Music

Perché le tracce bonus giapponesi sono una cosa

Potresti averli visti nel tuo negozio di dischi locale (supponendo che tu sia abbastanza fortunato da averne ancora uno) o tramite rivenditori e rivenditori online. Distintivi grazie ai loro involucri di plastica sigillati con una colonna colorata lunga un pollice (nota come “striscia obi”) a sinistra, le versioni CD giapponesi degli album occidentali il più delle volte contengono tracce bonus esclusive non facilmente disponibili altrove.

<

Ma cosa sono esattamente queste bonus track? Perché esistono e da dove vengono? L’articolo seguente risponderà a tutte queste domande e altro ancora.

Quindi, cos’è una traccia bonus giapponese?

Supponiamo di voler possedere un’edizione su CD di Paul McCartneyL’ultimo album in studio di 2020 McCartney III. Quale versione scegli? Il CD standard, che puoi acquistare nuovo per circa $ 8, contiene 11 tracce.

Ci sono, tuttavia, quattro versioni aggiuntive dell’album su dischi colorati — bianco, rosso, giallo e blu — ognuna delle quali contiene le canzoni originali più una speciale bonus track (una traccia diversa per ogni colore). Queste edizioni limitate ora costano $ 50 in più sul mercato dell’usato e per ottenere tutte e quattro le tracce dovresti essenzialmente acquistare il set originale di canzoni quattro volte.

Profitto spudorato, si potrebbe dire. Altri sosterrebbero che nessuno ti sta costringendo ad acquistare questi dischi extra e che l’amore del collezionista, beh, collezionare.

Scava un po’ più in là, però, e potresti essere sorpreso di scoprire che la versione giapponese del CD di McCartney III Contiene tutte e quattro le bonus track, il che significa che i consumatori giapponesi avevano accesso al materiale extra come standard, al prezzo di un singolo album.

Daft Punk, Firenze e la macchina, Foo Fighters, anche Beyonce ha aggiunto brani e mix esclusivi alle loro uscite giapponesi. In questi giorni, infatti, è praticamente scontato che troverai contenuti extra nella versione giapponese. Questo contenuto extra può essere, nella migliore delle ipotesi, difficile da reperire altrove e in alcuni casi impossibile. Ad esempio, la band metal americana Triviola versione del 2021, Alla Corte Del Dragocontiene due tracce live extra nella sua edizione giapponese che non troverai su nessun servizio di streaming.

Perché il Giappone?

La risposta breve è che questi extra esistono per incoraggiare gli acquirenti domestici ad acquistare musica fisica prodotta in Giappone piuttosto che importare dischi dagli Stati Uniti o altrove. Il costo per la produzione di CD in Giappone è significativamente più alto, il che significa che quando arriveranno sugli scaffali, un album standard potrebbe costare circa 2.500 yen, equivalenti a $ 23.

Le ragioni alla base di questo sono complicate. Il valore dello yen, l’alto costo della vita in Giappone e la preferenza nazionale per l’utilizzo di materiali di altissima qualità, insieme a una complicata catena di distribuzione che coinvolge molti intermediari, contribuiscono a far salire il prezzo.

Vita di Tokyo Shibuya

CHUNYIP WONG, Getty Images/iStockphoto

A quel costo, sarebbe molto più economico per un consumatore (o rivenditore) giapponese acquistare album all’estero. Anche con le spese di spedizione, ci sarebbero comunque notevoli risparmi in termini monetari. Aggiungi le tracce bonus esclusive, tuttavia, e il campo di gioco è più uniforme. Paghi meno per un minor numero di brani e un tempo di attesa più lungo? Oppure scegli una versione di qualità superiore con tutto il materiale in negozio?

Da dove vengono queste tracce bonus?

La pratica è del tutto legittima. Quando le etichette giapponesi acquisiranno i diritti per distribuire gli album occidentali, parte dell’accordo consisterà nel fatto che l’artista/band in questione offra tracce extra non disponibili nell’edizione “standard”. Vale la pena notare qui che il Giappone è un paese in cui i media fisici sono ancora sorprendentemente ricercati. Al momento di questo Il rapporto di Reuter dal 2020, i CD rappresentavano oltre il 70% delle vendite di dischi nel paese.

