Celebrity

Mario Batali assolto per aggressione indecente nell’incidente del 2017

Mario Batali

<

Mario Batali

Assolto un giudice del Massachusetts Mario Batali di un’aggressione indecente e di una percosse martedì, dopo che un processo in panchina di due giorni si è rapidamente concluso in seguito alla testimonianza dell’accusa del famoso chef e della sua amica.

“Il testimone denunciante ha notevoli problemi di credibilità”, il giudice James Stanton disse.

“La testimonianza sul suo piano per eludere una quota di iscrizione in palestra di $ 200 creando un documento legale è indicativa di quella mancanza di credibilità”, ha aggiunto Stanton.

Il verdetto segue un processo vorticoso in cui la corte ha ascoltato l’accusatore di Batali Natali Tene e lei amico Rachele Buckley su un presunto incidente del 2017. Tene aveva affermato che Batali l’aveva baciata e palpata senza il suo consenso.

“Al di là di ogni ragionevole dubbio c’è lo standard più alto nel nostro sistema di giustizia, come dovrebbe essere”, ha detto Stanton. “Richiede che l’investigatore sia soddisfatto di una costante convinzione di certezza morale che l’accusa sia vera. Non è il caso qui”.

“Segna un grande successo”

Gran parte del caso era indiscusso: Tene ha posato per i selfie con l’ex star di Food Network, e in seguito ha raccontato alla sua amica Buckley di quello che ha descritto come Batali che la palpeggiava. Tene in seguito ha condiviso la sua storia con il sito web Mangiatoreche ha pubblicato una storia basata sulle accuse di quattro donne nel corso di due decenni.

Dopo che l’articolo è stato pubblicato durante l’apice del movimento #MeToo alla fine del 2017, Batali non ha negato le affermazioni. Ha offerto scuse pubbliche riconoscendo che “molte”, anche se non tutte, delle affermazioni suonavano vere. A certi ridicoloBatali lo seguì colpa mia con la ricetta del rotolo alla cannella.

Un dispiacere e una ricetta, però, non hanno chiuso la questione. Tene ha presentato le sue pretese al dipartimento di polizia di Boston e l’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Suffolk ha accusato Batali penalmente nel 2019.

Durante le discussioni conclusive, l’avvocato difensore di Batali Antonio Fuller ha preso di mira la credibilità dell’accusatore del suo cliente, che secondo lui era stato coinvolto in una piccola truffa.

“Sappiamo che ha mentito e truffato una palestra per $ 200”, ha detto Fuller al giudice, che sta decidendo il caso senza una giuria.

“Cosa non farebbe per ottenere un grande successo dal famoso chef con cui si è fatta i selfie?” chiese.

Le conclusioni della difesa hanno seguito un avvincente interrogatorio di Buckley, che è stato grigliato su una serie di messaggi di testo con Tene che sembrava discutere di vendere fotografie di Batali a un tabloid e segnare un pesante accordo civile.

LMFAO, voglio vendere queste foto, amico”, avrebbe scritto Tene, usando la scorciatoia di Internet per “ridere a crepapelle”.

“Sono passati nove mesi da quando presumibilmente ti ha parlato del suo ‘assalto’ senza virgolette, giusto?” L’altro avvocato difensore di Batali Courtney Caruso Buckley.

“Sì, approssimativamente”, rispose Buckley.

Indicando questi e altri scambi di testo gioviali, Fuller ha aggiunto: “Lei mente per divertimento. Lei mente per soldi. E in questo caso, sembra che abbia mentito per entrambi”.

La squadra di difesa di Batali ha anche tratto vantaggio dal fatto che Tene è tornato a Eataly Boston, un ristorante in parte di proprietà del famoso chef, il giorno in cui è stata pubblicata la denuncia di Eater.

“È andata proprio nel luogo in cui è stata aggredita lo stesso giorno in cui viene a sapere che un giornalista pubblicherà la sua verità”, ha detto Fuller, con forte sarcasmo.

Notando il pesante onere della prova oltre ogni ragionevole dubbio, Fuller ha affermato che il Commonwealth non può soddisfarlo sulla parola di un “bugiardo provato e ammesso”.

“Questo non era isolato”

Assistente procuratore distrettuale della contea di Suffolk Nina Bonelli ha detto che la storia di Tene è rimasta coerente nel corso di mezzo decennio, tuttavia si potrebbe giudicare il tono dei suoi messaggi.

“Non si trattava di soldi”, ha detto Bonelli. “Si trattava di un’aggressione sessuale. Non era sola. Questo non è stato isolato”.

Bonelli ha accusato Tene delle diffamazioni della difesa.

“SM. Tene ha commesso errori che tutti sapevamo sarebbero andati in onda”, ha detto Bonelli. “È venuta qui come la donna imperfetta che non è per simpatia ma perché le è successo questo”.

Dopo il presunto incidente, Tene ha scritto in un questionario della giuria di non essere mai stata vittima di un crimine. Bonelli ha detto che ciò era dovuto al fatto che Tene non aveva denunciato il presunto incidente a tentoni in quel momento. Batali non era stato accusato, tanto meno condannato, di quel crimine. In quel questionario, Tene avrebbe affermato di essere chiaroveggente.

Il giudice Stanton ha alluso a quella presunta condotta di Tene come candidato alla giuria, che ha descritto come “egregio” e “offensivo per lo stato di diritto”.

Per quanto riguarda i messaggi di testo di Tene, Bonelli li ha scelti per riflettere i suoi meccanismi di coping.

“Forse non ci piace il modo in cui ne parla”, ha detto Bonelli, riferendosi alla presunta aggressione. “Forse pensiamo anche che sia sgradevole o immaturo.”

“Come dovrebbe reagire una vittima di violenza sessuale quando una potente celebrità la aggredisce in pubblico?” ha chiesto il pubblico ministero.

(Foto via Law&Crime Network)

Hai un consiglio che dovremmo sapere? [email protected]

.

Tags

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close