Celebrity

Perché non dovremmo concentrarci sulla perdita di peso di Kim Kardashian

La socialite statunitense Kim Kardashian e il comico Pete Davidson arrivano per il Met Gala 2022 al Metropolitan Museum of Art il 2 maggio 2022 a New York.  - Il Gala raccoglie fondi per il Costume Institute del Metropolitan Museum of Art.  Il tema del Gala 2022 è

<

Il discorso intorno al Met Gala 2022, che si è tenuto il 2 maggio, è stato eclissato dalla devastante notizia del potenziale ribaltamento di Roe v. Guadare – e la minaccia incombente che circa la metà della popolazione statunitense perda il diritto all’autonomia corporea. Una storia che ha continuato a guadagnare terreno a prescindere, tuttavia, è Kim KardashianL’apparizione al Met Gala nell’iconico Marylin Monroe “Buon compleanno, signor Presidente” vestito del 1962 – e il fatto che apparentemente ha perso una notevole quantità di peso in tre settimane per adattarsi.

Kardashian condiviso questo con la corrispondente di Vogue Lala Anthony sul tappeto rosso, raccontando allo sbocco la routine di esercizi estremi e la dieta restrittiva che ha seguito per adattarsi al vestito. “Non sono morta di fame, ma ero così severa”, ha detto Voga.

Se questo fa scattare il tuo allarme di benessere interno, non sei solo. Molte persone si sono rivolte ai social media per denunciare la natura problematica e pericolosa dei commenti sulla perdita di peso di Kardashian. “Riverdaleattrice Lili Reinhart Ha espresso la sua opinione forte e chiara nelle sue storie su Instagram: non ha nominato esplicitamente Kardashian, ma ha comunque fatto una dichiarazione forte: “Camminare su un tappeto rosso e fare un’intervista in cui dici quanto stai morendo di fame… perché tu non hai mangiato carboidrati nell’ultimo mese… tutti per stare in un vestito da re?” lei ha scritto su di lei Storia di Instagram il 3 maggio, secondo E! Notizia. Così sbagliato. Così fottuto su centinaia di livelli. Ammettere apertamente di morire di fame per il bene del Met Gala. Quando sai benissimo che milioni di giovani uomini e donne ti ammirano e ascoltano ogni tuo parola. L’ignoranza è ultraterrena e disgustosa.”

Reinhart ha parlato delle sue lotte per l’immagine corporea sui social media, descrivendo in dettaglio i suoi “pensieri ossessivi” sul suo corpo e sul suo peso e lottando per “sentirsi a casa” nella propria pelle. “Non pensavo che essere in questo settore, così ossessionato dai corpi e dai pesi delle donne, potesse mai pasticciare con l’accettazione e la positività del mio corpo… ma è così”, ha scritto su Instagram a gennaio 2022.

Reinhart è tutt’altro che l’unico ad avere problemi con la perdita di peso molto pubblica di Kardashian.

Mik Zazonblogger e creatore di #NormalizeNormalBodies movimento, pubblicato a video su Instagram con la didascalia: “Se non ti adatti ai vestiti, prendi una taglia più grande. I nostri corpi non sono fatti per essere manipolati per adattarsi ai vestiti”. Nel video, condivide la sua esperienza personale con il tentativo di adattarsi a un vestito per sua sorella nozze, cercando suggerimenti che celebrità come Kardashian hanno propagandato per la perdita di peso. “Ma si è ritorto contro; ho iniziato a abbuffarsi”, dice, aggiungendo che questa combinazione di eventi l’ha portata a sviluppare un disturbo da alimentazione incontrollata.

In effetti, questo è uno dei maggiori rischi associati a diete restrittive di qualsiasi tipo: è un pendio scivoloso e può facilmente portare a un disturbo alimentare in una persona predisposta, come ex dietista iscritto all’albo Laura Cohenprofessionista alimentare intuitivo certificato e allenatore di recupero dei disturbi alimentari, detto in precedenza POPSUGAR.

Abbey Sharp, RD, il blogger dietro La cucina dell’abbaziaha condiviso la sua opinione sulla questione come professionista della nutrizione: “Se tenti di perdere 16 libbre in solo quello che presumo sia tre settimane, recupererai assolutamente tutto e la ricerca suggerisce che probabilmente ne guadagnerai di più”. lei dice in un Video Instagram ha pubblicato il 3 maggio. “C’è anche il pezzo psicologico. Se stai eliminando tutti gli zuccheri, i carboidrati e tutto ciò che desideri nella tua vita, ti abbufferai”.

Il 4 maggio Reinhart twittato in risposta alle reazioni alle sue Storie: “*sigh* Non dico le cose che dico perché voglio essere rilevante o attirare l’attenzione. Parlo perché non vedo abbastanza persone con piattaforme di grandi dimensioni che denunciano comportamenti tossici in il nostro settore”.

Reinhart fa un ottimo punto: i commenti di Kardashian sono dannosi, che raggiungano cinque persone o 500. Ma il fatto è che la sua piattaforma gigante (307 milioni di follower) solo su Instagram) può essere utilizzato per spingere verso un cambiamento positivo o per perpetuare narrazioni pericolose. È più vitale che mai su cui lavorare smantellamento della cultura della dieta tossica e promuovere standard di bellezza e corpo realistici.

Detto questo, è difficile parlare del Met Gala senza parlare anche della bozza di parere che indica che Roe v. Wade è in grave pericolo, che è trapelato mentre si stava svolgendo l’evento. Kardashian e Reinhart possono prendere tutte le decisioni che vogliono sul proprio corpo, ma il nostro diritto collettivo all’autonomia corporea è attualmente sotto tiro.

In questo momento cruciale della storia, è impossibile parlare di corpo e salute senza riconoscere anche l’importanza della libertà riproduttiva e la necessità cruciale di lottare per essa. Sì, l’aborto è ancora legale Al momento, ma così com’è, non sarà legale ovunque negli Stati Uniti per molto più tempo – e solo perché attualmente è legale non significa che sia accessibile.

Non smettiamo di denunciare comportamenti tossici quando si tratta di salute e di come parliamo di corpi: dobbiamo anche denunciare i gravi danni che potrebbero derivare dalla perdita del controllo su di essi. Ecco cosa puoi fare per sostenere il diritto all’aborto oggi.

Leave a Comment