Celebrity

Possiamo lasciare Marilyn Monroe già da sola?!

Kim Kardashian 2022 ha incontrato il Gala Getty.jpg

Kim Kardashian 2022 ha incontrato il Gala Getty.jpg

Il tema del Gala del 2022 era l’età dell’oro, quindi Kim Kardashian è venuto vestito da Marilyn Monroe. Per essere più specifici, Kardashian indossava l’esatto abito di cristallo che indossava Monroe sei decenni fa quando fece una serenata al presidente Kennedy per il suo compleanno. L’abito è un vero pezzo di storia della moda, anche se non l’avresti necessariamente saputo quando Kardashian lo indossava. Oltre a non avere nulla a che fare con il tema dell’evento, Kardashian lo ha abbinato con capelli biondi tirati indietro e scarpe con la zeppa per compensare la differenza di altezza tra lei e Monroe. Ha anche fatto un grande spettacolo di narrativa Voga che ha perso 16 libbre in circa tre settimane per adattarsi, un processo che prevedeva di indossare una tuta da sauna due volte al giorno e mangiare solo “le verdure e le proteine ​​​​più pulite”.

L’abito è di proprietà del più amato degli archivisti di moda, il museo Ripley’s Believe It Or Not a Orlando, in Florida. Hanno pagato $ 4,8 milioni per questo all’asta e in genere tengono l’abito conservato in un caveau a temperatura controllata. Dal momento che l’abito non poteva essere modificato per adattarsi alla Kardashian, non copriva il suo fondoschiena, che teneva nascosto con una stola di pelliccia. Kardashian ha spiegato di aver interpretato il tema dell’età dell’oro come “glamour dorato” e “la cosa più americana a cui puoi pensare”, che per lei significava Monroe.

Molto è stato fatto sulla decisione di un’attrazione turistica che possiede un tale pezzo di storia della moda e sui potenziali rischi per l’indumento di prestarlo a qualcuno da indossare, anche se solo per 25 minuti circa, secondo Kardashian ( si è poi cambiata in una replica dell’abito per il resto della serata.) Lili Reinhart si è rivolta ai social media per condannare la Kardashian per aver promosso una dieta pericolosa per adattarsi al vestito, che in seguito ha cancellato. Gli scrittori di moda avevano le loro opinioni sulla scelta, così come fan e detrattori di Kardashian allo stesso modo. Quando l’ho visto, ricordo solo di aver sospirato e pensato: “Cristo, non lasceranno riposare quella donna, vero?”

Sembra che ci siano state molte Marilyn Monroe nel mondo di recente. Il prossimo film biografico di Andrew Dominick bionda ha raccolto gran parte del suo clamore pre-rilascio sul fatto che sarà classificato come NC-17 grazie al contenuto sessuale e violento. Alcuni TikToker sono diventati virali per aver tentato di affermare che Monroe era asessuale sulla base delle annotazioni del suo diario (il diario e le carte personali di Monroe sono stati pubblicati nel 2010 e molti sono prontamente disponibili online.) Fresco delle notizie del Met Gala, JC Penney ha annunciato una collezione in edizione limitata ispirata allo stile di Monroe, lanciata in collaborazione con Authentic Brands Group, il proprietario della tenuta Monroe. Il portafoglio di marchi del gruppo comprende anche le proprietà di Elvis Presley, Muhammad Ali e l’ancora vivo David Beckham.

Gruppo di marchi autentici ha acquisito la proprietà intellettuale di Monroe dopo che è stata venduta loro da Anna Strasberg, la terza moglie del leggendario allenatore di recitazione Lee Strasberg. Quando Monroe è morta, ha lasciato tutto al suo amato amico e mentore, con il quale ha lavorato all’Actors Studio. Il testamento di Monroe prevedeva che Lee Strasberg “distribuisse questi, a sua esclusiva discrezione, tra i miei amici, colleghi e coloro a cui sono devoto”. Non è mai successo, anche se Lee Strasberg non ha venduto nessuna delle sue cose all’asta. Alla sua morte, Anna Strasberg si assunse la responsabilità della tenuta, che era rimasta in deposito per molti anni. Ben presto mise la maggior parte di questi oggetti nel blocco dell’asta tramite Christie’s , compreso quell’abito indossato da Kardashian. Ben presto, gli effetti personali di tutti i tipi di Monroe, dal trucco alle lettere ai vestiti, divennero luoghi popolari e comuni nelle case d’aste. Potresti anche comprare un vestito premaman che indossava. Nel 2016, un’altra asta ha avuto luogo dalla tenuta di Strasberg che includeva i cucchiai di Monroe (venduti per $ 1062,50), un flacone di pillola da prescrizione ($ 8.125) e la sua carta SAG ($ 2.240).

