Art

Per creare “GPS art”, questi atleti usano il layout stradale di San Francisco come tela

Jakub “Kuba” Mosur ha attraversato in bicicletta San Francisco così tante volte che le sue ripide e spietate colline non lo infastidiscono. Mentre pedala su per le piste, la sua mente è completamente concentrata su qualcos’altro: la sua arte.

<

Mosur, 46 anni, fa parte di una comunità di atleti locali che utilizzano un software di localizzazione che registra ogni loro movimento mentre vanno in bicicletta o corrono per le strade della città per creare immagini come animali, persone, simboli e parole. Percorrono percorsi ben tracciati e le immagini risultanti appaiono sulle mappe del software, che poi condividono sui social media per mostrare la loro “arte”.

In sostanza, il paesaggio di San Francisco è una tela e l’arte è un disegno di contorno su larga scala basato sui movimenti dell’atleta. Per gli artisti GPS di San Francisco, andare in bicicletta o correre su e giù per le colline fa semplicemente parte del processo creativo.

Jakub

Jakub “Kuba” Mosur è visto mentre si ferma per un semaforo mentre percorre un percorso che ricorda un grande gufo cornuto nell’app di monitoraggio del fitness Strava a San Francisco, in California. Sabato, 9 aprile 2022. Mosur, un ex fotoreporter e padre di due figli, ha iniziato a percorrere percorsi accuratamente tracciati sulla sua bicicletta a scatto fisso “Le Vizir”, dal nome di uno dei cavalli di Napoleone Bonaparte, attraverso la città durante la pandemia come creativo outlet e fa parte di una crescente comunità di artisti in tutto il mondo che creano mappe di contorno simili andando in bicicletta e correndo.

Stephen Lam / La cronaca

“È salutare, ovviamente, ed è divertente”, ha detto Lenny Maughan61 anni, un fondista le cui migliaia di follower su Instagram lo conoscono come “Human Etch A Sketch”.

“Distanza e lunghezza sono totalmente irrilevanti”, ha detto. “Faccio un progetto e faccio tutto ciò che serve.”

Un campione del

Un campione dell'”arte GPS” creata da Jakub “Kuba” Mosur, residente a San Francisco. Fa parte di una comunità di atleti locali che realizzano “GPS art” utilizzando un software per registrare i propri movimenti mentre pedalano o percorrono percorsi pre-programmati.

Fornito da Jakub “Kuba” Mosur

L’hobby – alcuni lo chiamano “GPS art”, altri “running art” o semplicemente “run-art” – si presta alla creatività e all’adattabilità. Poiché è un mezzo relativamente nuovo, la comunità è in gran parte decentralizzata, con poca struttura, nessuna aspettativa e molto spazio per la sperimentazione a basso rischio.

Un campione del

Un campione dell'”arte GPS” creata da Jakub “Kuba” Mosur, residente a San Francisco. Fa parte di una comunità di atleti locali che realizzano “GPS art” utilizzando un software per registrare i propri movimenti mentre pedalano o percorrono percorsi pre-programmati.

Fornito da Jakub “Kuba” Mosur

Gli artisti GPS locali hanno intonacato digitalmente San Francisco con parole, simboli bizzarri e altri disegni ondulati che rappresentano di tutto, da persone e animali a immagini e frasi che richiamano l’attenzione sugli eventi attuali.

“È organico e ognuno fa le sue cose”, ha detto Maughan. “Questo non è qualcosa che qualcuno può creare un kit di pittura con i numeri e dirti cosa fare. Se sì, qual è il punto?”

Ciò che gli artisti hanno in comune è la loro ossessione per l’accuratezza. Con app di localizzazione come Strava, MapMyRun e Relive responsabili di “tracciare” la linea che tutto ciò che gli artisti pianificano con cura, la precisione è. Una svolta sbagliata o un punto iniziale o finale fuori posto e l’intero disegno può essere rovinato.

“Non devi essere veloce per realizzare la run-art; devi solo non fare la svolta sbagliata”, ha detto Frank Chan49 anni, un residente di Russian Hill che ha iniziato a fare run-art all’inizio della pandemia.

Prima di allacciarsi le scarpe da corsa, Chan usa Photoshop o un software simile per disegnare il design che ha in mente su una mappa digitale di San Francisco. Può essere un processo scrupoloso, che a volte richiede più revisioni per appianare linee irregolari, ridurre o aumentare la lunghezza del percorso o adattare il percorso per evitare edifici e altre strutture.

“Se lo stai facendo bene, di solito ci vuole più tempo per disegnare e pianificare che per eseguire quella dannata cosa”, ha detto Chan con una risata.

Un campione del

Un campione dell'”arte GPS” creata da Jakub “Kuba” Mosur, residente a San Francisco. Fa parte di una comunità di atleti locali che realizzano “GPS art” utilizzando un software per registrare i propri movimenti mentre pedalano o percorrono percorsi pre-programmati.

