Movies

Sequel di film che originariamente non erano stati scritti come sequel

I sequel di film sono diventati un punto fermo di Hollywood. Quasi tutti i film che fanno soldi ricevono un sequel, indipendentemente dal fatto che la storia originale lo richieda o meno. I migliori sequel espandono le qualità dei film precedenti e approfondiscono i personaggi che conosciamo e amiamo. I peggiori distruggono i franchise e portano a rivolte dei fan. I registi devono capitalizzare il successo che i loro film hanno già avuto, muovendosi rapidamente per assicurarsi che il pubblico non si muova e prima che qualsiasi altro studio capitalizzi il successo del tuo prodotto con un’imitazione. Il modo più veloce per assicurarti che la tua serie di film esca sullo schermo è riutilizzare le storie autonome per adattarle al contenuto originale. Tuttavia, incorporare la storia di qualcun altro nel tuo franchise non è così facile come sembra.

<

Ecco alcuni dei sequel di film che originariamente non erano destinati a essere sequel. Alcuni hanno funzionato meglio di altri.

Visto II

Sega è stato un enorme successo quando è stato rilasciato nel 2004, guadagnando oltre $ 100 milioni e sprofondando negli incubi di tutti coloro che lo guardavano. Il film ha una sceneggiatura perfetta: terrificante, del tutto unico e discretamente intelligente, ma anche autonomo. Come allora, far uscire il film e pubblicare un sequel prima che l’assalto degli imitatori provi a capitalizzare Segail successo? Adattare una sceneggiatura già criticata per esserlo Sega-ish. Originale Sega scrittore Leigh Whannell adattato Darren Lynn Bousmanla sceneggiatura originale di “The Desperate” per diventare Visto II, ed è nato un franchising. L’incorporazione ha funzionato perfettamente – Visto II è stato un enorme successo mondiale, Darren Lynn Bousman avrebbe diretto altri tre film del franchise e l’intera serie avrebbe incassato oltre $ 1 miliardo al botteghino.

VIDEO DEL COLLIDER DEL GIORNO

Duro a morire con una vendetta

Duro a morire 3 ha attraversato molte iterazioni prima della sceneggiatura delle specifiche “Simon Says” di Jonathan Gallina è stato modificato per diventare il sequel. In origine, lo studio voleva che fosse ambientato su una nave da crociera, scrivendo versioni della sceneggiatura che sarebbe poi diventata Sotto assedio insieme a Steven Segal e alcuni momenti di questi script sono stati riproposti Velocità 2: Cruise Control. Dopo aver pedalato Duro a morire in metropolitana e Duro a morire nella giungla varianti, la Fox ha utilizzato una sceneggiatura che aveva già acquistato e ha ottenuto il via libera per la produzione ma non poteva più filmare, a causa della morte dell’attore principale Brandon Lee.

Il tutto Duro a morire la serie ha radici interessanti in altre sceneggiature. L’originale Duro a morire era un adattamento di Niente dura per sempre, il romanzo sequel del film Il detective protagonista Frank Sinatra. È stato poi riscritto come sequel di Arnold Schwarzenegger‘S Commandoprima di diventare la voce a sé stante che conosciamo e amiamo oggi. Die Hard 2: Die Harder era in realtà vagamente basato sul romanzo scollegato 58 minuti. La quarta voce Vivi libero o muori duro è basato su un articolo scritto per la rivista Wired. Ironia della sorte, l’unico film scritto come una vera e propria entrata nella serie — Un buon giorno per morire duro — è stato quello peggio ricevuto sia dal pubblico che dalla critica.

IMPARENTATO: 7 sequel che hanno ucciso i franchise in erba

Evan Onnipotente

Iniziando il suo viaggio sullo schermo come una commedia a sé stante intitolata “La passione dell’arca”, Evan Onnipotente originariamente doveva cooptare in una diretta Una settimana da Dio seguito con protagonista Jim Carrey. Dopo che Carrey ha lasciato il film, è stato nuovamente rielaborato Evan Onnipotente per accogliere poi la stella in ascesa Steve Carell. La scommessa non ha davvero dato i suoi frutti, con il film considerato un fallimento sia commerciale che critico.

