Books

I migliori libri fantasy e fantascientifici del 2022

Abbiamo esaminato il nostro preferito Giochi, filme spettacoli televisivi dell’anno fino ad oggi, e ora è il momento di parlare dei nostri libri di fantascienza e fantasy preferiti dell’anno. Con nuovi titoli di autori amati, debutti impressionanti e raccolte di racconti, abbiamo una gamma di nuovi fantasy e fantascienza in cui tuffarti quest’anno.

<

Continueremo ad aggiornare questo articolo man mano che ci aggiorniamo sui nostri elenchi di lettura e man mano che vengono rilasciati nuovi titoli, quindi resta sintonizzato! L’elenco è in ordine cronologico inverso rispetto al rilascio, quindi i libri pubblicati più di recente saranno in cima.

E mentre sei qui, assicurati di controllare il nostro elenco di 14 fantastici nuovi libri d’amore dovresti leggere.


Cover per Eyes of the Void, che presenta un pianeta e più navi spaziali.

Immagine: Pan McMillan

Gli Architetti, una specie aliena di distruttori di pianeti delle dimensioni di una luna, sono tornati e l’unica cosa che li proteggeva non è più efficace. Allora, come risponde l’umanità? Con lotte intestine, prese di potere e piccoli battibecchi. Al centro di tutto questo c’è Idris Tellemier, l’unica persona che abbia mai dialogato con un Architetto, che trascorre la maggior parte dei Occhi del Vuoto Essere contrattato, usato e rapito per guadagno e protezione politica. Ma mentre Idris è quello incaricato di salvare il mondo, i suoi amici del Dio Avvoltoio hanno il compito di salvare Idris. Occhi del Vuoto trova Solace, Kris, Kit e Ollie (che questa volta giustamente ottiene i suoi capitoli in POV) che navigano nell’atmosfera politica tesa e affrontano nemici che vanno dagli Architetti ai cultisti fino alla loro stessa gente al fine di proteggere la loro insolita famiglia.

Adrian Tchaikovsky ha costruito una narrativa incredibilmente complicata e la sua inventiva di costruzione del mondo ha la possibilità di brillare in Occhi del Vuoto, Mentre l’equipaggio di Vulture God viene ulteriormente invischiato con nuovi personaggi, specie e culture, la maggior parte dei quali l’equipaggio trova vari modi per incazzare. E sebbene il libro sollevi più domande che risposte, i misteri che si accumulano alzano la posta in gioco a livelli da batticuore mentre la ricerca di Idris per imparare a fermare gli Architetti svela verità sorprendenti sulla composizione stessa dell’universo della verità. —Sadie Gennis


La copertina di The Hunger of the Gods di John Gwynne, che presenta un lupo molto arrabbiato.

Immagine: libri sull’orbita

Nella sua seconda uscita, The Bloodsworn Saga rimane una serie spietata e brutale piena di azione grafica, costruzione del mondo impeccabile e un insieme sempre crescente di personaggi che si trovano a cavallo delle linee della moralità. Solo che ora non si tratta più solo di mortali che combattono per il potere, la vendetta o la famiglia. Gli dei sono tornati a Vigrið, gettando l’equilibrio della società nel caos. Mentre molti si affannano per trovare punti d’appoggio del potere nel mutevole ordine mondiale, i nostri protagonisti originali – Okra, Elvar e Varg – continuano risolutamente lungo i loro percorsi per salvare e vendicare coloro che sono stati loro sottratti, anche se ciò significa combattere (o ridurre in schiavitù) un dio . Mentre le trame dei personaggi erano in gran parte separate nel primo romanzo, qui si intrecciano dentro e fuori le vite degli altri mentre il destino e la (s)fortuna rivelano quanto intricati i loro percorsi si siano intrecciati. A ritmo serrato e con un’azione tonificante in tutto, La fame degli dei è l’epica ricompensa per la fondazione in cui Gwynne ha meticolosamente stabilito L’ombra degli dei e una configurazione emozionante per la conclusione della serie. —SG


La copertina di Sea of ​​​​Tranquiility che mostra una luna dietro l'orizzonte

Immagine: Penguin Random House

Emilia S. John Mandel ha dimostrato il suo talento nello scrivere storie intrecciate, con entrambi Stazione Undici e L’hotel di vetro Presentando i loro calchi in modo frammentario, rivelando lentamente come ognuno di questi personaggi si conosca. Mare di tranquillità è ancora più tentacolare, che va dagli anni ’10 al futuro, un periodo in cui le persone vivono in colonie lunari. Il libro crea anche un Mandel ufficiale multiversose questo è il tuo genere, con i personaggi di L’hotel di vetro fungendo da alcuni dei focus principali del romanzo.

