Books

Il mostro di Christopher Pike è un punto culminante dell’autore di YA Horror

Proprio come Mary Blanc, Cristoforo Luccio è in missione. L’autore fornisce l’incidente incitante di Mostro con una velocità vertiginosa; arriva dritto all’omicidio. Solo nei primi paragrafi del romanzo per giovani adulti del 1992, Mary spara a due persone morte a una festa prima che la sua migliore amica Angela Warner la fermi. Tutto sembra al sicuro ora, ma dopo aver appreso il bizzarro motivo di Mary, Angela si rende conto che il vero pericolo è “appena iniziato”.

<

Brian Kotzkyl’opera d’arte per Mostro propone una sorta di racconto di creature sulla scia dei film vintage “B” come Ero un lupo mannaro adolescente; la copertina mostra una cheerleader del liceo che cammina accanto a un giocatore di football con gli occhi rossi. Pike mantiene la promessa della copertina e lo fa prima di quanto potrebbero fare altri autori. Piuttosto che vedere la nuova ragazza in città venire lentamente alla presenza di una minaccia innaturale, Angela viene gettata a capofitto nel cuore dell’oscurità una volta che Mary cancella due dei loro compagni di classe. I primi tre mesi di Angela a Point furono tranquilli fino alla notte della festa di Jim Kline. Non riesce ancora a capire che la sua migliore amica Mary uccida qualcuno, eppure Todd Green e Kathy Baker dicono il contrario. O non avrebbero fatto a pezzi i loro corpi. Se non fosse stato per Angela, Mary avrebbe potuto rivendicare un’altra vittima; intendeva assolutamente uccidere l’ospite della festa, che sembra essere il suo ex.

Tutti si affrettano a etichettare questo come il caso di un’adolescente abbandonata che usa un fucile per superare una rottura, ma Angela si rifiuta di accettare la narrativa popolare. Il primo colloquio di Angela con Mary dall’incidente crea dubbi e riflette sui presunti mostri in questione. “Todd e Kathy non erano più esseri umani. Ecco perché li ho uccisi”, spiega Mary in prigione. La sua storia – Jim, Todd e Kathy hanno attirato due coppie in un magazzino per un’orgia, ma invece le hanno mangiate – sarebbe stata troppo là fuori perché chiunque altro potesse crederci. Angela, tuttavia, è curiosa di avere una colpa. E, nonostante tutte le congetture che circolano, confida ancora che Mary non ucciderebbe qualcuno a meno che non avesse una buona ragione.

Libro in brossura del mostro di Christopher Pike

Gran parte del pulp YA degli anni ’90 enfatizza i trasgressori umani, inclusi gli stalker e i rivali fatali. Qualsiasi immersione nel mistero in questo tipo di libri spesso assumeva la forma di fantasmi e, a volte, di streghe, lupi mannari e vampiri. Pike, d’altra parte, ha lasciato del tutto la Terra per trovare i suoi mostri. Il fantasioso autore, il cui pseudonimo si ispira a a Star Trek personaggio, incanala il suo amore per la fantascienza quando spiega l’origine distinta delle creature. Questa brusca e completa svolta nella pseudoscienza sembra essere uno degli elementi di maggior successo del libro.

I sanguinari antagonisti di Christopher Pike Mostro può essere fatto risalire a Point Lake, uno specchio d’acqua locale formato 100.000 anni fa da una meteora. E detto meteorite era, come ipotizzato da un professore di geologia di nome Dr. Alan Spark, un frammento di originale quinto pianeta dal Sole prima che fosse distrutto e infine sostituito in orbita da Giove. La storia diventa solo più strana da qui in poi. In breve, l’acqua altamente magnetica del lago in combinazione con un microrganismo alieno sta ora trasformando i giovani di Point in quelli che sono essenzialmente dei vampiri. Questo mito alternativo per creature così onnipresenti nel genere horror è tanto inaspettato quanto intrigante. Poi arriva una sottotrama avvincente ed espressiva sulla nascente sessualità di Angela in relazione alla sua stessa afflizione extraterrestre. Il fascino soprannaturale di Jim disarma le difese di Angela e apre le porte a un diverso tipo di desiderio che va ben oltre la fame fisica.

Anche se potrebbe sentirsi sola durante il suo viaggio, Angela ha il supporto. C’è naturalmente Mary, che è l’ombra di se stessa; fornisce una guida da dietro le sbarre e in seguito la motivazione per Angela per finire ciò che la sua migliore amica ha iniziato. Poi c’è l’ufficiale assegnato al caso di Mary che segue Angela, il tenente Nguyen. Il veterano della guerra del Vietnam trasformato in poliziotto funge da unica ancora del libro alla realtà, ma la sua lealtà cambia una volta che il velo tra i due mondi svanisce. Dott. Spark non è il Peter Vincent per il Charley Brewster di Angela a causa della sua preoccupazione di essere screditato accademicamente, eppure convalida la sua teoria marginale quando avrebbe facilmente potuto respingerla. Quanto al caro Kevin, è sempre l’amico e mai il fidanzato. Senza di lui, però, Angela non si sarebbe mai resa conto che la sua capacità di pentirsi e piangere è ciò che la separa dagli altri mostri. Il vero quelli.

In un’intervista con Gabrielle Moss, autrice di Brossura Crush: La storia totalmente radicale della narrativa per adolescenti degli anni ’80 e ’90, Pike ha detto: “Sin dall’inizio, ho deciso che non avrei parlato con i miei lettori. Scrivevo i miei libri di YA nello stesso modo in cui scrivevo i miei libri per adulti, solo i personaggi sarebbero più giovani”. Pike non usava mezzi termini quando si trattava di argomenti raramente trattati dai suoi contemporanei. Non tutto ciò che ha scritto sulla storia d’amore e il sesso adolescenziale è piacevole in retrospettiva, ma il modo audace e ultraterreno in cui ha esaminato tali argomenti è senza dubbio il motivo per cui così tanti giovani curiosi si sono riversati sui suoi libri all’epoca. Pike ha iniettato nelle sue storie le emozioni più sincere quanto la carnalità e la violenza raccapricciante.

di Christopher Pike Mostro è una corsa sfrenata dall’inizio alla fine e i lettori avranno difficoltà a mettere giù il libro una volta iniziato. Come sempre, Pike bilancia abilmente dramma e terrore nella sua scrittura, dando anche un’impronta unica a un concetto familiare e senza tempo come gli adolescenti che si trasformano in indicibili creature della notte. Fino ad oggi Mostro rimane un punto culminante nella già distinta produzione di Pike.


C’è stato un tempo in cui la sezione delle librerie per giovani adulti era traboccante di orrore e suspense. Questi libri sono stati facilmente identificati dai loro caratteri appariscenti e dalla copertina sgargiante. Questo notevole sottogenere della narrativa YA ha prosperato negli anni ’80, ha raggiunto il picco negli anni ’90 e infine è giunto al termine all’inizio degli anni ’00. L’orrore di questo tipo è davvero una cosa del passato, ma le storie sopravvivono Sepolto in un libro. Questa rubrica ricorrente riflette sui nostalgici romanzi che perseguitano ancora i lettori più tardi.

Libro dei mostri di Christopher Pike

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close