Music

will.i.am sulla sua collaborazione Mercedes-Benz “The Flip”.

Per molti di coloro che sono cresciuti negli anni ’80 e ’90, Mercedes-Benz è uno stile di vita. Per Williamrappa nella sua intervista esclusiva con HYPEBEAST, ci ha ricordato come il marchio tedesco sia intrinsecamente intessuto nella musica: “Io e Lorenzo rollin’ in the Benzo” da NWA“Fuck Tha Police” e “Il kit AMG ci tiene più vicini al suolo” di Sir Mix-a-Lot‘Posse’ on Broadway’ sono solo una piccola percentuale di testi che si sono infiltrati nella scena hip hop 30 anni fa. Abbinalo alle catene Mercedes a dondolo di Rakim o JAY Z e Kanye West distruggere un Maybach nel “Otis” video musicale, e la prevalenza di Mercedes-Benz nella musica è innegabilmente invidiabile.

<

Allo stesso modo, anche Mercedes-Benz è ampiamente referenziata nella moda. Palace è tornato alla sua partnership Mercedes-AMG questo marzo, Virgilio AblohLa collaborazione con il brand si è conclusa con il co-design Maybach Classe S e collezione di abbigliamentomentre AWGE di A$AP Rocky, Proenza Schouler e Airone Preston hanno tutti cambiato marcia per collaborare con il produttore. Ora, Mercedes-Benz entra in una nuova era, segnata da Will.I.AMG, la sua nuova collaborazione con will.i.am.

L’obiettivo di Will.I.AMG è quello di preparare i bambini dei centri urbani a un futuro di cui possono far parte, sfruttati dalla comprensione e dall’apprendimento della robotica, dell’autonomia e dell’educazione STEAM. La collaborazione comprende “The Flip”, un’auto sviluppata da will.i.am e Dogana della costa occidentalee una raccolta di merchandising di accompagnamento denominata “BEAR WITNESS”. Insieme, è una collaborazione vicina al Black Eyed PeasIl cuore del frontman: “Il mio sogno era prendere un’auto e personalizzarla”, spiega. “Il mio sogno non è mai stato quello di avere le catene ei denti d’oro, anche se fa ancora parte dell’hip hop perché è una parte importante [of it is about] abbagliandosi e accessoriando eccessivamente con i gioielli. Il mio sogno è sempre stato personalizzare le auto”.

Tutto ciò che tocchi will.i.am deve avere uno scopo. Mentre la nostra intervista era disseminata di metafore di vasta portata, non fuori dalla portata del carattere eccentrico di will.i.am, c’è un metodo nella sua follia. “L’intera premessa è mettere all’asta questa macchina e utilizziamo i proventi per costruire squadre di robotica”, ha spiegato will.i.am.

“Se guardi agli investimenti nelle nostre città interne, il cofano è fottuto entro il 2040. Non capiremo le complessità di come navigare nel mondo autonomo. Nessuno li sta preparando. Non stiamo discutendo di quanto sia urgente. È la cosa più urgente del cazzo”, ha aggiunto will.i.am.

“L’uscita dal cofano non è sempre solo musica, atletica e design di abbigliamento”.

Negli ultimi 11 anni, will.i.am ha consentito ai laureati dei suoi programmi educativi a East Los Angeles di iscriversi a varie scuole della Ivy League negli Stati Uniti. Per lui, dimostra che “l’uscita dal cofano non è sempre solo musica, atletica e abbigliamento di design”. Vive in un mondo che anticipa con impazienza il futuro e lo teme, e per avere successo, sarà riconosciuto che robotica, ingegneria, educazione tecnologica, matematica e altro devono essere insegnate ai bambini dei centri urbani in modo che possano essere una parte del proprio futuro.

“Abbiamo a malapena a che fare con le relazioni razziali; Il razzismo è ancora in vigore e stiamo ancora cercando di capirlo”, afferma will.i.am. “C’è merda che cambierà il modo in cui le persone nere e marroni vengono guardate quando nessuno sta addestrando i dati, nessuno sta costruendo gli algoritmi. Gli algoritmi sono importanti quando hai una flotta di droni della polizia nel tuo quartiere. Sono come “stiamo programmando gli algoritmi per comprendere le nostre condizioni”. Oggi non possiamo nemmeno avere a che fare con la polizia nei nostri quartieri, e questi sono gli esseri umani!

Will.I.AMG è nato per favorire il supporto educativo di will.i.am e per migliorare il mondo come lo conosceremo presto. Non è solo una collaborazione automobilistica, né un esercizio di progettazione per generare entusiasmo. Oltre a spargere la voce per tutto il lavoro filantropico di will.i.am, incoraggia anche i bambini a ungersi le mani.

“Vengo da The Projects, ho vissuto a Boyle Heights per 27 anni. Mia madre è cresciuta in The Projects ed è stata lì per 50 anni. Sì, ho avuto un vantaggio perché la musica era il mio punto di ingresso nella costruzione, a causa del mio successo musicale, ma quello che dice loro è che la maggior parte delle persone che hanno costruito l’auto sono nere e marroni”, afferma will.i.am. “La nostra situazione e la nostra configurazione, nel modo in cui viene raccontato, non significano che debba essere così per sempre… Lewis Hamilton ne è la prova: si è unito a una professione in cui i neri non erano e l’ha dominata. Non solo starò bene, sarò il fottuto migliore. Batterò tutti i record”.

Lo scopo principale di Will.I.AMG è servire la comunità. Ma mostra anche la creatività di will.i.am. Realizzare “The Flip” è stato più di una semplice scultura rotante: è una rappresentazione a tutti gli effetti di ciò che possiamo aspettarci dal futuro (o almeno, il futuro che will.i.am vede per tutti noi).

