Movies

Recensione di The Sadness: un film di zombi così raccapricciante non ha bisogno di una pacca morale

Da allora Giorgio Romeroè un classico del 1968 La notte dei morti viventi trasformato un film di mostri in una meditazione sul razzismo istituzionale, film di zombi sono stati uno dei veicoli più efficaci del genere horror per le osservazioni sociologiche: Alba dei morti abbatte la cultura del consumo, mentre la notte dei morti viventi parodia la natura mortale del lavoro e della vita di routine. Ma ciò non significa che ogni film di zombi debba affrontare grandi argomenti sullo stato dell’umanità. Insieme a La tristezza, BrividoIl nuovo film taiwanese sugli zombi, lo scrittore e regista canadese matricola Rob Jabbaz vuole sicuramente unirsi ai ranghi di quei classici. Ma non riesce a trovare la giusta misura di finezza e spudoratezza con cui sposare il suo grottesco sangue freddo e la sua violenza, date le lezioni morali che sembra pensare di essere obbligato a offrire.

<

La tristezzaliberamente ispirato a Garth Ennis Attraversato serie a fumetti, segue una giovane coppia a Taiwan, Jim (Berant Zhu) e Kat (Regina Lei). Jim lascia Kat al lavoro poche ore prima di un’epidemia di zombi che li lascia alla ricerca l’uno dell’altro in mezzo al caos. Questi infetti non sono zombi tradizionali. Jabbaz sostituisce qualcosa di più raccapricciante: il suo virus altamente contagioso, che condivide somiglianze con la rabbia, fa sì che le vittime mettano in atto i loro impulsi più sadici. Non hanno vergogna né potere per fermarsi e cedono ai loro orribili impulsi con sorrisi ampi e incrollabili sui loro volti.

[Ed. note: The rest of this review includes brief descriptions of some particularly grotesque acts of physical and sexual violence.]

Questa è una premessa abbastanza buona, ma Jabbaz si concentra troppo sul tentativo di trovare una metafora profonda che non c’è, piuttosto che lasciare che l’impostazione sia solo una scusa per alcune delle scene di sangue più gratuite e ridicole che si ricordino.

In tutta la sua sceneggiatura, Jabbaz cerca di trovare qualcosa di importante da dire su una serie di argomenti. All’inizio del film, prima che inizi il caos, un telegiornale include uno scienziato che si lamenta di tutte le persone che credono che la pandemia nell’universo sia una bufala e di come nessuno creda più agli scienziati. Mentre Kat colpisce la testa di un personaggio infetto – un uomo che ha passato l’intero film cercando di violentarla – esclama che questo la rende proprio come lui, apparentemente sottintendendo che a un certo livello, quasi tutti bramano la possibilità di impegnarsi in una violenza estrema . Il film raddoppia anche su questo quando un personaggio non infetto, con il suo ultimo respiro, menziona quanto sia stato bello uccidere i bambini.

Jabbaz trascorre anche parte del tempo prima dell’infezione del film con Kat mentre viene molestata durante il tragitto verso casa, esplorando brevemente l’orrore delle donne che vengono avvicinate e minacciate nella vita di tutti i giorni. Il suo molestatore in seguito viene infettato e la perseguita per tutta la città. Ma l’esplorazione della normale violenza di genere viene rapidamente abbandonata e, pochi minuti dopo, le persone vengono violentate per strada da persone infette che sorridono e salutano i passanti.

Non è del tutto chiaro cosa Jabbaz voglia che gli spettatori ottengano da tutto questo. Le allusioni del telegiornale a vere risposte alla pandemia hanno lo scopo di portare alcune informazioni sull’infezione qui? Sta suggerendo che l’umanità sia imbrigliata solo dall’ordine sociale, o l’idea “Tutti vogliono segretamente compiere atrocità” è solo un semplice cinismo da film horror vecchio stile? Qualunque sia la risposta, Jabbaz solleva domande, poi le lascia cadere del tutto, il che rende il film più vuoto che se non le avesse mai sollevate.

È una delusione che il lato dei messaggi del film vacilla, perché La tristezza dà il meglio di sé quando è spudoratamente violento. Quando il virus colpisce per la prima volta, Jim è a una tavola calda a prendere un caffè quando una persona infetta entra e attacca qualcuno, uccidendolo e diffondendo l’infezione a tutti nelle vicinanze. Quello che inizia come un banale ordine di caffè diventa improvvisamente una scena d’azione vertiginosa e una sequenza di inseguimenti, mentre le persone iniziano a farsi a pezzi, Jim corre via e diverse persone infette lo inseguono dai vicoli alle strade trafficate. Immediatamente dopo, un vagone del treno precipita in una violenza ravvicinata che finisce con l’intera macchina imbevuta di litri e litri di sangue.

