Books

Il rivenditore di libri britannico sta vendendo una collezione da $ 650.000 di rarità di James Bond.

Quando rivenditori e collezionisti si riuniscono questo fine settimana per il 62nd Annuale New York International Antiquarian Book Fair, ci si aspetta che acquistino e vendano tutti i tipi di oggetti unici. Tra le offerte: una copia della prima edizione de “Lo Hobbit” di JRR Tolkien, un raro libro di poesie di E.E. Cummings e un documento firmato dal leader indiano Gandhi, pieno delle sue impronte digitali.

<

Ma l’oggetto che potrebbe attirare maggiormente l’attenzione è una raccolta di sceneggiature di film e altro materiale legato all’agente segreto immaginario preferito di tutti: James Bond.

Peter Harrington Rare Books, un commerciante britannico, offre la collezione di tutte le cose Bond per 500.000 sterline britanniche, o circa $ 650.000. Include sceneggiature per tutti gli oltre 20 film di Bond. In alcuni casi, è probabile che esistano solo 20-25 copie di tali script, ha affermato Adam Douglas, uno specialista senior di Peter Harrington.

Ancora più intrigante: la raccolta contiene anche due versioni della sceneggiatura di “Warhead”, un film di James Bond, ambientato in parte a New York, che non è mai stato realizzato. (Da notare: la sceneggiatura è stata co-autrice della sceneggiatura di Sean Connery, probabilmente il più celebre dei legami cinematografici.) Un altro oggetto “Warhead” nella collezione: un dipinto ad acquerello raffigurante un set per l’aspirante film.

Douglas ha detto che la collezione è stata acquistata da un appassionato di Bond che ha impiegato anni per assemblare il materiale. Nel complesso, rappresenta “un quadro completo di come sono stati realizzati i film di Bond”, ha affermato Douglas, osservando che la collezione include oggetti per tutta la durata dell’era di Daniel Craig, recentemente conclusa, delle 007 immagini. (L’ultimo film di Craig di Bond, “No Time to Die”, è stato presentato in anteprima nel 2021.)

La collezione di rarità di James Bond venduta per $ 650.000 alla New York International Antiquarian Book Fair include sceneggiature e opere d’arte collegate a “Warhead”, un’immagine 007 che non è mai stata realizzata.

Per gentile concessione di Peter Harrington libri rari

Sebbene la collezione possa essere significativa per i fan di Bond, rappresenta solo una fetta del mercato degli oggetti da collezione 007: un vero mercato obbligazionario, se vuoi. Ed è un mercato che è rimasto costantemente attivo negli ultimi anni, secondo i rivenditori.

C’è richiesta non solo per gli articoli del film, ma anche per le copie della prima edizione dei romanzi di Ian Fleming che hanno ispirato i film. I libri vengono regolarmente venduti per decine di migliaia di dollari ciascuno, ha affermato Joe Maddalena, vicepresidente esecutivo di Heritage Auctions, la società con sede in Texas specializzata in una gamma di oggetti da collezione.

Maddalena dice che Heritage metterà all’asta un oggetto di Bond particolarmente raro a giugno: il taccuino tascabile che Ian Fleming ha usato durante lo sviluppo del romanzo di Bond, “You Only Live Twice”. Si aspetta che l’oggetto possa essere venduto per $ 100.000.

Un paio di pagine dal taccuino di Ian Fleming per “You Only Live Twice”. L’oggetto Bond sarà venduto all’asta a giugno.

Aste del patrimonio di cortesia

Alcuni articoli obbligazionari possono persino comandare prezzi a sette cifre. Un esempio calzante: un’auto Aston Martin restaurata, usata nel film “Goldfinger”, è andato per $ 6,4 milioni.

Maddalena afferma che la popolarità duratura del canone Bond è ciò che guida i prezzi elevati. Per quanto gli spettatori si riversino oggi sull’ultimo film Marvel, la serie 007 risale a più di mezzo secolo fa e ha fan in tutto il mondo.

“Non riesco a immaginare in nessuna parte del mondo che la gente non abbia sentito parlare di 007”, ha detto.

Infatti, quando Amazon AMZN,
-3,70%
recentemente annunciato di aver acquisito la MGM, lo studio cinematografico dietro le immagini di Bond e innumerevoli altri film, è stato ampiamente ipotizzato che il canone 007 abbia contribuito a guidare l’accordo.

Come Peter Newman, professore di cinema e capo del programma alla New York University, ha detto alla pubblicazione specializzata Variety: “Il motivo dell’acquisizione sembrava che stessero cercando i grandi titoli, la proprietà intellettuale, che ovviamente, prima di tutto, significava il franchise di James Bond”.

.

Tags

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close