10 Cloverfield Lane

Il “Cloververse” è nato da film che non hanno nulla a che fare con il 2008 Cloverfield film. Sebbene il successo dell’originale garantisse un sequel, l’abbondanza di film kaiju usciti all’indomani del primo film significava che il team creativo si era bloccato e faticava a trovare una buona idea di follow-up. Dopo aver girato una sceneggiatura originariamente chiamata “The Cellar” e poi temporaneamente conosciuta come “Valencia”, il produttore JJ Abrams sentiva che il film aveva somiglianze spirituali e tonali e con un cambio di nome dell’ultimo minuto e una piccola riscrittura fino alla fine, 10 Cloverfield Lane sono nato.

Il film è stato un successo di critica e commerciale, un film degno a sé stante, rafforzato solo dal riconoscimento del suo nome come parte di un franchise. In cui si 10 Cloverfield Lane riuscito, è successo Il paradosso di Cloverfield fallito. Il film è stato anche riconnesso al franchise, anche se dopo che gran parte del film era già stato girato con il titolo “The God Particle”, richiedendo ulteriori modifiche e riprese per legare tutto insieme. Il film risultante è un pasticcio narrativo, costringendo i dirigenti della Paramount a mettere in dubbio la sua fattibilità teatrale e alla fine li ha spinti a vendere il film a Netflix.

Pirati dei Caraibi: Oltre i confini del mare

A differenza degli altri film in questo elenco, il materiale di partenza per questo film non era una sceneggiatura originale ma in realtà un romanzo. Tim Poteri ha pubblicato la sua storia, Su Stranger Tides Nel 1987, ovviamente, non condividendo alcun legame con il mondo della pirati dei Caraibi. Sebbene il film condivida un titolo con il libro, il romanzo è stato utilizzato solo come base per la storia. Anche i collegamenti con i film originali sono piuttosto allentati, senza nessuno dei due Keira KnightleyOrlando Bloom Riprendono i loro ruoli. Ci sono solo alcune menzioni degli eventi precedenti, e Johnny DeppIl Capitano Jack Sparrow non comanda mai una nave. L’idea era di generare una nuova trilogia; invece il franchise è tornato alle sue radici e ha riportato i vecchi preferiti per la voce successiva, I morti non parlano.


Oceano dodici

Oceano dodici originariamente doveva essere a Giovanni Woo-film d’azione diretto dal titolo “Honor Among Thieves”, su due ladri che cercano di sconfiggere l’altro con ogni rapina successiva. Quando è stato deciso Ocean’s Eleven avrebbe ricevuto un sequel, lo sceneggiatore originale Giorgio Nolfie è stato chiamato a riscrivere il film. La sfida più difficile è stata come includere l’originale Ocean’s Eleven personaggi in un film che ne aveva solo due nella sua forma attuale. Nolfi ha raccolto la sfida e il risultato finale è un film che sembra una naturale evoluzione per questo famoso ensemble. Sebbene i critici non siano stati gentili, i risultati al botteghino sono stati innegabili. Il successo di questo sequel fa eco al sentimento di Danny Ocean “Pensi che ce ne serva uno in più? Pensi che ce ne serva uno in più. Va bene, ne avremo uno in più”.


Highlander II: L’accelerazione

C’è una lunga serie di sequel di denaro contante che sono stati inseriti in franchise nel tentativo di incassare il successo di un film. Accanto a film come Psico americano 2, Troll 2, Dirty Dancing: Havana Nights e molti altri, Highlander II: L’accelerazione è iniziato come un film autonomo ed è stato rivisto per adattarsi a un universo cinematografico esistente. Tutti questi film servono come avvertimento ai produttori che il pubblico richiede che i sequel siano ben incorporati nel mondo della storia originale. Il film è un fulgido esempio dei problemi che sorgono quando non si presta attenzione a un sequel. È stato un enorme fallimento commerciale ed è stato diffamato dalla critica: Roger Ebert lo ha definito il peggior film del 1986. Le modifiche apportate alla sceneggiatura originale lo hanno lasciato con ampi buchi nella trama, struttura della trama confusa e nessuna aderenza alla mitologia iniziale. E ‘stato così male infatti che tutto successivo montanaro i film ignorano la seconda voce e i sequel successivi tornano invece alla mitologia del film originale.

Se solo Hollywood tenesse conto dei numerosi esempi di sequel diffamati e diventasse solo degni successori dei loro film di successo.


legacy-sequel

Da “Bad Boys For Life” a “The Matrix Resurrections”: i 9 migliori sequel di Legacy, classificati

Leggi Avanti


Circa l’autore

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close