversivo o iper-mascolino. Cazzo Martha Stewart ha venduto accendini insieme a Snoop Dogg in uno spot pubblicitario molto palesemente doppio e Goop vende pipe (che in realtà sono molto molto buoni). L’insegnante più noioso del tuo liceo ora fa scoppiare un commestibile quando si sente vivace.

Qual è la tua cosa preferita da guardare quando sei fatto?

Davide: Adoro guardare le cose che mi fanno sentire tranquillo senza preoccupazioni (come i reality TV senza posta in gioco Ottimo pasticcio britannico o L’isola dell’amore), che mi fanno ridere fino a piangere (Penso che dovresti andartene, Pootie Tang), e tutto ciò che mi fa provare emozioni profonde, onestamente. A volte voglio guardare qualcosa di nostalgico o emozionante perché è così che sento il mio sballo quel giorno!

Fabbro: io amo pianeta blu, io amo Bob Ross, re della Collina… Roba standard, suppongo, niente di troppo eccitante.

Grimm: Mio marito ed io siamo grandi nerd di Bravo, in particolare Regole Vanderpump, Scià del tramontoe i franchise di Real Housewives in Potomac e SLC. C’è così tanta merda sensoriale che scoppia in una volta. (La mia prima esperienza in assoluto con Housewives è stata ad Atlanta, dopo un sacco di funghi, durante un viaggio on the road al college in una stanza d’albergo a Dillon, SC. ​​​​Era troppo e l’ho fatto spegnere al mio amico. Sono progredito dal. ) Altre cose: la serie “Open Door” di Architecture Digest; Sono geograficamente obbligato a piacermi Atlanta ma Donald Glover lo rende facile; Porta fuori con Lisa Ling mi fa sentire come se stessi viaggiando senza muovermi dal divano o dal letto.

Stanley: Sono ubriaco per la maggior parte del tempo e fumo erba tutto il giorno, quindi mi piace consumare tutti i media da quella prospettiva. Mi piace sempre guardare i documenti perché mi fanno pensare in modo più critico e olistico al mondo che mi circonda.

Wolfson: Amo qualsiasi cosa aliena, a volte quando mi sballo sono tipo, OK, indossiamo Ancient Aliens. Reality, tipo 90 giorni fidanzato o Sposato a prima vistaperché è facile da controllare e, per non essere morboso, ma probabilmente un buon documentario sull’omicidio.

Harris: Procedurali della rete USA. Non si può sbagliare Monaco. penso Monaco è segretamente per drogati: le uniche guest star che hanno mai avuto sono state Willie Nelson e Snoop Dogg.

Katie Way è una scrittrice senior dello staff di VICE. Seguila Twitter.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close