Art

Ispirazione dell’età dell’oro, neon verde nel Dorset e il potere crudo della natura – la settimana nell’arte | Arte e design

Esposizione della settimana

Riformulato: La donna alla finestra
Rachel Whiteread, Louise Bourgeois, Cindy Sherman e altri rivelano come la rappresentazione delle donne nei dipinti olandesi dell’età dell’oro abbia ispirato gli artisti contemporanei.
Dulwich Picture Gallery, Londradal 4 maggio al 4 settembre.

<

Mostrando anche

Paesaggi radicali
La versione al neon verde di Jeremy Deller del gigante di Cerne Abbas e Claude CaunLe maschere dell’isola sono tra le versioni sovversive della pastorale qui.
Tate Liverpool dal 5 maggio al 4 settembre.

Fedele alla natura: La pittura all’aperto in Europa 1780-1870
L’impressionismo francese è nato dalla tradizione degli schizzi a olio all’aperto qui esaminati, con paesaggi dipinti rapidamente da Constable, Corot e altri. Collabora bene con l’attuale acquisizione del museo da parte di Hockney.
Fitzwilliam Museum, Cambridgedal 3 maggio al 29 agosto.

Salinas di Andreas Gursky, 2021.
Inquietante … Salinas di Andreas Gursky, 2021. Fotografia: Andreas Gursky, VG Bild-Kunst, Bonn.

Andrea Gursky
L’artista tedesco, le cui inquietanti fotografie panoramiche trasmettono la complessità della vita moderna, mostra opere recenti, comprese sublimi vedute del fiume.
White Cube Bermondsey, Londradal 29 aprile al 26 giugno.

Archipenko e l’avanguardia italiana
Questo pioniere della scultura moderna, nato a Kiev, ha avuto una forte influenza sui futuristi italiani.
Collezione Estorik, Londradal 4 maggio al 4 settembre.

Immagine della settimana

Corso Top Secret di disegno dal vero
Distogli lo sguardo, sguardo dritto maschile… un corso di disegno dal vero Top Secret a Melbourne. Fotografia: Katy Marks

I club artistici che spuntano a Sydney e Melbourne offrono agli artisti la possibilità di attirare persone trans e queer, artisti burlesque e persino modelle in cosplay. Leggi la storia completa qui.

Cosa abbiamo imparato

L’artista nera britannica Sonia Boyce ha vinto il Leone d’Oro per il miglior padiglione nazionale alla Biennale di Venezia

Le donne superano per la prima volta gli artisti maschi nelle sale principali della biennale

Justine Kurland ha tagliato e collage immagini dai libri di 150 rinomati fotografi bianchi

Ci sono sacchi di sabbia a Venezia per l’arte ucraina

Tracey Emin ha un nuovo senso di libertà a Margate

È abbastanza chiaro che Walter Sickert ha affermato di essere Jack lo Squartatore

I musei hanno superato la crisi

Il National Trust ha rivelato i tesori di Polesden Lacey

Un nuovo schema di uffici per la South Bank di Londra è un bruto

Il recupero dei tessuti storici sta innescando un boom nella moda africana

Capolavoro della settimana

William Hogarth (1697 - 1764), Sarah Malcolm, 1733. Olio su tela
Fotografia: National Gallery of Scotland, lascito di Lady Jane Dundas 1897

Sarah Malcolm, 1733, di William Hogarth
Questa non è una delle satire selvagge per le quali Hogarth è famoso, ma un ritratto sensibile e compassionevole di una donna in attesa della sua morte. Sarah Malcolm, una serva, è stata condannata per aver ucciso la sua amante e altri due membri del – ma ha insistito sul fatto che era innocente. Era un caso noto e Hogarth ha ottenuto l’accesso alla sua cella nella prigione di Newgate, dove l’ha disegnata due giorni prima che fosse impiccata. I suoi occhi sono tristi e pensosi, distogliendo lo sguardo da noi come se stesse ripercorrendo la sua vita nei suoi pensieri. Hogarth le sembra comprensivo nel suo linguaggio visivo. Probabilmente l’avrebbe resa più brutale se l’avesse ritenuta colpevole. È ritratta come una vittima di un sistema giudiziario oscuro e labirintico le cui ombre la circondano mentre si prepara a inghiottirla.
Gallerie Nazionali di Scozia, Edimburgo

Non dimenticare

Per seguirci su Twitter: @GdnArtandDesign.

Iscriviti alla newsletter di Art Weekly

Se non ricevi già la nostra regolare carrellata di notizie su arte e design via e-mail, si prega di iscriversi qui.

Mettiti in contatto

In caso di domande o commenti su una qualsiasi delle nostre newsletter, inviare un’e-mail a [email protected]

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close