Al giorno d’oggi, è più probabile che tu trovi il volto o il nome di Monroe praticamente su tutto, grazie ad Authentic Brands Group. È possibile acquistare gioielli e vestiti Monroe. La sua faccia è stata usata per vendere profumi, lacche per capelli, Coca-Cola e giochi della lotteria. Louis Vuitton l’ha “assunta” per le campagne. E sì, ci sono anche NFT. Tanti NFT. Tutto questo si basa sull’immagine iper-specifica ma onnipresente di Marilyn Monroe come “sex symbol”, la bellezza per eccellenza, la bomba bionda che ancora ispira imitatori negli anni ’20.

Come spesso accade con le celebrità che sono morte tragicamente e prima del loro tempo, su Monroe è terribilmente facile proiettare le nostre idee e i nostri preconcetti. La sua immagine è convenientemente appiattita in una che è facile da vendere, consumare e perpetuare. Quando schiaffi la faccia di Monroe su una pubblicità, il messaggio è semplice: è affascinante e lo siamo anche noi per averla usata per vendere le nostre stronzate. Non è l’unica celebrità in ritardo a cui è successo. Guarda il marchio di James Dean come il ladro perenne o Steve McQueen come il ragazzaccio che guida veloce. Ora è stranamente previsto che i cantanti deceduti abbiano tour di ologrammi per mantenere il pubblico soddisfatto. Ma il modo particolare in cui Monroe viene svenduta per delle parti molto tempo dopo aver smesso di essere in grado di fare quelle scelte da sola riflette i modi crudeli in cui è stata fraintesa e sfruttata durante la sua vita.

Monroe ha combattuto duramente contro il tipo soffocante in cui l’ha messa Hollywood. Era costantemente liquidata come una bionda stupida, qualcuno a cui guardare ma non ascoltare. I suoi talenti come attrice sono stati costantemente ignorati, anche dai suoi mariti pazzi. Di una donna cronica ambiziosa e qualificata che amava i libri, è sopravvissuta ad aggressioni sessuali e ha sofferto un dolore immenso a causa dell’endometriosi, raramente si parla così. Quello che ha imballato come è la ragazza sexy con il vestito bianco. È glamour, così ha detto Kim Kardashian. Il tipo di glamour più americano. Ti lascio a trarre le tue conclusioni su come una donna che ha fatto fortuna mercificando il suo corpo fortemente alterato avrebbe pensato a Monroe in termini così limitanti.

La celebrità è radicata nell’idea di vendere un sogno al pubblico, di posizionarsi come speciali in un modo che la maggior parte di noi non lo è. Genera molti ideali tossici, dal dispetto al diritto, e ci vuole molto per temperare quelle forze. Monroe non è mai stata in grado di ospitare i fan, gli studios, gli uomini che amava o i registi che dubitano di lei. Nella morte, ogni parvenza di controllo che aveva sulle sue circostanze scomparve una volta che le persone si resero conto di quanti soldi c’era da guadagnare nutrendo questa bestia incredibilmente affamata. I suoi film sono ancora visti, ma il modo in cui vediamo principalmente Monroe è come un corpo, come esemplificazione del sesso, e purtroppo non si fermerà presto. Dubito che Authentic Brands Group abbia in programma di concedere in licenza qualche schlock basato sulle attività intellettuali di Monroe.

C’è questa famosa citazione spesso attribuita a Monroe che dice: “Se non riesci a gestirmi al peggio, non mi meriti al meglio”. È stato messo su molte tazze, citazioni di Instagram e poster in stile “Live Laugh Love”. Monroe non l’ha mai detto. Non abbiamo prove o attribuzioni che suggeriscano che abbia mai fatto un commento del genere. Ovviamente, raramente abbiamo lasciato che la verità intralciasse una buona vendita o un momento virale.


‘This Is Us’ aveva ancora almeno un calcio nei denti rimasto nel serbatoio |
È il giorno di Star Wars! Festeggia con il trailer di “Obi Wan Kenobi”!



Kayleigh è una scrittrice e redattrice di lungometraggi per Pajiba. Puoi seguirla Twitter o ascolta il suo podcast, La lettura di Hollywood.


Fonte immagine intestazione: Noam Galai // GC Images tramite Getty Images

.

Leave a Comment