Music

Phish Serenades La vera Suzy Greenberg nella seconda notte di MSG Run [Videos]

Quartetto di marmellata pesce ritornato a Madison Square Garden il 21 aprile per la seconda notte di una corsa riprogrammata di quattro notti nella famosa arena di New York, NY. Dopo un più lento prima nottePhish era pronto a scatenarsi e ha offerto un grande spettacolo evidenziato da alcune rarità relative e molte selezioni di canzoni preferite dai fan.

<

In quasi tutti gli spettacoli di Phish a cui sia mai stato, la band inizierà il concerto camminando silenziosamente sul palco e suonando la canzone di apertura predeterminata con molta attesa. Non così, stasera, come chitarrista Trey Anastasio ridacchiò a se stesso e dedicò la canzone a un partecipante per la prima volta. A quanto pare, questa è stata la prima volta che il leggendario Suzy Greenberg era presente a uno spettacolo di Phish. Dopo le battute, la band è naturalmente esplosa dal cancello con una travolgente “Suzy Greenberg” che era tutta sorrisi. batterista Jon Uomo Pesce Suonava il testo con le sue esplosioni pre-ritornello: “Suzy, sei una neurologa?” “Oh il vecchio trucco dimenticato il mio nome? La più vecchia del libro, Suzy! Musicalmente, lo era Pagina McConnell che ha rubato il numero con un bel lavoro sul pianoforte a coda Yamaha. Alla fine, Trey ha ringraziato Suzy per tutto, presumibilmente per essere stato un buon passatempo con la sua canzone.

Phish – “Suzy Greenberg” – 21/4/22

https://www.youtube.com/watch?v=jkH0tPnracc

Il prossimo è stato “46 Days”, guidato dal basso funky di Mike Gordon. Questa versione ha avuto una marmellata vertiginosa che sembrava vicina al passaggio nel regno dei minuti a due cifre, ma la band ha mantenuto le cose brevi e dolci. Anche “Plasma” ha fatto irruzione in una sezione di marmellata eterea ma non si è avventurato in un territorio più lungo ed esplorativo.

La prima sorpresa del set, e davvero della corsa, è arrivata poi sotto forma di “The Man Who Stepped Into Yesterday”. La title track delle tesi di laurea di Trey al Goddard College è stata suonata solo sette volte nell’era 3.0. A differenza dell’ultima esibizione dell’autunno 2021, che era atipica a causa della sua struttura “TMWSIY” > “Avenu Malkanu” > “Weekapaug Groove”, questa versione è stata riprodotta nel suo formato standard. Forse è stato incluso come un cenno a coloro che celebrano la Pasqua. Qualunque sia la motivazione, è stata ben accolta a metà del primo fotogramma.

Il prossimo è stato “Wolfman’s Brother”, il rocker spensierato e incisivo che ha trasformato MSG in una festa da ballo a tutto tondo. Trey ha iniziato la jam con un tono croccante, synth-wah per contrastare gli schiaffi di basso di Mike, stabilendosi in un groove funk tascabile che si è allungato e ha continuato a costruire energia fino alla sua conclusione vorticosa.

Phish ha continuato il set con “Esther”, richiamando inaspettatamente alcune delle sue prime composizioni nonostante sia rimasto per lo più nelle battute della prima notte. Il misterioso Giunta il numero è anche una rarità relativa dell’era 3.0 (11 volte giocata).

Mentre “Esther” potrebbe essere stato cancellato da alcune liste di “mai visti” nei Garden, è stata la canzone successiva, “Ghost”, che è servita da set eccezionale un momento. La jam è iniziata in uno spazio funky e ritmico prima di scivolare in un segmento più leggero e distanziatore e infine stabilizzarsi in una coda cruda e potente. “Ghost” ha chiuso il primo set, portando i fan all’intervallo con una nota alta.

Circa 40 minuti dopo, i Phish sono tornati sul palco e hanno aperto il secondo set con una versione energica di “Chalk Dust Torture”. Questa è stata una jam session estesa ed esplorativa con Trey come capitano, che si snoda attraverso scambi melodici prima di cadere in un ritmo funky sciolto che ha lasciato il posto a un altro preferito dai fan, “Tweezer”. Phish non ha impiegato tempo a passare dalle sezioni composte della canzone a una jam groovy. Ancora una volta è stato Trey a capitanare la jam, guidando la band in una sezione melodica più brillante che ha raggiunto il picco beatamente.

Quando la jam è arrivata a una conclusione naturale, è stato Fishman a battere il ritmo per un punto fermo della scaletta dei Phish, “2001”. La prima cover della corsa è stata suonata abilmente, con una menzione speciale a Chris KurodaIl lavoro sull’illuminazione che si è aggiunto sapientemente alle fantastiche jam funk della canzone e ai picchi melodici ad alta intensità. La seconda jam della canzone conteneva una nota presa in giro di “Twist” con alcuni richiami e risposte da parte della folla.

Phish – “Tortura con polvere di gesso” – 21/4/22

https://www.youtube.com/watch?v=MeTKxRX3jAU

La seconda metà del secondo set è rimasta per lo più in riga, con la band che ha offerto interpretazioni ben suonate ma non esplorative su una serie di favoriti dai fan. Questa corsa è iniziata con una versione ad alta energia di “Maze” e una versione elegante e blues del Fantasmi della foresta sintonizzare “In procinto di correre”. Due vecchie canzoni sono seguite in “The Mango Song” e “Harry Hood”, entrambi brani spensierati e ottimisti per mantenere viva l’energia della folla.

Dopo averci ricordato ancora una volta che possiamo davvero sentirci bene con Hood, Phish è saltato in un “Personaggio Zero” rilassato che era pronto ad assumere il suo ruolo tradizionale come secondo set più vicino. E, mentre alla fine lo ha fatto, questa versione si è lanciata in una jam funky che ha visto Phish passare a una jam in buona fede “Tweezer” prima di cadere nel finale di “Zero”.

Alla fine, Phish è tornato per chiudere la seconda notte con un bis che è iniziato con la seconda canzone dei Ghosts of the Forest dello spettacolo, “A Life Beyond the Dream”. La ballata lenta e piena di sentimento ha lasciato il posto al tradizionale spettacolo più vicino “Tweezer”, “Tweezer Reprise”. Il rocker ad alta energia non manca mai di mettere un punto esclamativo alla fine di una performance.

La seconda notte, Phish ha organizzato un’esibizione divertente con alcune fantastiche selezioni di brani che hanno accelerato l’energia della corsa dirigendosi verso la metà del percorso. La band tornerà stasera per la terza notte delle quattro serate, con l’intenzione di suonare tre set come trucco per lo spettacolo di Capodanno che la band aveva intenzione di suonare quattro mesi fa. Resta sintonizzato per una maggiore copertura dalla corsa e guarda la scaletta completa di seguito.

Scaletta [via phish.net]: Phish | Madison Square Garden | New York, NY | 21/4/22

Set uno: Suzy Greenberg[1] > 46 giorni, plasma, l’uomo che è entrato in ieri > Avenu Malkenu > L’uomo che è entrato in ieri, il fratello di Wolfman, Esther, Ghost

Set due: tortura con polvere di gesso[2] -> Pinzetta > Anche Sprach Zarathustra > Labirinto, In procinto di correre, La canzone del mango > Harry Hood > Personaggio zero -> Pinzetta -> Personaggio zero

Encore: Una vita oltre il sogno, Tweezer Reprise

[1] Dedicato all ‘”eroe della canzone”, Suzy Greenberg, che stava partecipando al suo primo spettacolo di Phish
[2] Incompiuto.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close