Movies

Recensione bolla – IGN

Bubble è ora in streaming su Netflix.

<

Quando si tratta di una narrazione post-apocalittica, un filo conduttore è, ovviamente, quanto sia desolante il futuro dell’umanità. Sia che la fine sia arrivata attraverso una guerra nucleare o zombi famelici, il fattore di sventura e oscurità che accompagna queste storie è fuori scala. Con il follemente fantasioso Bubble, un film di un dream team a quattro vie di scrittori e registi di anime, la bizzarra minaccia in cui è caduta la Terra è sconvolgente e pericolosa, certo. Ma è anche la chiave per aprire il cuore chiuso di un giovane di Tokyo e il segreto per comprendere i misteri dietro la continua distruzione e rinascita della vita. Tutto ciò rende un pezzo di fantascienza accattivante e meraviglioso che dovrebbe guadagnare un posto permanente nella collezione di qualsiasi fan degli anime.

Ambientato in una strana realtà in cui misteriose bolle scendono dal blu sul mondo intero, il film esplora l’influenza che queste anomalie sferiche hanno esercitato sulla popolazione umana. La Bubble Fall, come è noto, provocò una serie di pericolose esplosioni, con epicentro delle esplosioni provenienti dalla Tokyo Tower. Ciò che resta della Terra ha iniziato a guarire dopo che le bolle alla fine si sono dissipate, ma il Giappone stava colpendo più forte del resto, con Tokyo intrappolata sotto una cupola gigante.

Miglior nuovo anime da guardare (stagione primaverile 2022)

Con la città ora isolata dal resto del mondo, gli adolescenti tornano in massa nell’area urbana un tempo vivace nonostante gli ordini di evacuazione per esplorare e godersi un po’ di parkour hardcore. Competono per le forniture di base e il cibo in quello che chiamano Tokyo Battlekour, che consiste nel sfrecciare sui tetti, saltare da una bolla all’altra rimanente ed evitare enormi anomalie simili a buchi neri note come “fosse di formicai”. Loner Hibiki (Zach Aguilar nel doppiaggio inglese) è un esperto di parkour, che forma un’improbabile connessione con la strana ma bellissima Uta (Xanthe Huynh nel doppiaggio inglese), e presto scopriamo che in lei c’è molto di più di quanto sembri.

La giustapposizione del momento più oscuro dell’umanità con un gruppo di adolescenti che si divertono con la mano che gli è stata assegnata è uno degli aspetti più interessanti di Bubble. Non solo lascia che la natura terribile della situazione si sviluppi con un effetto più drammatico, ma sembra molto più naturale della convinzione che i giovani coraggiosi si siedono ed evitino aree pericolose e riservate. Farebbero TikTok e pubblicherebbero su Instagram. I figli di Bubble sono gli stessi, solo che praticano il parkour fantascientifico.

The Bubble Fall, come lo chiama l’umanità, è infinitamente intrigante, soprattutto perché il film introduce un intero cast di personaggi secondari per analizzarlo e dare un senso a un evento così strano. Non è troppo fantastico pensare che enormi bolle di sapone possano apparire un giorno e iniziare ad esplodere, dopotutto. Abbiamo visto cose molto più strane. È un tipo di paura riconoscibile, e l’idea che potrebbe accadere domani – questo è ciò che inizialmente ti incolla al tuo posto. E Bubble ne è consapevole, dandoti una ragione per impegnarti in un film che altrimenti potrebbe essere una sincera lettera d’amore per crescere come tanti film dello Studio Ghibli finiscono per diventare.

Bubble non ha paura di gettare la vera tragedia nel mix, tuttavia, con un mix di personaggi che non aderiscono ad archetipi familiari e un problema centrale che non può essere semplicemente annullato o ripristinato. L’umanità deve ricostruire dalla sua scia di disastri. E mentre Uta detiene la chiave per sbloccare la comprensione definitiva della Bubble Fall e del motivo per cui Hibiki ha un legame con lei, non si sente mai come il personaggio del salvatore deus ex machina, così tanti film anime tendono a fare affidamento per una risoluzione netta.

C’è un sacco di speranza annidata in Bubble che lo eleva dal semplice fango post-apocalittico.


Anche se imparare di più sul disastro che ha afflitto ciò che resta dell’umanità è divertente da solo, la storia d’amore che sboccia lentamente tra Hibiki e Uta è uno degli esempi meno frustranti e sdolcinati dell’amore degli anime nei film più recenti. Hibiki è un introverso con un udito ipersensibile, un problema che non può condividere con chiunque. Guardarlo trascorrere del tempo con Uta in modo organico senza flirtare forzati e scene in cui lo faranno o non lo faranno è confortante e rinfrescante, un promemoria che l’amore può svilupparsi dove meno te lo aspetti… anche se sei letteralmente preoccupato per una bolla che ti esplode in faccia.

Guardare il resto dell’umanità venire a patti con la fine del modo in cui la vita una volta era stranamente riconoscibile ora che abbiamo vissuto una pandemia globale che continua a mietere vite. Ma c’è un sacco di speranza racchiusa in Bubble che lo eleva da semplice fango post-apocalittico a uno sforzo romantico con sfumature luminose. Hibiki e Uta, come scopriamo, erano destinati a incontrarsi. Ma l’umanità, nonostante le sue difficoltà, è anche destinata a riprendersi da tutto ciò che la affligge. Quindi, anche se ciò che due individui – o l’intera razza umana – attraversano può essere fugace, c’è sempre un motivo per affrontare il domani, soprattutto se è divertente e confortevole nei suoi sforzi per ispirare come lo è Bubble.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close