Celebrity

Naomi Judd, matriarca dei Judd, muore a 76 anni

Cantante e star della televisione Noemi Juddfamosa per quasi quattro decenni come matriarca del duo di musica country i Juddè morta sabato a 76 anni. Nessuna causa di morte è stata immediatamente indicata, anche se in una dichiarazione le figlie Wynonna Giud e Ashley Judd La morte della madre è stata attribuita alla “malattia della malattia mentale”.

<

“Oggi noi sorelle abbiamo vissuto una tragedia”, afferma la dichiarazione, secondo l’Associated Press. “Abbiamo perso la nostra bella madre a causa della malattia mentale. Siamo a pezzi. Stiamo attraversando un profondo dolore e sappiamo che, poiché l’abbiamo amata, è stata amata dal suo pubblico. Siamo in un territorio sconosciuto”.

Altro da Varietà

Una dichiarazione dell’addetto stampa di Naomi Judd ha affermato che suo marito di 32 anni, Larry Strickland, “non rilascerà ulteriori dichiarazioni. La famiglia di Naomi Judd richiede privacy durante questo periodo straziante. Al momento non verranno rilasciate ulteriori informazioni”.

L’annuncio è arrivato il giorno prima che i Judd fossero formalmente inseriti nella Country Music Hall of Fame durante una cerimonia di premiazione a Nashville. Non è stato possibile raggiungere immediatamente i rappresentanti della Hall of Fame per commentare se la cerimonia verrà annullata o proseguirà in qualche modo.

I Judds avevano anche annunciato di recente un tour d’addio, il primo di Naomi e Wynonna in più di un decennio. Il breve tour di 10 date, prodotto da Sandbox Live e Live Nation, doveva iniziare il 18 settembre 30 a Grand Rapids, Michigan e concludi il 18 ottobre 28 alla Bridgestone Arena di Nashville. “Quello che non vedo l’ora di più è celebrare la musica di Judd con i fan”, ha detto Wynonna in una dichiarazione quando è stato annunciato il tour. “Mamma ed io abbiamo fatto un bel viaggio negli ultimi 38 anni e i fan sono stati con noi in tutto questo. Questo tour è una celebrazione per loro”. Tre degli spettacoli nell’arena, incluso il finale di Nashville, erano andati esauriti, secondo i social media dei Judd.

I Judd hanno cantato alla trasmissione televisiva dei CMT Music Awards e hanno camminato sul tappeto rosso proprio questo mese (vedi foto, sopra). Lo spettacolo è andato in onda dal vivo sulla CBS l’11 aprile, lo stesso giorno in cui il duo ha annunciato il tour di reunion/arrivederci.

Come duo, i Judds erano rimasti per lo più dormienti negli ultimi decenni, con riunioni periodiche. Si separarono per la prima volta dopo aver fatto quello che era stato annunciato come uno spettacolo finale nel 1991, in un momento in cui a Naomi Judd era stata diagnosticata l’epatite C. In seguito, Wynonna ha intrapreso una carriera di successo come artista solista mentre sua madre ha aumentato la consapevolezza su la malattia. Si sono riuniti per il Power to Change Tour all’inizio del millennio.

Naomi Judd ha pubblicato nove libri, il più recente dei quali è stato il libro di memorie “River of Time: My Descent Into Depression and How I Emerged With Hope”, pubblicato nel 2016. Altri titoli includevano “Naomi’s Guide to Aging Gratefully: Being Your Best for the Rest of Your Life” (2007), “Naomi’s Breakthrough Guide: 20 Choices to Transform Your Life” (2004) e diversi libri per bambini.

Negli anni ’80, i Judds avevano una serie ininterrotta di otto numeri consecutivi. 1 singolo country, tra cui “Why Not Me” e “Mama’s Crazy” come loro successi nel 1983, seguiti da successi come “Girls’ Night Out”, “Grandpa (Tell Me ‘Bout the Good Old Days)” e “Rockin ‘ Con il ritmo della pioggia.’ Il loro ultimo singolo in classifica è stato “Stuck in Love” nel 2000. Non avevano pubblicato un album di materiale originale in duo da “Love Can Build a Bridge” nel 1990, ma la loro serie di singoli degli anni ’80 ha continuato ad essere ricorrenti su la radio di campagna fino ai giorni nostri.

Il duo ha vinto la categoria miglior duo/gruppo dei CMA Awards dal 1985 al 1991, vincendo in tutto nove CMA. I loro otto Academy of Country Music Awards includevano la nomina del miglior duo vocale dal 1984 al 1990. Durante quel periodo hanno vinto anche cinque Grammy.

E c’è dell’altro…

Il meglio della varietà

Iscriversi per Newsletter di varietà. Per le ultime novità, seguici su Facebook, Twittere Instagram.

Clicca qui per leggere l’articolo completo.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close