Fornito da Jakub “Kuba” Mosur

Una volta che il suo progetto è pronto, stampa la mappa, allaccia due orologi Garmin nel caso in cui uno di loro non riesca a tracciare il suo movimento e si avvia. Il più delle volte, non ha bisogno di indicazioni; aver corso in ogni strada di San Francisco lo aiuta a sapere a chi rivolgersi, ha detto. Maughan, che è vicino a compiere quell’impresa, carica il suo design su un Kindle e legge l’immagine come una mappa cartacea. Mosur, con le mani sul manubrio, ha un piccolo GPS Wahoo agganciato alla sua bici personalizzata.

I percorsi pianificati possono essere lunghi decine di miglia: più lungo è il percorso, più chiara e fluida sarà l’immagine. Possono volerci diversi giorni per finire di correre o andare in bicicletta i più lunghi. Ma in un certo senso, quelle lunghe corse o gite in bicicletta sono ciò che riguarda l’hobby, hanno detto gli artisti. Alcuni bramano lo sballo di un corridore – “devi guadagnarlo”, ha detto Maughan. Alcuni apprezzano la sensazione di connessione che ottengono con la città o usano la forma d’arte come un modo per ravvivare i loro allenamenti.

Un campione del

Un campione dell'”arte GPS” creata da Jakub “Kuba” Mosur, residente a San Francisco. Fa parte di una comunità di atleti locali che realizzano “GPS art” utilizzando un software per registrare i propri movimenti mentre pedalano o percorrono percorsi pre-programmati.

Fornito da Jakub “Kuba” Mosur

Mentre sfrecciano attraverso i quartieri, oltre i lungomare e sulle colline, gli artisti ottengono un variegato assaggio del meglio – e del peggio – di San Francisco. Con una sola corsa o un giro in bicicletta, un minuto potrebbero passare eleganti vittoriani multimilionari e un minuto dopo le persone alle prese con i senzatetto e la tossicodipendenza.

“Può essere un modo per forzare determinate interazioni con il mondo”, ha detto Chan. Questo è stato particolarmente importante, ha osservato, quando è iniziata la pandemia.

Per Mosur, l’arte del GPS può sembrare eterea, ha detto, come un’immagine disegnata nella sabbia prima che le onde la lavino via. Appassionato di storia – la sua bicicletta si chiama Le Vizir in onore del fidato destriero di Napoleone – Mosur ha detto che il suo lavoro gli ricorda ironicamente alcune delle prime forme d’arte dell’umanità, come pitture rupestri e geoglifi come il Linee di nazca in Perù. Quando va in bicicletta, occasionalmente in costume da Napoleone per divertimento, ha la sensazione di raccontare una storia, ha detto.

“Voglio creare questa narrazione storica attraverso il tempo cronologico, ma lo sto facendo anche per ispirare altri che potrebbero essere interessati all’arte o potrebbero essere appassionati di ciclismo a pensare al loro esercizio in un modo diverso”, ha detto Mosur. “Non devo essere solo io a muovere le gambe sul pedale di una bicicletta, ma piuttosto potrebbe essere solo un’espressione diversa e un modo per comunicare con il resto del mondo”.

Jakub

Jakub “Kuba” Mosur, al centro, pedala lungo Lake Street, parte di un percorso che ricorda un grande gufo cornuto nell’app di monitoraggio del fitness Strava, mentre la SaleForce Tower incombe a distanza a San Francisco, in California. Sabato, 9 aprile 2022. Mosur, un ex fotoreporter e padre di due figli, ha iniziato a percorrere percorsi accuratamente tracciati sulla sua bicicletta a scatto fisso “Le Vizir”, dal nome di uno dei cavalli di Napoleone Bonaparte, attraverso la città durante la pandemia come creativo outlet e fa parte di una crescente comunità di artisti in tutto il mondo che creano mappe di contorno simili andando in bicicletta e correndo.

Stephen Lam / La cronaca

Gli artisti condividono il loro lavoro su Instagram, Strava e altre piattaforme online e hanno sviluppato una comunità di atleti che la pensano allo stesso modo interessati all’arte GPS come sbocco creativo. Alcuni di loro fanno gite o corse di gruppo e hanno collaborato ad alcuni progetti più grandi. Chan e Maughan hanno lavorato insieme per ricreare la famosa “La creazione di Adamo” di Michelangelo, con Chan che esegue la linea che sarebbe diventata la mano di Adamo e Maughan che crea quella di Dio, i due polpastrelli che si incontrano nell’Haight-Ashbury.

“L’arte è improvvisamente – per la mia gioia e non per le mie aspettative – parte di nuovo della mia vita”, ha detto Maughan, che da bambino scarabocchiava caricature dei suoi amici, ispirandosi all’arte di Mad Magazine.

Maughan ora è in pensione, ma ha intenzione di continuare a correre fino a quando non ce la farà più, ha detto. Sebbene la sua arte della corsa non sia altro che una sfida personale, ha detto, lo rende felice sapere che potrebbe ispirare gli altri a pensare in modo artistico.

Forse anche altri possono trovare uno sballo nel fare arte della corsa.

“Hai una tela”, disse Chan. “Dovresti farci qualcosa.”

Andy Picon (lui/lui) è uno scrittore dello staff del San Francisco Chronicle. E-mail: [email protected] Twitter: @andpicon

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close