Anniversary Party

Sam Raimi ripercorre il primo mega-successo della Marvel, come ha aiutato i newyorkesi a guarire dopo l’11 settembre

SPIDER-MAN, Tobey Maguire, Kirstin Dunst, 2002, (c) Columbia Pictures/cortesia Everett Collection

Tobey Maguire e Kirsten Dunst nel 2002 Uomo Ragno. (Foto: Columbia Pictures/cortesia Everett Collection)

Il primo Uomo Ragno il film è uscito 20 anni fa, il 3 maggio 2002, un periodo in cui i film di supereroi erano lontani dai colossi del botteghino che sono nel 2022.

<

Per ogni classico basato sui fumetti istantanei come quello degli anni ’78 Superuomo e del 1989 Batman nei decenni precedenti, ci sono state una miriade di miss simili Flash Gordon (1980), Howard l’Anatra (1986), L’ombra (1994), Il fantasma (1996) Acciaio (1997), per non parlare di molti sequel molto diffamati di Man of Steel e Caped Crusader.

“Per molto tempo ci sono stati film che hanno fallito”, ci ha detto Sam Raimi mentre promuoveva l’ultimo successo infallibile della Marvel, Il dottor Strange nel multiverso della follia.

Raimi, ancora alle prese con il suo classico cult dell’horror Evil Dead trilogia all’epoca, aveva tentato senza successo di ottenere i diritti sia di Batman che di Shadow. Invece ha interpretato il cupo Liam Neeson degli anni ’90 Uomo neroun mashup di supereroi-mostri-film da 18 milioni di dollari che è stato ben accolto ma ha ottenuto risultati solo modesti nella vendita dei biglietti.

Nel 2000, però, tutto è cambiato. Pochi giorni dopo la fine del secolo, Raimi fu assunto per dirigere Uomo Ragno dopo che la Sony aveva inizialmente considerato registi come Burton, David Fincher, Chris Columbus, Michael Bay e M. Night Shyamalan. Quando l’ensemble Marvel di Fox X-Men Aperto a ottime recensioni e ingenti incassi al botteghino quel luglio, il progetto per i franchise di film a fumetti contemporanei fu stabilito.

Tobey Maguire, regista Sam Raimi, Kirstin Dunst sul set di SPIDER-MAN, 2002 (c) Columbia Pictures/cortesia Everett Collection

Tobey Maguire, il regista Sam Raimi, Kirsten Dunst sul set di Uomo Ragno. (Foto: Columbia Pictures/cortesia Everett Collection)

Il film Spidey è uscito nei cinema con Tobey Maguire nei panni dell’eroe di tutti i ragazzi Peter Parker nel maggio 2002 con un clamore smisurato – e subito consegnato. Raccontando l’iconica storia dell’origine del fumetto e recitando insieme a Kirsten Dunst nei panni dell’interesse amoroso Mary Jane Watson e Willem Dafoe nei panni del malvagio Green Goblin, Uomo Ragno ha impressionato i critici, i fan sbalorditi e ha registrato 403 milioni di dollari al botteghino statunitense (e 821 milioni di dollari in tutto il mondo). L’incasso interno del film non è stato solo il più alto dell’anno, ma ha anche battuto i principali franchise Guerre stellari (L’attacco dei cloni), Harry Potter (Camera dei segreti) e Signore degli Anelli (Le Due Torri) ciascuno di ben $ 100 milioni.

È nato il primo mega-hit di supereroi del millennio.

Oggi, Raimi attribuisce ai dirigenti Sony e Marvel Amy Pascal, John Cley, Avi Arad e Matt Tolmach il merito di Uomo Ragnoil successo. “Sapevano che sarebbe stato un bel film”, dice. “Hanno avuto la lungimiranza di vedere che si trattava di materiale cinematografico davvero buono”.

Il blockbuster è arrivato anche in un momento particolarmente difficile della storia americana.

Uomo Ragno è entrato in produzione a gennaio 8, 2001 e concluso a giugno, tre mesi prima dei tragici eventi dell’11 settembre che hanno cambiato il mondo.

