Art

Un dipinto di mezza polvere di torta in una scuola australiana si è trasformato in un capolavoro olandese del valore di milioni

Per molte generazioni, la natura morta ha accumulato polvere sui muri di una vecchia scuola privata nelle Blue Mountains in Australia. Ora, i ricercatori hanno appreso che probabilmente sono stati realizzati da un antico maestro olandese, se non due, e potrebbero valere milioni.

<

L’opera d’arte, dipinta su due assi di quercia, raffigura un lussureggiante banchetto da tavola con una torta mezza mangiata e un bicchiere capovolto. Ha vissuto per quasi 150 anni alla Woodford Academy, una scuola del 20° secolo nel New South Wales ora di proprietà del National Trust of Australia.

Il dipinto, noto per essere antico ma non necessariamente un capolavoro, era una delle 36 opere d’arte appartenenti al Trust che sono state recentemente inviate a specialisti del restauro per la pulitura. Quando hanno rimosso la vecchia vernice, i restauratori hanno scoperto una firma insignificante su un coltello. Era di proprietà del pittore olandese del XVII secolo Gerrit Willemish Hedda.

Inoltre, gli esperti ritengono che l’immagine possa essere stata una collaborazione tra l’artista e il suo padre più famoso, Willem Claes Heda, i cui dipinti sono stati venduti all’asta per un massimo di 8,2 milioni di dollari. (Non è difficile vedere le somiglianze: molti degli oggetti di Woodford apparentemente fissi sono apparsi in altri dipinti del maggiore artista, tra cui Natura morta con torta di frutta e cose diverse dal 1634.)

“Pensavamo che l’opera d’arte potesse essere un dipinto originale del 17° secolo, ma trovare la firma dell’artista sembrava una possibilità su un milione”, ha affermato Rebecca Benchin, direttrice delle collezioni del National Trust. nella situazione attuale. “Questa è una grande storia di scoperta, che ci ha portato in un viaggio attraverso un certo numero di anni, mentre abbiamo ricostruito e convalidato il lavoro con la consulenza e la tecnologia di esperti”.

Il dipinto è stato valutato a $ 200.000 prima che la firma fosse rivelata. Ora sta subendo una rivalutazione che potrebbe alzarne notevolmente il prezzo. Il custode Il suo nuovo valore è stato stimato a Fino a 5 milioni di dollari.

I conservatori stimano che il dipinto, semplicemente chiamato sopravvivereÈ stato creato nel 1940, quando il giovane Haida aveva solo 17 anni. “Era molto giovane e di grande talento”, ha detto Benchin. “Anche se questa opera d’arte è dipinta come una collaborazione padre-figlio, il livello di abilità di Gerrit in questo dipinto è incredibile.”

Il direttore delle collezioni ha anche fatto riferimento a un tema di primo piano nel lavoro degli artisti. Ha spiegato: “Una caratteristica interessante di Heda è ancora svolazzante, che c’è sempre mezzo piatto fuori dal tavolo. È un simbolo della natura fugace della vita: un minuto ti senti rilassato e felice, e il minuto dopo puoi cadere in tempi difficili”.

Poiché la fiducia indaga su come sarebbe finita la pittura olandese in Australia, una delle prime teorie suggerisce che sia stata acquisita negli anni ’70 dell’Ottocento da Alfred Fairfax, un nipote. Sydney Morning Herald Il suo fondatore è James Fairfax, che lo ha portato nel continente. Fairfax ha acquistato la proprietà di Woodford solo pochi anni fa, utilizzando l’edificio come rifugio per gentiluomini.

Nel 1907 il sito divenne una scuola privata; Le figlie del preside continuarono a vivere lì dopo la sua chiusura nel 1936. L’edificio e molti degli oggetti conservati al suo interno molto tempo fa, incluso il dipinto, furono lasciati in eredità al National Trust nel 1979.

Dal punto di vista del conservatore, la situazione era tutt’altro che ideale. “Le stanze erano piene di opere d’arte, mobili, carte umide e insetti”, ha spiegato Benchin. “L’ordinamento e l’identificazione dei contenuti ha richiesto del tempo.”

A quanto pare, le cose buone arrivano a coloro che aspettano.

Seguire notizie artnet su Facebook:


Vuoi stare al passo con il mondo dell’arte? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie, le interviste editoriali e le cose critiche che portano avanti la conversazione.

Leave a Comment