Movies

Kenneth Welsh, attore di “Twin Peaks” e “The Day After Tomorrow”, è morto a 80 anni

Kenneth gallese, un prolifico attore caratterista canadese con più di 200 crediti cinematografici, è morto giovedì sera. Aveva 80 anni.

<

ACTRA, il sindacato canadese del cinema e della televisione, ha confermato la notizia venerdì.

“Ken è stato uno dei più grandi interpreti canadesi di tutti i tempi, con centinaia di ruoli memorabili nell’arco di decenni”, ha affermato ACTRA in una nota. “Egli ci mancherà molto. Le nostre condoglianze ai suoi cari”.

Welsh è meglio conosciuto dal pubblico americano per il ruolo di Windom Earle, il pazzo agente dell’FBI nella seconda stagione della rivoluzionaria serie televisiva “Cime gemelle.”

Era una figura coerente in televisione in Canada, recitando spesso in film per la TV, e ha interpretato diversi personaggi storici sullo schermo.

Nato nel 1942 a Edmonton, Alberta, gallese ha studiato alla National Theatre School of Canada a Montreal. Ha poi trascorso i primi anni della sua carriera come interprete al Festival di Stratford, famoso in tutto il mondo, riconosciuto per le sue rappresentazioni di opere di Shakespeare. Nel 2006, avrebbe interpretato se stesso in un episodio di “Slings & Arrows”, un’acclamata serie comica ambientata in una compagnia teatrale immaginaria sul modello di Stratford.

Il primo credito cinematografico di Welsh è stato come interprete in “Shoestring Theatre”, una serie antologica della CBC del 1963 che ha visto un gruppo di artisti minimalisti, produzioni sperimentali di opere teatrali. Ha fatto alcune altre apparizioni televisive negli anni ’60, comprese le versioni di film TV di “Enrico V” (dove interpretava Gray) e “I tre moschettieri” (dove interpretava il ruolo centrale di D’Artagnan).

Nel corso degli anni ’70 e ’80, il gallese ha lavorato principalmente in Canada.

Ha avuto ruoli importanti in film per la televisione come “Hedda Gabler”, “Reno and the Doc”, “A Stranger Waits” e “Love and Hate”. Nel 1988, ha interpretato un ruolo secondario in “Crocodile Dundee II” e ha recitato in un episodio dell’allora revival “Twilight Zone”.

Welsh è stato scelto per il ruolo di Windom Earle, uno dei cattivi principali della seconda stagione di “Twin Peaks”, nel 1990. L’ex partner e mentore dell’agente speciale del personaggio principale Dale Cooper (Kyle MacLachlan), Earle è impazzito e ha ucciso sua moglie. Dopo essere fuggito dalla prigionia, si recò nella città titolare di Twin Peaks nella speranza di scatenare il potere del soprannaturale Black Lodge.

Il gallese ha fatto una presenza minacciosa nei panni di Earle, che era memorabile per la sua natura crudele e l’ossessione per gli scacchi. L’attore ha recitato in 10 episodi dello spettacolo ed è stato una figura centrale nel finale notoriamente ambiguo dello spettacolo.

Dopo “Twin Peaks”, Welsh ha iniziato a lavorare più in America, anche se ha continuato a fare frequenti apparizioni in produzioni canadesi. Ha recitato in spettacoli tra cui “The X-Files”, “Law & Order”, “Due South”, “Smallville”, “Stargate Atlantis”, “The Expanse” e “Star Trek: Discovery”.

Nel 2018, il gallese ha assunto un ruolo ricorrente in “Lodge 49”, dove ha interpretato Larry Loomis, il leader di un ordine fraterno. Ha anche continuato a recitare in film per la televisione, incluso il ruolo del presidente americano Harry S. Truman in due produzioni separate: “Hiroshima” nel 1995 e “Haven” nel 2001.

Dal 2000 al 2002, Welsh ha interpretato il Dr. Watson al fianco di Matt Frewer nei panni di Sherlock Holmes in quattro film per la televisione per Hallmark Channel.

Il gallese ha avuto ruoli secondari in film teatrali tra cui “Timecop” e “Legends of the Fall”. Nel 2004 ha interpretato il ruolo del Dr. Hepburn, il padre di Katharine Hepburn di Cate Blanchett, in “The Aviator” di Martin Scorsese. Lo stesso anno, ha anche interpretato l’incompetente vicepresidente degli Stati Uniti Raymond Becker nel film catastrofico di Roland Emmerich “The Day After Tomorrow”. Al momento dell’uscita del film, c’erano alcune critiche su come il gallese somigliasse all’allora vicepresidente Dick Cheney, cosa che Emmerich ha ammesso era intenzionale.

Altri film degni di nota includono “The Fog”, “The Covenant” e “Fantastic Four: Rise of the Silver Surfer”.

Al momento della sua morte, Welsh aveva diversi progetti in post-produzione.

Doveva fare un’apparizione come ospite nel revival Prime Video della serie comica canadese “The Kids in the Hall”, che uscirà alla fine di questo mese. Altri ruoli imminenti includono apparizioni in film come “Campton Manor”, “Midnight at the Paradise”, “Deadly Draw” e “Afterwards”.

Welsh lascia suo figlio, Devon Welsh, un cantautore.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close