In il primo teaser trailer del filmuscito quell’estate davanti a film come Parco giurassico III e Torta americana 2, una squadra di rapinatori di banche viene mostrata mentre scappa da una rapina in elicottero, solo per essere fermata a mezz’aria e intrappolata in una ragnatela gigante. Una panoramica drammatica rivela che il web è stato fatto girare nel mezzo delle due enormi torri del World Trade Center. Allo stesso modo, il primo teaser poster del film mostrava le immagini di Spider-Man che sbirciava tra i grattacieli di New York City, il World Trade Center riflesso nei suoi occhi mascherati.

Sony ha demolito tali immagini dopo che i terroristi hanno attaccato gli Stati Uniti e distrutto le torri, uccidendo migliaia di persone. (Il filmato nel trailer non è mai stato concepito per essere nel film.) Raimi e il team hanno tuttavia dovuto rimuovere digitalmente altre riprese delle Torri Gemelle dal film.

New York si stava ancora liberando dagli effetti devastanti dell’11 settembre quando Uomo Ragno aperto otto mesi dopo.

Una scena in particolare si è rivelata catartica per il pubblico della Grande Mela che faceva il tifo per il loro eroe preferito, nato nel Queens. Dopo che Peter ha salvato per un soffio Mary Jane e un tram pieno di ragazzini che penzolano tutti giù dal ponte di Queensboro, mentre comparse dall’accento newyorkese lanciano oggetti contro Green Goblin con grida di battaglia come “Sei incasinato con Spidey, fai casino con New York” e “Sei incasinato con uno di noi , ci fai casino con tutti noi” — il web-slinger riceve un caloroso applauso dalla gente del posto che lo osserva.

Anche la folla nei cinema di New York City ha applaudito.

Spidey era rimbalzato per salvare la situazione e anche New York potrebbe tornare più forte che mai.

Raimi riconosce modestamente che la scena potrebbe aver aiutato la città a guarire.

“A suo modo, il modo in cui l’intrattenimento di evasione dalla realtà può distoglierci dai nostri problemi, ho pensato che Spider-Man avesse fatto la sua parte per portare i newyorkesi lontano dall’orrore dell’11 settembre [with] breve intrattenimento”, dice.

Raimi ha seguito Uomo Ragno con l’ancora meglio ricevuto Spider-Man 2 (2004), che alcuni considerano ancora il più grande film a fumetti, e decisamente più misto Spider-Man 3 (2007).

Il regista sperava di fare un quarto film, ma non ha mai avuto successo.

“Mi sono preso una pausa, ho fatto un film horror chiamato Trascinami all’infernoe poi stavo per entrare Spider-Man 4,” lui dice. “Ma non siamo riusciti a mettere insieme la sceneggiatura in tempo per renderla di qualità eccellente, quindi Sony Pictures e io abbiamo deciso di lasciarli andare avanti con il riavvio e che mi sarei allontanato”. (Sony alla fine ha riavviato la serie, prima con Andrew Garfield L’incredibile Spider-Man e L’incredibile Spider-Man 2e poi con Tom Holland in Spider-Man: ritorno a casa, Lontano da casa e dell’estate scorsa Non c’è modo di tornare a casache ha riunito tutti e tre gli Spider-Men.)

Una parte di Raimi spera ancora che la storia venga raccontata. In effetti, non parlerà molto della trama che stavano evocando per una parte 4 nel caso in cui lo facesse.

“Stavamo ancora lavorando alla sceneggiatura, e questo era il problema, stavamo ancora cercando di capire il viaggio giusto da intraprendere, ma è stato il passo successivo nella sua evoluzione. Non voglio dire troppo nel caso in cui Marvel o Sony volessero andare avanti con qualche versione, ma è stato il capitolo successivo che segue la storia di Tobey Maguire e Kirsten Dunst e degli altri personaggi”.

Doctor Strange e il multiverso della folliail primo film sui supereroi di Raimi da allora Spider-Man 3apre venerdì.

Leave a Comment