Art

Recensione Lux Æterna: Gaspar Noé fa impazzire un film d’arte con una pubblicità di moda

Solo Gaspar Noé, l’arci-provocatore del cinema francese, farebbe una pubblicità di moda come quella Luce eterna. Commissionato dalla casa di moda di lusso Saint Laurent, il film è un progetto artistico sperimentale improvvisato di 51 minuti con una strega in scena che brucia e termina in un lungo e palpitante incubo di luci e suoni stroboscopici. Potrebbe lasciare il pubblico brutalizzato, euforico, divertito, infastidito o tutto quanto sopra, ma gli farà sentire come se volessero far cadere mille dollari su una borsetta?

<

Sicuramente si sentiranno come se avessero appena visto un film di Gaspar Noé. Il regista ha un gusto per i contenuti estremi e le tecniche di produzione cinematografica non convenzionali, e ama farsi conoscere dal pubblico e dalla critica. Si è fatto un nome con gli anni 2002 Irreversibile, un dramma raccontato in ordine cronologico inverso e incentrato su una scena di stupro estesa e traumatica. Lo ha seguito con il viaggio di testa in prima persona disincarnato Entra nel vuoto. Poi ha scelto degli attori porno Amore, un dramma erotico che guarda l’ombelico, in modo da poter girare scene di sesso non simulate in 3D, incluso, naturalmente, un primo piano estremo di un pene che eiacula direttamente sui volti degli spettatori. Ti viene l’idea.

Noé è uno degli autori più automitologi al mondo, e a volte può sembrare che la cosa più offensiva dei suoi film sia quanto disperatamente voglia che sciocchino il pubblico. Ma ha doni innegabili. La sua estetica squallida, lurida e illuminata al neon, realizzata con il suo regolare direttore della fotografia Benoît Debie, ha un fascino seducente e decadente. (Questo è sicuramente ciò che stava cercando Saint Laurent.) Ed è un maestro nella suite di montaggio, dove trova invariabilmente modi insoliti per assemblare le sue riprese tortuose e le immagini sorprendenti in crescendo cinematografici che possono far battere il cuore.

Luce eterna (che significa “luce eterna” in latino) è un dramma nel backstage in tempo reale su una produzione cinematografica che sta andando fuori controllo. Béatrice Dalle e Charlotte Gainsbourg, entrambe icone della moda gallica, interpretano versioni di se stesse: Dalle ha scelto Gainsbourg nel suo primo film come regista, su una strega medievale che brucia, ma sta lottando per controllare un set caotico. Il produttore è connivente alle spalle di Dalle per sostituirla con il direttore della fotografia. Gainsbourg, distratta e molestata dai truccatori e da una giovane aspirante regista, riceve una telefonata sconvolgente da casa poco prima che lei debba girare la scena cruciale del rogo. Poi l’illuminazione e gli impianti di retroproiezione vanno in tilt e le cose vanno in tilt veramente capriccioso.

La parte più istruttiva del film è proprio l’inizio, in cui Noé sceglie di tenere una lezione al pubblico mostrando vecchi filmati (dal dramma sulla stregoneria di Carl Theodor Dreyer del 1943 Giorno dell’ira) e citazioni fantasiose sul film come arte di Dreyer, Jean-Luc Godard e altri. Una citazione di Dostoevskij sulla pura felicità che le persone epilettiche provano prima di un attacco prefigura l’esibizione di convulsioni che Noé farà in seguito. Ironia della sorte, dovrebbe servire come avvertimento che tutti gli spettatori con trigger fotosensibili dovrebbero spegnere il film.

Béatrice Dalle e Charlotte Gainsbourg in primi piani a schermo diviso

Immagine: immagini di velo giallo

Questa introduzione autoreferenziale è immediatamente seguita da un bel passaggio in cui Dalle e Gainsbourg hanno una chiacchierata rilassata e senza copione sul set, condividendo aneddoti selvaggi delle loro carriere. Dalle, che è diventata un sex symbol selvaggio negli anni ’80 quando è stata scelta per il dramma erotico Betty Blu, è maturato in una forza della natura incorreggibile e coriacea. Le sue digressioni sboccate, la risata roca e il sorriso a denti spalancati sono totalmente irresistibili. Gainsbourg, figlia dello scandaloso cantante lounge Serge, è languida e filamentosa, con la corporatura di una modella, un viso logoro e un occhio pietroso. È semplicemente una delle persone più belle del mondo. È un privilegio solo vedere queste donne sparare a merda.

Stranamente, questo passaggio del film, e i litigi nel backstage, la farsa e le disavventure che lo seguono, non ricordano altro che un episodio di Chiama il mio agente!, la commedia drammatica Netflix sugli agenti di talento parigini. Tutti coloro che sono qualcuno nella recitazione francese sono apparsi come se stessi Chiama il mio agente!inclusi sia Dalle che Gainsbourg; L’episodio di Dalle è una delizia particolare. Lo spettacolo è roba schiumosa, ma come ritratto di come si vede il mondo del cinema francese, è piuttosto acuto, ed è anche sempre puntuale quando si tratta del trattamento delle donne nell’industria.

In split-screen, a sinistra appare un modello legato a un paletto e a destra un uomo con una cinepresa, entrambi illuminati di rosso

Immagine: immagini di velo giallo

Questo sembra essere almeno in parte l’argomento di Noé anche qui. Quando Dalle e Gainsbourg parlano delle loro esperienze con mesto umorismo, si toglie saggiamente di mezzo. Altrove, sottopone loro e le altre donne del film all’interno di un film a una raffica di umiliazioni e di umiliazioni da parte di uomini in cerca di attenzione fino a quando non scattano. Fa notare che Dreyer (che ha realizzato La passione di Giovanna d’Arcouno dei grandi capolavori del cinema muto) ha ottenuto la sua “meravigliosa” ripresa di una donna tormentata che brucia sul rogo in Giorno dell’ira lasciandola legata per due ore. Chiede a Gainsbourg di rispondere alla telefonata angosciante su sua figlia accanto a un oggetto di scena di un torso maschile disincarnato; pungola distrattamente la sua massa cerosa mentre parla.

Per tutto il tempo, Noé utilizza lo schermo diviso per offrire agli spettatori due visualizzazioni simultanee dell’azione. A volte sono due angoli sulla stessa scena; A volte la vista si divide in due riprese a mano libera in roaming, trasmettendo il caos stratificato della produzione. A volte, una delle inquadrature è ripresa da un’assistente alla quale il produttore ha chiesto di seguire Dalle con una videocamera e di registrare eventuali errori che potrebbe commettere. L’intrusione maliziosa viene commentata, ma è anche tutto lassù sullo schermo.

Come Luce eterna raggiunge il suo culmine, lo schermo si dissolve in una tempesta quasi inguardabile di rosso, blu e verde stroboscopici, con Gainsbourg che si contorce a disagio al centro dell’inquadratura e una voce maschile fuori campo che esulta al suo interno. Noé fa il suo punto – e ottiene il suo tiro. Come sempre, ha la sua torta e la mangia anche lui. Hai visto le donne bruciare sul rogo fino a farti sanguinare gli occhi. Ora compra il vestito.

Luce eterna ora è in programmazione nelle sale.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close