Celebrity

Kim Kardashian e Pete Davidson hanno partecipato alla cena dei corrispondenti della Casa Bianca – The Hollywood Reporter

In un ritorno alla normalità, crimini, funzionari governativi e celebrità hanno sfilato sul tappeto rosso sabato sera durante il gala annuale della stampa della Casa Bianca anche se la minaccia del COVID-19 incombeva sull’enorme sala da ballo dell’hotel.

<

La cena dell’Associazione dei corrispondenti della Casa Bianca, che la pandemia ha messo da parte nel 2020 e nel 2021, è tornata con Joe Biden Come primo presidente in sei anni ad accettare un invito. Donald Trump ha evitato l’evento mentre era in carica.

Anche la commedia è tornata con Lo spettacolo quotidiano ospitare Trevor Noah come headliner. Anche le celebrità stavano ricomparendo: Kim Kardashian e Pete Davidson hanno camminato sul tappeto come hanno fatto Brooke Shields, Sophia Bush e Caitlyn Jenner. L’evento ha attirato un’ampia fascia di funzionari governativi e altre figure di spicco.

Biden dovrà affrontare più di 2.600 partecipanti mentre cerca di trovare un attento equilibrio in un momento cruciale per il Paese. La sua amministrazione sta cercando di voltare pagina sulla pandemia anche se il virus rimane una minaccia a livello nazionale e vicino a casa. La vicepresidente Kamala Harris è risultata positiva questa settimana e il dott. Anthony Fauci ha saltato la cena per motivi di salute.

Dopo la recente cena stampa del Gridiron Club a Washington, decine di partecipanti, inclusi membri del Congresso e del Gabinetto e cellule di Biden, sono risultati positivi al COVID-19.

Immagine caricata pigra

Brooke Shields partecipa alla cena dell’Associazione dei corrispondenti della Casa Bianca del 2022 il 30 aprile a Washington, DC.
Paul Morigi/Getty Images

Ciò ha sollevato dubbi sul fatto che il 79enne Biden debba partecipare alla cena di sabato. Il presidente aveva programmato di rinunciare al pasto ma di presentarsi più tardi per il programma. Aveva anche programmato di essere mascherato quando non parlava.

La Casa Bianca ha sottolineato l’abbondanza della pillola antivirale Paxlovid, che ha dimostrato di ridurre del 90% gli esiti gravi del virus tra quelli a più alto rischio.

Tuttavia, il segretario stampa Jen Psaki ha detto di Biden: “Vogliamo essere molto chiari sul fatto che è possibile che possa risultare positivo al COVID, proprio come qualsiasi americano”.

L’Associazione dei corrispondenti della Casa Bianca ha affermato che richiedeva il test dell’antigene lo stesso giorno per i suoi partecipanti alla cena anche prima dell’epidemia di Gridiron. Ha poi aggiunto un obbligo di vaccinazione.

Gli Stati Uniti stanno vivendo un picco di casi di COVID-19 da una sottovariante altamente contagiosa di omicron, con infezioni confermate che salgono a circa 44.000 al giorno, rispetto alle 26.000 di un mese fa.

Nonostante l’ultima ondata di casi di COVID-19, i decessi e i ricoveri per virus sono prossimi o ai minimi della pandemia, con la variante BA.2 che si è rivelata meno grave rispetto ai precedenti ceppi virali. Ogni giorno negli Stati Uniti muoiono poco più di 300 persone a causa del virus, in calo rispetto alle oltre 2.600 al giorno all’inizio di quest’anno, con circa 1.600 ricoveri al giorno, in calo da un picco di oltre 21.000 al giorno a gennaio.

Psaki ha affermato che la decisione di Biden di partecipare “è in netto contrasto con il suo predecessore, che non solo ha messo in dubbio la legittimità della stampa quasi quotidianamente, ma non ha mai partecipato alla cena”. Trump, che a volte ha bollato i media come “il nemico del popolo”, aveva allegramente boicottato l’evento come presidente.

Oltre alla minaccia incombente del virus, Biden ha pianificato di prendere il microfono mentre un’invasione massiccia e mortale dell’Ucraina continuava a svolgersi per mano delle forze russe.

Biden ha menzionato la cena durante un discorso della scorsa settimana sulla guerra della Russia all’Ucraina, dicendo: “Ho sempre avuto rispetto per la stampa, ma non posso dirti quanto rispetto li ho osservandoli in queste zone in cui sono sotto tiro.”

“Immagina se non ricevessimo queste informazioni”, ha aggiunto il presidente. “Sarebbe un altro mondo”.

La cena dei corrispondenti debuttò nel 1921. Tre anni dopo, Calvin Coolidge divenne il primo presidente a partecipare e da allora tutti, tranne Trump. Jimmy Carter e Richard Nixon decisero di non partecipare a tutti gli anni della loro presidenza, tuttavia, e Ronald Reagan, che allora si stava riprendendo da un tentativo di omicidio, perse la puntata del 1981, ma chiamò da Camp David.

“La cosa che penso che questo mostri è il ripristino della salute della relazione”, ha affermato Holzer, direttore del Roosevelt House Public Policy Institute presso l’Hunter College di New York. “È ancora spinato, ci sono ancora momenti di tensione. Ma va bene.”

Dopo che l’acuta satira della comica Michelle Wolf ha suscitato polemiche nel 2018, l’evento dell’anno successivo ha visto la partecipazione dello storico Ron Chernow. Il ritorno delle celebrità questa volta ricorda l’amministrazione del presidente Barack Obama, alla presenza di artisti del calibro di George Clooney, Charlize Theron e Viola Davis.

In qualità di vicepresidente nel 2014, Biden è apparso in un video comico con la star di “Veep” della HBO, Julia Louis-Dreyfus, che ha suscitato grandi risate alla cena dei corrispondenti. Il direttore della redazione dei discorsi della Casa Bianca, Vinay Reddy, e il consigliere di lunga data di Biden Mike Donilon hanno lavorato alle osservazioni di Biden per quest’anno, ha detto la Casa Bianca, attingendo materiale da una varietà di persone sia all’interno che all’esterno del governo.

Psaki ha già riconosciuto di aver cercato di abbassare le aspettative, dicendo che il discorso “non era affatto divertente. Stavo solo scherzando.” Tuttavia, i tentativi presidenziali di umorismo possono essere complicati.

Alla cena del 2011, Obama ha infilzato un Trump non divertito – in sua presenza – sulle affermazioni fittizie di Trump sul certificato di nascita dell’allora presidente. Obama ha concluso riflettendo sul fatto che Trump avrebbe preso il suo lavoro un giorno, dicendo: “Di certo porterebbe qualche cambiamento alla Casa Bianca” mentre gli schermi della sala banchetti mostravano un’immagine parodia della grande facciata del 1600 di Pennsylvania Avenue dotata di un logo Trump, colonne dorate, un orologio digitale e un cartello che proclama “Hotel, casinò, campo da golf, suite presidenziale”.

Ciò si è rivelato profetico, dal momento che Trump ovviamente è succeduto a Obama, anche se le revisioni che alla fine hanno portato al divieto di apporre il suo nome alla Casa Bianca.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close