C’è sicuramente un incentivo, quindi, per gli artisti a continuare a pubblicare album in Giappone su CD, ma questo potrebbe cambiare nel prossimo futuro. I servizi di streaming, sebbene ancora notevolmente meno diffusi nel Paese, stanno gradualmente aumentando aumentare la propria quota di mercato.

Valgono il prezzo?

Pila di yen giapponesi

Biscut, Getty Images/iStockphoto

Questa è una domanda difficile a cui rispondere. Alcuni artisti ed etichette sembrano più coscienziosi di altri nel fornire materiale di qualità. Le versioni live sono un punto fermo, così come outtake, remix e modifiche alternative. Potresti porre la stessa domanda riguardo alle edizioni occidentali “deluxe” o “anniversario”. La risposta varia da caso a caso e molto dipende dal singolo acquirente. Per i completisti, tuttavia, qualsiasi materiale bonus è destinato a fare appello.

In alcuni casi, le tracce giapponesi extra potrebbero essere disponibili su edizioni alternative al di fuori del paese o tramite versioni di singoli CD. A volte il materiale bonus compare nelle edizioni successive, anche se questo non è garantito e, senza essere a conoscenza di contratti individuali, impossibile da prevedere.

Vale la pena considerare un altro fattore: ci sono molti che indosseranno che i CD giapponesi stessi hanno una qualità del suono superiore rispetto alle loro controparti statunitensi/europee. Ciò è particolarmente vero per le uscite degli anni ’80 e ’90, molto ricercate dai collezionisti. Sfortunatamente, i dati non sono prontamente disponibili per metterlo alla prova.

Succede solo in Giappone?

No. In genere, la prima etichetta di un artista sarà una piccola etichetta regionale, situata nel paese di origine. Tradizionalmente, tali abiti non hanno avuto le risorse per distribuire in tutto il mondo. Avrebbero invece affittato le registrazioni ad altre etichette in altre località, che comprensibilmente vorranno differenziare la loro uscita dall’originale.

Ci sono anche alcuni grandi artisti a cui piace deliberatamente tenere le cose separate. La cantante Björk, ad esempio, distribuisce la sua musica attraverso diverse case discografiche in diversi territori. I vantaggi sono duplici, portando maggiori entrate dagli anticipi e un maggiore controllo artistico. Lo svantaggio, ovviamente, sta nel dover negoziare e tenere traccia di tutti questi accordi separati.

Anche nei casi in cui un album è distribuito da un’unica grande azienda, potrebbero verificarsi differenze regionali per motivi pratici, politici o religiosi. Le ricerche di mercato potrebbero suggerire che alcune popolazioni potrebbero non godere di un determinato percorso, o addirittura esserne offese. La pubblicità negativa è da evitare a tutti i costi. Un famoso esempio viene dalla band britannica Manic Street Preachers il cui album di debutto Terroristi di generazione, non meno di quattro brani sono stati rimossi dalla sua edizione statunitense. Oltre in Spagna, Le pietre rotolantiDita appiccicose la traccia “Sister Morphine” è stata tagliata dalla sua versione regionale a causa dell’evidente riferimento della canzone alle droghe.

Conclusione e più pensieri

Come puoi vedere, quando si tratta di bonus track giapponesi, o materiale bonus di qualsiasi varietà, questo è un argomento ampio e complicato. Il che fa sorgere la domanda: le pubblicazioni degli album saranno mai standardizzate?

Potresti aspettarti che l’aumento dello streaming online sia positivo in questo senso, tuttavia, per prendere solo Spotify come esempio, i contenuti disponibili variano ancora da paese a paese. È possibile che un giorno avvenga la standardizzazione globale, ma nel frattempo noi collezionisti siamo lasciati a giocare a fare i detective, a cacciare tesori “perduti” e rari outtakes. Poi di nuovo, non è metà del divertimento?

20 volte le band rock + metal hanno suonato il loro nuovo album per intero durante il tour

Un sacco di band suonano gli album per intero durante i tour dell’anniversario, ma eseguire un nuovo disco nella sua interezza è una rarità.

.

Tags

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close