Art

Jessica Mauboy torna a casa a Darwin per supportare gli artisti della comunità remota

Jessica Mauboy è cresciuta nel sobborgo esterno di Darwin, Wulagi, ed è orgogliosa di dirlo a chiunque la ascolti.

<

“La strada in cui sono cresciuta era Pelican Street”, ha detto.

“Non c’è niente di sbagliato nel crescere in una piccola città o in un piccolo sobborgo.

“Puoi farcela ovunque se ci credi davvero, credi in te stesso e in chi sei.”

La musicista nata a Darwin ha detto che i ricordi di quando è uscita su un gommone per piazzare trappole per granchi con suo padre, il cibo del mercato locale e gli odori della città tropicale l’hanno tenuta con i piedi per terra.

“C’è uno spirito e un senso di connessione con la terra, una connessione con la comunità e le persone che ami”, ha detto.

Una donna tende le mani di lato mentre canta in un microfono.
Jessica Mauboy ha detto che avrebbe ascoltato e imparato da artisti remoti.(ABC Kimberley: Andrew Seabourne)

“Mia madre, mio ​​padre, tutti i miei fratelli, nipoti, famiglia allargata, cugini di primo grado, cugini di secondo grado, sono tutti qui, tutta la mia mafia è qui”.

Mauboy è tornato nel paese di Larrakia per assumere un nuovo ruolo a sostegno degli artisti della comunità remota, che condivideranno le loro opere e tessuti alla Darwin Aboriginal Art Fair (DAAF) e alle relative sfilate di moda entro la fine dell’anno.

una passerella di moda con sette modelle che indossano abiti bianchi e gialli.
Gli artisti potranno recarsi a Darwin per la fiera quest’anno, per la prima volta dal 2019.(In dotazione: Dylan Buckee)

“È un’enorme responsabilità e voglio essere in grado di condividere quel messaggio ed essere quel modello che incoraggia la folla a fare coming out e continuare a condividere la propria storia perché è importante”, ha detto.

“La loro storia è importante”.

In qualità di ambasciatore della DAAF, Mauboy ha iniziato a visitare centri artistici remoti tra cui Marrawuddi a Jabiru e Injaluk Arts di Gunbalanya.

Ma ha detto che sarebbe andata in secondo piano.

“Dal mio punto di vista, dal mio obiettivo, mi viene insegnato, sono l’ascoltatore”, ha detto.

Dopo una pausa di due anni a causa del COVID-19, dalle remote comunità di artisti del Territorio del Nord e da altre parti dell’Australia potranno nuovamente viaggiare su lunghe distanze per condividere il loro lavoro di persona agli eventi DAAF di agosto.

Un uomo dipinge i canguri
Circa 50 centri d’arte di proprietà aborigena supportano artisti in tutto il Territorio del Nord.(Notizie ABC: Jane Bardon)

Ciò arriva con la promessa degli organizzatori dell’evento di restituire tutti i profitti agli artisti e alle loro comunità tramite centri d’arte locali, senza che l’evento riceva commissioni.

Shilo McNamee, direttore artistico dell’evento e artista lei stessa, ha frequentato la stessa scuola superiore di Mauboy.

“I centri d’arte svolgono un ruolo enorme nel sostenere artisti e comunità e nel mantenere attivi molti flussi di reddito”, ha affermato

“Questo è qualcosa su cui stiamo cercando di educare attivamente il pubblico, acquistando eticamente e sapendo da dove provengono le opere d’arte”.

“È davvero fantastico vedere sui social media che le persone si pongono queste domande”.

Shilo Mc Namee
La signora McNamee ha affermato che tutti i profitti della fiera d’arte andranno agli artisti e ai loro centri d’arte remoti.(In dotazione: DAAF)

L’anno scorso, l’evento è andato online e, con 1.730 artisti provenienti da più di 70 centri d’arte remoti, ha generato circa 3 milioni di dollari.

“[It’s] aiutare questi centri d’arte a supportare gli artisti nel paese in modo che possano lavorare da casa”, ha affermato la signora McNamee.

“Essere in grado di trasmettere le loro storie è una parte davvero importante per portare le opere d’arte nello spazio della moda e anche per assicurarsi che tutte le collaborazioni siano con gli artisti a bordo, in modo che possano dire quali modelli sono appropriati da indossare in quali circostanze.

“Gli artisti più giovani e le generazioni più giovani indossano i loro modelli con orgoglio, il che è davvero bello da vedere”.

Gli acquirenti analizzano da vicino un pezzo alla fiera d'arte.
La fiera d’arte del 2021, che si è tenuta virtualmente, ha incassato circa 3 milioni di dollari.(In dotazione: Dylan Buckee)

Mauboy ha detto che voleva anche essere un modello forte per i residenti più giovani del NT.

“Sono sicura che i giovani stanno affrontando molte sfide”, ha detto.

“Fidati di te stesso e credi di più in te stesso, e questo richiede grande coraggio e grande coraggio, ma una volta che lo fai, penso che tutto il resto vada a posto.”

.

Tags

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close