Art

Lauren Halsey porta la sua visione di South Central Los Angeles a New York

Quasi ogni giorno verso l’alba, l’artista Lauren Halsey si dirige verso il centro sud di Los Angeles per raccogliere oggetti.

<

Raccoglie tutti gli oggetti che attirano la sua attenzione lungo il percorso e scatta foto sul suo telefono. Quei reperti, insieme agli oggetti effimeri che ha salvato dalla sua adolescenza nella realizzazione di collage (ritagli di riviste, statuette di chiese, palme lucide in alluminio, automobili in miniatura, piante d’acquario), riempiono ogni angolo dello studio di Halsey a Los Angeles e gradualmente si fanno strada la sua opera d’arte.

Ora le ultime iterazioni di quelle creazioni sono visibili su La nuova galleria di David Kordansky a Chelsea in una mostra che ha aperto venerdì la prima grande mostra personale dell’artista a New York City.

“Sto documentando gli incroci a cui devo tornare o che devo seguire”, ha detto Halsey in una recente intervista alla galleria, dove stava installando lo spettacolo. “Devo archiviare questa cosa o questa persona o questo posto o questo spirito. Alcuni giorni sono più facili di altri: trovo un biglietto da visita. Altri giorni trovo un’intera Sfinge. Oppure trovo una statuetta che sconvolge il mio mondo.

“Sono una collezionista ossessiva di oggetti, di immagini, che scruta le strade”, ha aggiunto. “Ho raccolto da quando ho potuto respirare.”

Vestito con un berretto da baseball mimetico, una giacca di pile viola e top bianchi, Halsey trasuda un’energia sobria ma concentrata. Puoi capire perché si sveglia presto e rimane sveglia fino a tardi – “Ho così tanto da fare” – e perché un lavoro è finito solo quando una scadenza la costringe a fermarsi. “Posso semplicemente andare avanti”, ha detto Halsey. “Posso continuare ad aggiungere livelli.”

Attraverso le sue installazioni Halsey rende omaggio alla comunità che l’ha nutrita e ispirata: non solo sua madre, un insegnante, o suo padre, un contabile, ma la chiesa, i minimarket, la sua linea di autobus, i suoi parenti e i centri comunitari. Sta anche documentando un particolare segmento della società, elevando un vernacolo urbano che spesso viene svalutato o ignorato.

In un momento in cui molti artisti neri vengono riconosciuti per l’arte figurativa, Halsey ha realizzato sculture e rilievi su larga scala. E mentre le sue installazioni possono alludere a difficoltà economiche, gentrificazione o violenza di gruppo, trasmettono un senso di gioia esplosivo.

“Non sta cercando di svelare le nozioni di razzismo, sta solo cercando di celebrare l’oscurità”, ha detto l’artista Charles Gaines, che ha insegnato ad Halsey quando era una studentessa al California Institute of the Arts. “Sta cercando di portare nel regno dell’arte cose che si pensa siano di bassa cultura, cose che sono vittimizzate da un certo stereotipo”.

Halsey ha ottenuto consensi e risalto rari per un artista di appena 34 anni. Il suo lavoro è già nelle collezioni di importanti istituzioni come l’Hammer Museum e il Museum of Contemporary Art di Los Angeles; il Museo di Belle Arti, Boston; l’Istituto di Arte Contemporanea, Miami; e lo Studio Museum di Harlem.

Quest’anno lo era selezionato dal Metropolitan Museum of Art di New York per il suo prestigioso incarico di giardino pensile, ma lo è stato annullato fino alla prossima primavera per problemi di filiera. (Il tetto sarà invece utilizzato quest’estate come luogo in cui sedersi e fare spuntini, con DJ locali che organizzeranno feste da ballo nelle notti del fine settimana.)

Halsey è forse diventata famosa tanto per il suo attivismo quanto per la sua arte, vale a dire il centro comunitario a Los Angeles ha iniziato che è diventato importante dispensa del cibo durante la pandemia e la sua politica di assicurarsi che parte della sua arte venga venduta a collezionisti di colori.

“Lauren è un costruttore: un costruttore d’arte, un costruttore di oggetti ma anche un costruttore di comunità”, ha affermato Thelma Golden, direttrice dello Studio Museum, dove Halsey ha fatto una residenza nel 2014. “In quella combinazione davvero potente è dove sta il suo profondo significato”.

Per la mostra Kordansky, Halsey ha creato sculture espansive popolate dai suoi oggetti da collezione nella tavolozza del suo quartiere: fucsia, arancione, verde, giallo; scatole dipinte ispirate a segni e simboli locali; e quelle che lei chiama grotte, inclusa una con una cascata funzionante che alla fine vuole portare a casa per far divertire i bambini.

Il quartiere è chiaramente il carburante dietro il lavoro di Halsey, vale a dire il collage di simboli che ha descritto come una propria forma di placemaking, come pubblicità per batterie o intrecci.

“Tutte queste cose demistificano ciò che c’è nel negozio”, ha detto Halsey. “È importante archiviare non solo il nome dell’attività, ma anche le decisioni pittoriche che prendono per comunicare al quartiere come stanno organizzando il minimarket”.

Sta rendendo omaggio ai lavoratori non celebrati nelle organizzazioni locali che fanno la differenza nella vita delle persone ogni giorno, definendoli i suoi “collaboratori, i più geniali modelli di ruolo di leader della comunità”. Halsey menziona il Sorelle di Wattsad esempio, che offre programmi di doposcuola, e L’energia positiva di Vanessache offre lezioni di ballo.