L’auto autofinanziata si basa su a Mercedes-AMG GT 63 Coupé a quattro porte, ma le sue somiglianze con l’auto di serie finiscono qui. “Quando la Mercedes ha visto il lavoro in corso, sono rimasti sorpresi dal fatto che questo fosse il livello di costruzione che stavo facendo. Pensavano che stessi realizzando un’auto da esposizione, perché è ciò che costruisce la maggior parte delle persone della nostra comunità. Dipingilo o cambia i cerchi, costruiscilo dove non importa se si muove o meno. Per me deve muoversi, deve guidare, devi mantenere la stessa integrità e sicurezza dell’auto originale”.

Lavorando con la West Coast Customs, “The Flip” è l’incarnazione di come pensa will.i.am, specialmente quando si tratta di musica. Il suo approccio al campionamento è informato e va oltre la creazione di canzoni di successo per la sua band e dozzine di grandi star della musica. Alla domanda sul processo di progettazione di “The Flip”, will.i.am ha semplicemente risposto: “Ho provato. Faccio musica grazie ai computer”.

Scavando più a fondo, è un design che attinge dalla storia evocativa di Mercedes-Benz di design semplicistici e ultra-lussuosi derivati ​​​​dalla serie SL, in particolare il Mercedes-Benz 300 SL “Ali di gabbiano” SLSe Mercedes-McLaren SLR. “[Mercedes-Benz’s Chief Design] L’agente Gordon Wagener è il mio James Brown in questa metafora, voglio provare la sua prospettiva di design. Volevo provare questa particolare GT 63, questo è il loop di batteria, e la linea di base è il naso lungo, e il campione di chitarra di Jimi Hendrix è il G Carro davanti.”

In effetti, “The Flip” combina elementi della GT 63, della serie SL e il muso di una G Wagon. Bastardizzazione o rivoluzionaria, decidi tu, ma per will.i.am tutto ha senso in una visione distorta della perfezione. “Vedo il loop di batteria funk jazz di James Brown, vedo il Ron Carter perché è jazz, vedo perché sei andato a Stan Getz perché è jazz, ma perché il riff di chitarra di Jimi Hendrix su campioni tutti jazz? Questo è il naso della G Wagon. Questa è l’audacia”. Attraverso questo, fa riferimento alle auto anti-aerodinamiche squadrate per cui la Mercedes-Benz era amata negli anni ’80 – le stesse sulle copertine degli album del rapper e nei testi di cui sopra – e ricorda l’era in cui will.i.am è cresciuto, rifacendosi al suo sogno di progettare la propria auto.

“Hai una relazione con l’auto solo quando sei in macchina. Non è futuristico”.

Ma come ci si aspetta da un uomo che vive tra oggi e domani, anche il futurismo gioca un ruolo considerevole in “The Flip”, sia nel suo design che nel suo messaggio alla comunità. “Il futuro potrebbe essere vivere sott’acqua nelle città delle bolle”, dice. “Penso che il futuro di un designer possa essere qualsiasi cosa. Per questo, il futurismo del veicolo non riguarda l’aspetto dell’auto, ma ciò che fa l’auto. Non importa che aspetto abbia o faccia l’auto, ultra-tecnica o di base, tutti servono al guidatore lo stesso rapporto: hai un rapporto con l’auto solo quando sei in macchina. Non è futuristico”.

Invece, will.i.am paragona “The Flip” alla tua relazione con uno smartphone. Portarne uno ovunque con te significa che hai sempre una connessione con una qualche forma di computer e, visto che un’auto è una delle cose più costose che puoi acquistare, will.i.am crede che sia tempo per noi di riconsiderare il modo in cui ci connettiamo con il nostro macchine a quattro ruote. “Abbiamo inserito nel veicolo una piattaforma di tessuto connettivo che sia veramente mobile in modo da avere un rapporto con l’auto quando non sei in macchina. È un cervello connettivo, un cervello migliore se vuoi. Mentre altro su questo deve ancora venire da questa collaborazione, ciò che promette è un futuro connettivo tra proprietario e auto, auto e mondo; un mondo di robotica, autonomia e ragazzi che imparano a lavorare con questo livello di tecnologia.

Per quanto riguarda will.i.am, è così chiaro: “Non devi essere il miglior musicista per essere il più grande artista. Ma nell’industria automobilistica, devi essere il miglior ingegnere per avere l’auto migliore. Fatto.” Per fare ciò, i ragazzi dei centri urbani (e tutti, per giunta) devono essere preparati per il prossimo futuro. “The Flip” di Will.I.AMG rappresenta la nostra futura realtà, ma è un concetto che will.i.am ha vissuto e creato nell’ultimo decennio attraverso il suo lavoro. “Lo faccio e basta, per farlo. È la cosa più importante che posso fare con il mio tempo e il successo che ho avuto con le informazioni e la rete che ho per farlo. Ora mi rendo conto che devo lavorare di più, in modo più intelligente e più veloce perché il tempo stringe. Sono passati un paio d’anni prima che queste case automobilistiche rilascino una flotta di veicoli a motore, sembra fantastico ma allo stesso tempo sono tipo, porca puttana”.

“The Flip” di Will.I.AMG è un invito a unirsi a will.i.am in futuro. Nella nostra vita, ci saranno una manciata di figure che cambieranno il mondo come lo conosciamo e will.i.am spera di essere l’avanguardia di questa prospettiva. In parole semplici, l’uomo stesso, “Mercedes non ha mai fatto questo livello di collaborazione”.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close
Close