La mia parte preferita di Mare di tranquillità è il suo abbraccio totale di uno dei miei tropi di fantascienza preferiti. È una storia di viaggio nel tempo con una serie di svolte ben tracciate, tutte nello stile di scrittura fluido e introspettivo di Mandel. È un’ottima lettura per tutti coloro che amano i film di Matrix o quelli della Disney Loki (ma forse avrei voluto che bloccasse un po’ meglio l’atterraggio). —Nicole Clark


La copertina di This Rebel Heart, con una giovane donna sovrapposta a una città in fiamme.

Immagine: Penguin Random House

Budapest è il luogo in cui la famiglia di Csilla ha vissuto per centinaia di anni. È anche il luogo in cui sono morti. Nel 1956, sette anni dopo che i suoi genitori furono giustiziati dalla polizia sovietica, la dattilografa ebrea Csilla e sua zia si preparano a fuggire in Israele. Ma dopo incontri casuali con uno studente rivoluzionario e un angelo della morte, Csilla inizia a chiedersi cosa significhi di più per lei: lottare per sopravvivere o lottare per una vita migliore.

Con i suoi personaggi riccamente disegnati e le rappresentazioni sventrate del trauma e dell’antisemitismo post-Olocausto, Questo cuore ribelle è un resoconto fondato, spesso straziante, della vita ebraica sotto l’occupazione russa. Mentre Csilla si trova in prima linea nella rivoluzione ungherese, naviga tra le duellanti realtà che l’hanno plasmata: ricordando e dimenticando, sopravvivenza e libertà e amando una città che non l’ha mai amata. Mescolando elegantemente la storia con il realismo magico e il folclore ebraico, Katherine Locke ha creato un profondo tributo a coloro che sono disposti a rischiare tutto per la speranza. —SG


La copertina di The Way Spring Arrives And Other Stories, una raccolta di fantascienza e fantasy cinese tradotta da un team visionario di creatrici e creatrici non binarie, curata e raccolta da Yu Chen e Regina Kanyu Wang.  La copertina presenta fiori.

Immagine: Tor Publishing

La fantascienza cinese è diventata popolare negli Stati Uniti, poiché Ken Liu (un autore affermato a pieno titolo) ha tradotto l’innovativo libro di Liu Cixin Problema dei tre corpi in inglese. Da allora, la narrativa speculativa cinese ha guadagnato popolarità, lasciando il posto ad altri talenti letterari.

Il modo in cui arriva la primavera è una raccolta di 17 storie di fantascienza e fantasy cinesi — e tutte sono state scritte, tradotte e modificate interamente da donne e scrittrici non binarie. Curata da Yu Chen e Regina Kanyu Wang, l’eccellente collezione abbraccia argomenti e tropi. —NC


La copertina di Goliath mostra un testo in grande blocco davanti ad alcune immagini del profilo di una donna di colore

Immagine: Tor/Macmillan

Golia di Tochi Onyebuchi

Nel prossimo futuro, un volo di massa dei bianchi verso le colonie spaziali ha lasciato la popolazione in gran parte povera del BIPOC a portare avanti un’esistenza sulla Terra, che è diventata inabitabile dopo i disastri ecologici e causati dall’uomo. Ma sebbene i potenti e i privilegiati abbiano abbandonato il pianeta, il sistema da cui traggono profitto rimane intatto. Ora, anni dopo, i coloni spaziali hanno iniziato a tornare, alcuni per gentrificare i quartieri abbandonati dai loro antenati e altri come turisti traumatici che cercano di guardare a bocca aperta coloro che erano stati lasciati indietro. Una serie non lineare di vignette, Golia cambia tra le prospettive di diversi personaggi, ma l’obiettivo principale è un gruppo di impilatori, una squadra di lavoratori neri e marroni che raschiano recuperando mattoni da edifici demoliti per inviarli nelle colonie. Senza speranza che le circostanze migliorino, da tempo sono arrivati ​​ad accettare che il dolore sarà la costante principale nelle loro inevitabili brevi vite: se l’aria cancerosa non li uccide, lo farà la polizia automatizzata dei droni. Ma mentre gran parte delle loro vite è definita dal dolore, gli impilatori continuano ad andare avanti, alla ricerca di significato e fugaci momenti di gioia in un mondo progettato per distruggerli.