“La gente sta facendo il lavoro – dalla fornitura di cesti pasquali al cibo, al karate, ai biglietti per le partite sportive, a tutto il supporto educativo”, ha detto. “Il problema è l’infrastruttura che rende così difficile fare il lavoro. Ma il lavoro è stato fatto”.

“Sono pilastri totali per me – sono monumenti dentro di sé”, ha aggiunto. “Lavoro a stretto contatto con loro. Sono fortunato.”

Le persone che hanno popolato la sua vita trovano la loro strada nel suo lavoro, come la madre della sua migliore amica del Mississippi o Franco Gaskin, alias”Franco il Grande” o il “Picasso di Harlem”; gli passava accanto mentre si recava allo Studio Museum.

Ha descritto questi riferimenti personali come battute interne: “Oh, questo mi ricorda la sorella Jenkins, oh, quella è la sorella Fritz, oh, quello è il fratello Washington”, ha detto Halsey. “Posso andare su queste tangenti ancora e ancora.”

Halsey alla fine prevede di portare la sua installazione sul tetto del Met, chiamata “il lato est dell’architettura prototipo del geroglifico centro-meridionale di los angeles (I)” a South Central. L’opera invita i visitatori a esplorare le connessioni tra il simbolismo egizio antico, l’architettura utopica degli anni ’60 e l’iconografia visiva contemporanea.

“Sentivo che avesse la tenacia, la resilienza e il coraggio per affrontare l’istituzione in quel modo Doris Salcedo si è occupata della Tate; ha assunto l’istituzione e tutto ciò che rappresenta”, ha detto Sheena Wagstaff, presidente del Met di arte moderna e contemporanea. “Questo è ciò che sentivo che Lauren avesse la capacità di fare: colpirlo, sondarlo”.

Nata a Los Angeles nel 1987, Halsey inizialmente voleva diventare una giocatrice di basket professionista e sognava di giocare per l’allenatore dell’Università del Tennessee Pat Summitt come Lady Vol. Ma non è stata reclutata e, dopo essersi divertita a realizzare scenografie per spettacoli di chiesa, ha iniziato a prendere lezioni di architettura in un college comunitario a Torrance, in California. Ha poi trascorso circa un anno a studiare architettura al California College of the Arts, ma è diventata frustrata dalla natura stereotipata dei corsi in studio e dai piani pie-in-the-sky.

“Posso impazzire e fare Disneyland, ma non è la realtà o da dove vengo”, ha detto, “altrimenti l’avrei visto”.

Halsey si è trasferita a CalArts a Santa Clarita, dove ha conseguito la laurea in belle arti nel 2012 prima di ottenere il master alla Yale University nel 2014. Dopo aver visto il lavoro di Halsey al CalArts, Golden ha ricordato: “La mia prima reazione è stata di totale stupore”.

“Stava formando un vocabolario profondo e profondo”, ha aggiunto Golden. “Era radicato nella sua biografia, nel suo senso del luogo, nel suo senso di identità. Anche in quella prima visione mi era chiaro che si trattava di molto di più”.

Nel 2018, Halsey è stata protagonista della biennale “Made in LA” di Hammer, dove Kordansky è rimasta stupita dal suo lavoro. “Lauren è una delle più importanti artiste contemporanee uscite da Los Angeles, in California, nell’ultimo decennio”, ha detto Kordansky. “Sta documentando il suo luogo di nascita, la sua comunità e il luogo di origine ma lo fa attraverso questa straordinaria visione di Pedro Bell, che ha registrato tutti i primi record del Parlamento-Funkadelic. Il fantastico e il visionario si scontrano con il reale”.

In qualche modo, Halsey è stata in grado di conciliare il suo successo commerciale con il mondo più sfidato da cui proveniva, in gran parte restituendo. Sua Riassumi tutto Il centro comunitario, che offre prodotti biologici ai residenti di Watts e South Central Los Angeles, mira a “sviluppare il potenziale dei neri e dei marroni”, afferma il sito web, “personale politico, economico e socioculturale”.

“Sarebbe pazzesco per me realizzare questo lavoro su South Central che esiste all’interno di un mercato e non ricircolare o riciclare le ricompense di quel lavoro al quartiere e alle persone che hanno bisogno di trarne maggior beneficio”, ha detto. “Posso ottenere molto in una scultura, ma questo non è un programma di tutoraggio, non è un programma alimentare”.

Ha anche detto che non vede il suo quartiere attraverso “la lente dell’oscurità o un trauma costante”. Piuttosto, ha detto Halsey, ne vede la bellezza e l’umanità: il terreno fertile da cui continua ad attingere come artista.

Halsey annovera tra le sue più grandi influenze gli artisti Betye Saar, Overton Loyd, Mike Kelley, Domenico Moody e Mark Bradford. In definitiva, ha detto, l’arte per lei consiste nel raggiungere “le profondità o le ossa di ciò a cui tengo”, ciò che ha detto la cantante e artista Giorgio Clinton chiama “andare per il tuo funk”.

Ma non chiederle di spiegare esattamente cosa significa funk. “Non lo definirei, perché una volta che lo definisci, è morto – l’hai inscatolato, l’hai appiattito”, ha detto Halsey. “È un’energia, è una forza vitale, è qualcosa che inseguo ogni giorno.”

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close