Alla base di tutti questi attacchi ci sono alcuni straordinari effetti pratici e protesi. Le vittime sono mutilate e fatte a pezzi in tutti i modi, e ogni morte sembra unica nel suo modo impressionante e disgustoso. Jabbaz usa persino le fontane di sangue che spruzzano da tagli e pugnalate per dare slancio alle scene in avanti, come se stesse facendo una sequenza temporale rossa del combattimento sul pavimento e sui muri.

Un personaggio di Shudder's The Sadness si allontana dagli zombi su una motocicletta

Immagine: brivido

Ma non è soddisfatto di riposare su tutto quel fantastico sangue. Trascorre la maggior parte del resto La tristezza‘ tempo di esecuzione creando quasi vignette in cui i suoi personaggi infetti – e talvolta non infetti – fanno le peggiori cose possibili immaginabili. Gli atti specifici, dallo speronare l’inguine di un uomo in un palo coperto di filo spinato a un uomo che violenta l’orbita vuota di una donna, sono progettati per lo shock e sono certamente orribili. Sebbene nulla di tutto ciò sembri incongruo con le altre atrocità del film, sembra fuori passo con le scene dell’apertura. È come se Jabbaz dicesse: “Se pensi che le molestie sessuali siano un male, pensa solo a quanto potrebbe peggiorare”.

Un sacco di grandi film hanno giocato velocemente e liberamente con il grottesco e molti sono stati molto più difficili da digerire di questo. Ma film horror di sfruttamento come la versione del 1977 di Wes Craven Le colline hanno gli occhi farlo con meno vergogna e più finezza. (Jabbaz ha l’abitudine che i suoi personaggi ricordino al pubblico, nei termini più clamorosamente letterali, le atrocità che hanno appena commesso.) Il confine tra assurdità ed efficacia è delicato quando si affronta questo tipo di estremi, e La tristezza finisce nell’assurdità troppo spesso perché il suo valore shock possa effettivamente atterrare.

Per quanto strano possa sembrare in un film in cui un uomo viene alimentato forzatamente con una bomba a mano, in parte sembra un problema di timidezza. Jabbaz si ferma ad ogni turno per cercare di giustificarsi o per eludere il peggio in assoluto della sua carneficina. Ma gli manca la fiducia nella propria cattiveria, come se sente che trasformare la violenza in una metafora la renderà più accettabile. I film splatter grossolani non hanno bisogno di sforzarsi per una sottile giustificazione: possono esistere solo per turbare i pochi coraggiosi di noi che lo vogliono, e La tristezzaLa dissonanza tonale non fa che intralciare quell’obiettivo.

Mentre i film sugli zombi di solito funzionano a grandi linee, il tipo di horror di sfruttamento estremo con cui Jabbaz sta lavorando prospera sulla specificità delle sue circostanze e dei suoi personaggi. Ma con La tristezzal’accumulo di corpi diventa così estenuante, e la violenza è così diffusa, che rende discutibile qualsiasi punto più ampio.

A merito di Jabbaz, sta suonando in un genere difficile, che è stato affamato di contenuti negli ultimi anni, anche se quello del 2021 Svolta sbagliata remake servirà meglio coloro che cercano qualcosa di scioccante. Più frustrante è che è chiaro che Jabbaz è un regista di talento. Nascosto in frammenti di La tristezza è davvero un grande Treno per Busanin stile zombi, ma il film di Jabbaz è così appesantito dalla sua stessa importanza e dai suoi impulsi autodistruttivi che l’azione non ha mai la possibilità di brillare.

Il cinema è pieno di talentuosi trasgressori e il cinema di provocazione ha una storia lunga e celebrata, dal 1916 Intolleranza e 1929 Un Chien Andalou a Olocausto cannibale e innumerevoli film da allora. Se hai intenzione di fare qualcosa di grossolano, devi farlo bene o molto, molto male, e La tristezza non riesco a gestire nessuno dei due. Semplicemente non può riconoscere che non tutti i film di zombi devono avere una morale, una metafora o un messaggio.

La tristezza è in streaming su Shudder a partire dal 12 maggio.

Leave a Comment