Impressionante per dimensioni, ambizione e gamma di voce, Golia è un’opera sconvolgente che è molto più della somma delle sue parti. Oltre agli impilatori, Tochi Onyebuchi racconta storie di una coppia gay bianca che lascia le colonie per fare la pioniera sulla Terra, una giornalista che spera di raccontare la storia degli impilatori (ma in realtà, sperando di alleviare il suo senso di colpa da bianca), una laureata incarcerata a Yale che diventa un negoziatore in una protesta carceraria e un maresciallo nero che trascina uno schiavista attraverso l’Occidente per recuperare il corpo di un ragazzo assassinato. Golia è allo stesso tempo tentacolare e intimo, esplorando il razzismo, il classismo, la gentrificazione, il sistema carcerario e la crisi climatica attraverso brevi momenti in queste vite in gran parte disconnesse. Ma presi insieme, questi piccoli momenti si sommano a uno sguardo potente al sistema rotto dell’America e alla traiettoria straziante in cui ci troviamo. —SG


La copertina di Akata Woman mostra il semiprofilo di una donna afro, illustrata in scala di grigi

Immagine: Penguin Random House

Se le prime due puntate della serie The Nsibidi Scripts riguardavano la scoperta e l’esplorazione della sua identità da parte di Sunny, Donna Akata riguarda lei che lo definisce. Il romanzo inventivo e avventuroso segue Sunny durante un periodo di grande crescita mentre lei e Chichi sono costrette a mantenere il loro patto con il ragno gigante Udide per restituire il suo ghazal rubato. Con Orlu e Sasha al seguito, il viaggio insidioso della congrega per recuperare l’antica pergamena li porta a scoprire nuovi mondi mozzafiato e i limiti crescenti delle loro abilità juju. Ma mentre Sunny si sforza di tenere il passo con i suoi poteri in rapida evoluzione, deve anche affrontare la frattura crescente nella sua relazione con il suo volto spirituale, Anyanwu.

Essere raddoppiati ed essere un agente libero comportano entrambi pesanti fardelli nella cultura Leopard, ma dappertutto Donna Akata, Sunny scopre una forza e un conforto in chi è e cosa può fare. È l’ennesima tappa bellissima nel viaggio di formazione di Sunny, reso ancora più d’impatto dalla prosa ritmica di Nnedi Okorafor. –SG


La copertina di How High We Go in the Dark che mostra le nuvole come sfondo

Immagine: HarperCollins

Sequoia Nagamatsu Quanto in alto andiamo nel buio è facilmente uno dei migliori libri che ho letto quest’anno finora e non sarei sorpreso se fosse il mio preferito in assoluto entro la fine dell’anno. Tenero e distopico, il romanzo sulla pandemia è raccontato in una serie di vignette, ognuna delle quali espone una sacca diversa della società futura e alla fine si connette attraverso personaggi e circostanze.

Nagamatsu dipinge nitidamente un’immagine della società che inevitabilmente costruisce l’industria per il dolore, mentre le persone combattono per la dignità umana di base e lottano per conservare i ricordi dei propri cari. È un’ambiziosa critica al capitalismo in fase avanzata, avvolta in una serie di drammi familiari che suonano fuori contesto: un giocattolo per cani robot che contiene le registrazioni delle ninne nanne di una madre defunta, uno stato di parco di eutanasia per bambini i cui genitori vogliono che lo facciano. Avere ricordi finali felici e le valute funreal create da tech-bro sono solo alcuni degli scenari. —NC


La copertina di Daughter of the Moon Goddess di Sue Lyn Tann, con sfondo blu, fiori, una figura in un vestito e la luna.

Immagine: Harper Voyager

Questa sincera fantasia lirica segue Xingyin, una giovane immortale cresciuta in segreto da sua madre Chang’e, la dea della luna esiliata in una vita di solitudine dal crudele imperatore celeste. Ma quando l’esistenza di Xingyin viene scoperta, deve fuggire dall’unica casa che abbia mai conosciuto e ritagliarsi un nuovo percorso mentre nasconde la verità su chi è.

Figlia della dea della luna ripercorre gli anni del viaggio di Xinglin con una velocità efficiente e senza sforzo, raccontando la sua evoluzione da bambina protetta a improbabile ma cara compagna del principe celeste e arciere decorato al servizio dello stesso imperatore che disprezza. Nel frattempo, Xingyin deve destreggiarsi tra i desideri e i doveri che sviluppa nella sua nuova vita con la sua determinazione di lunga data di liberare sua madre dal controllo dell’imperatore. Una storia su quanto lontano si va per amore e le scelte dolorose che dobbiamo fare lungo la strada, Figlia della dea della luna intreccia mitologia cinese, intrighi di corte, romanticismo, azione e tradimento in uno dei debutti più emozionanti dell’anno. –SG

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also

Close
Back to top button
Close
Close