Movies

Per salvarsi, Netflix potrebbe dover giocare bene con un settore con cui ha combattuto per anni

Per ribaltare la narrazione a suo favore, gli analisti hanno suggerito aggiunta di annunci e reprimere la condivisione delle password. Ma un modo in cui Netflix può aiutare se stesso è allearsi con un settore con cui una volta era in contrasto: i cinema.
Anche se Netflix ha distribuito molti film nelle sale e ha persino acquistato alcuni teatri per l’avvio — La maggior parte delle sue uscite nelle sale sono state volutamente limitate. Con lo streamer che si lecca le ferite e i cinema che si stanno lentamente riprendendo dalla pandemia, ora potrebbe essere il momento per entrambe le parti di riunirsi finalmente.
Facendo uscire più film nelle sale Netflix (NFLX) potrebbe portare nuove entrate dalle vendite al botteghino, espandere il suo marchio a più potenziali abbonati e contribuire a rendere i suoi film più memorabili, qualcosa che la società ha faticato a fare.
Nonostante sia il leader nello streaming con 221 milioni di abbonati nel mondo, abbia vinto numerosi Oscar e abbia lavorato con alcuni dei più grandi nomi di Hollywood, Netflix non ha visto molti dei suoi film diventare marchi amati nel modo in cui alcune delle sue serie lo hanno fatto, come “Cose più strane,” la cui nuova stagione debutterà alla fine di questo mese.
Prendi un “Avviso rosso”, per esempio. Il film con Dwayne “The Rock” Johnson e Gal Gadot è stato il film più visto di Netflix di sempre, secondo l’aziendama probabilmente non è riuscito a fare alcun tipo di blip nella cultura pop.

“Rimane ancora praticamente impossibile costruire un franchise cinematografico importante senza uscite nelle sale”, ha detto alla CNN Business Andrew Hare, vicepresidente senior della ricerca presso Magid.

<

Hare ha aggiunto che man mano che la società espande le sue offerte, “un certo numero di titoli potrebbe probabilmente richiedere il cinema”.

Il mondo di Netflix è stato sconvolto dal crollo delle azioni del 35%

“Non solo per la stagione dei premi, ma per il brusio richiesto per essere un attore importante in un momento ibrido in un tempo che rimane un piede nel fisico e un piede nel digitale”, ha detto.

Giocare bene con Netflix sarebbe una buona idea anche per i cinema.

“I teatri hanno bisogno di contenuti, ora più che mai”, ha affermato Jeff Bock, analista senior presso la società di ricerca sull’intrattenimento Exhibitor Relations. “Molte versioni di Netflix hanno grandi nomi in allegato, quindi questo li farebbe sicuramente superare i tornelli”.

Anche l’Associazione Nazionale Proprietari di Teatri è aperta all’idea.

“Le nostre porte sono aperte per dare più spazio ai film Netflix”, John Fithian, CEO della NATO, disse lo scorso mese. “Ci piacerebbe riprodurre più dei loro film”.

Qual è il problema?

Uno dei maggiori ostacoli per Netflix e i cinema è che entrambe le parti hanno litigato per quanto tempo un film dovrebbe essere proiettato nelle sale.

L’attività di Netflix si basa sulle iscrizioni, quindi non vuole che gli abbonati aspettino i film, mentre i proprietari di teatri la cui attività è pedonale vogliono l’esclusività il più a lungo possibile.

Questo dibattito ha raggiunto il culmine nel 2019, quando le due parti non sono riuscite a mettersi d’accordo su quanto tempo “The Irishman”, l’epopea poliziesca di Martin Scorsese, dovrebbe essere proiettato nei cinema prima di dirigersi verso lo streamer. I cinema volevano una finestra esclusiva di 70 giorni e Netflix non sarebbe andato oltre i 45 giorni, secondo il New York Times.
Ma la pandemia ha cambiato tutto riducendo l’intera industria delle vetrine teatrali. Anche studi tradizionali come Warner Bros. e la Universal Pictures stanno ora distribuendo film teatrali in streaming dopo poche settimane o talvolta simultaneamente.
Netflix potrebbe limitare la condivisione delle password.  Ecco cosa significa

Al di là della finestra teatrale, ci sono altri problemi considerando che il business del teatro ha costi extra a cui Netflix non è abituato.

“Non è sicuramente facile come acquisire la home page”, ha detto Hare. “Si sta spostando dal mondo digitale a quello fisico. Ci vogliono soldi per il marketing e la promozione… È una serie di enormi decisioni tattiche e strategiche che devono essere prese”.

E mettere più film nelle sale potrebbe danneggiare il modello stesso di Netflix. Se puoi andare a vedere l’unico film Netflix che non vedi l’ora di vedere nei cinema, questo ti dà meno incentivi ad abbonarti?

In definitiva, ci sono pro e contro per Netflix quando si tratta di lavorare di più con i cinema. Eppure la compagnia ha bisogno di riparare la sua nave e i cinema stanno tornando costantemente alla normalità, quindi ora potrebbe essere il momento per lo streamer di mettere più dei suoi film su un tendone.

“Penso che Netflix continui ad essere in modalità sperimentale”, ha detto Hare. “Non può permettersi di non sperimentare in questo momento.”

.

Tags

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close