Music

YNGWIE MALMSTEEN sul perché non assume più cantanti: “Sembrano pensare di essere ELVIS PRESLEY”

In una nuova intervista a Tigman di WPDH Radio 101.5 FM a Poughkeepsie, New York, leggendario chitarrista svedese Yngwie Malmsteen è stato chiesto di nominare il migliore dei tre cantanti con cui ha lavorato all’inizio della sua carriera: Jeff Scott Soto, Marco Boal e Joe Lynn Turner. Ha risposto: “Ecco come la guardo. Così sono venuto in America nel 1982 e mi sono unito a una band chiamata ACCIAIO. E poi ho formato una band chiamata ALCATRAZZ. Nel gennaio 1984 firmai un contratto discografico come artista solista. Quindi, dal gennaio 1984, non è mai stata una band – mai. Non c’è mai stata una band chiamata FORZA CRESCENTE. Il mio primo album da solista si chiamava ‘Forza crescente’. Ho chiamato una band FORZA CRESCENTE in Svezia nel ’79. E quando assumevo persone per le mie cose da solista, scrivevo le parti di basso, le parti di batteria, le parti di chitarra – ovviamente – le parti di tastiera, le parti vocali e i testi. Quindi, come un ensemble, come un’orchestra o altro, o anche per un’esibizione a Broadway, c’è un pezzo scritto e l’esecutore viene assunto per eseguire il pezzo. Se, per qualche motivo, non funzionano, ci metti qualcun altro.

<

“Per qualche strana ragione, qualcuno sembrava pensare che a) fosse una band, e b) il ragazzo che avrebbe dovuto essere il cantante in quel momento era Elvis Presley o qualcosa del genere”, ha continuato. Quindi io quindi, [in] 2012, ho deciso che non assumerò più cantanti e canto da solo. Ho detto: ‘Buona fortuna a voi, ragazzi. Ci vediamo. Ciao.””

quando Tigman che ha notato nessuno dei cantanti Yngwie assunti nel corso degli anni “risolti” nel lungo periodo, Malmsteen ha detto: “Beh, sembrano pensare perché sono il cantante e non il tastierista che sono Elvis Presley. E lo scopriranno presto, nel mio outfit lo sono nonElvis Presley e dovranno andare avanti.

È un Yngwie Malmsteenassolo carriera”, ha spiegato. “E anche ora, per l’ultimo album ho anche suonato tutti gli strumenti.

“Ascolta, non è come, oh, sì, riduco al minimo questi ragazzi – sono tutti fantastici; qualunque cosa – ma il fatto è che sono come un artista come un pittore o qualcosa del genere. Leonardo Da Vinci non ha chiamato qualcuno, tipo, ‘Ehi, amico, puoi venire a finire metà del mio dipinto?’ Ed è così che lavoro: dipingo l’intero dipinto. È così che lavoro”.

Malmsteen precedentemente galleggiava il Elvis Presley confronto in riferimento ai suoi ex cantanti durante una conferenza stampa del 2018 in Malesia. Gli è stato chiesto perché avesse scelto di gestire lui stesso la voce solista nel suo ultimo album, 2016 “Mondo in fiamme”ha detto: “Quando ho iniziato da bambino in Svezia, avevo una band chiamata FORZA CRESCENTE, io ero il cantante. Poi sono venuto in America e ci stavo giocando ACCIAIO e ALCATRAZZessi [had their own] cantanti.

“Ho sempre pensato che i cantanti avessero il Elvis Presley sindrome – pensano di esserlo Elvis Presley“, ha continuato. “Non lo sono Elvis Presley. Perché scrivo la musica, scrivo i testi, scrivo le linee della melodia vocale, scrivo tutto. Solo perché lascio che qualcuno canti qualcosa non significa che sia più importante del bassista o del tastierista o del batterista. Perché scrivo tutte le parti – scrivo le parti di batteria, le parti di basso, le parti di tastiera, le parti di chitarra e le parti vocali – come un compositore classico. E mi sono davvero stancato di affrontare le loro stronzate, davvero. Così ho deciso di peccare su me stesso”.

Nel 2017, Malmsteen ha rilasciato un’intervista a Metallo Wani in cui l’iconico axeman ha affermato di non avere alcun interesse a collaborare con cantanti come Jeff Scott Soto, Joe Lynn Turner e Tim “Ripper” Owens mai più. “Mi sento molto a mio agio a cantare me stesso, prima di tutto” Yngwie disse. “In secondo luogo, c’è una certa disconnessione quando scrivi la canzone e hai qualcun altro che la canta per te. Ed è un po’ come una falsità su di essa. Ho sempre scritto tutto – ho scritto tutti i testi, ho scritto tutte le melodie, tutto E per me, il cantante non è altro che un diverso… come un bassista o un tastierista – non sono più importanti di qualsiasi altro musicista. E, sfortunatamente, sembrano pensare che lo siano. E ho gentile di averlo fatto con il loro modo di… egocentrico, e io sono molto contrario. , e non mi piace fare mai più niente con loro”.

Nei giorni dopo Yngwieintervista originale con Metallo Wani è stato pubblicato il BLABBERMOUTH.NETmolti degli ex cantanti del chitarrista, tra cui Soto, Turner e Owens — ha risposto sui social media, con Turner descrivendo Malmsteenaffermazioni come “gli sproloqui di un megalomane che cerca disperatamente di giustificare la propria insicurezza”. Questo è stato seguito da una replica di un membro di Yngwiedel team di gestione, che ha scritto Malmsteen‘S Facebook pagina che i tre vocalist “uscirono infuriati, sputando insulti e parolacce” al chitarrista perché “Yngwie hanno detto qualcosa che non gli è piaciuto”. Tali parole puerili e senza classi sono nella migliore delle ipotesi poco gentili e nella peggiore assolutamente vergognose”.

Malmsteenl’ultimo album di “Parabellum”è stato rilasciato lo scorso luglio tramite Registrazioni di teorie musicali/Gruppo etichetta mascotte. Solo quattro delle canzoni dell’LP sono dotate di voce. Il titolo dell’album è latino, si traduce come “Prepararsi alla guerra”.

Dopo aver lavorato con alcuni dei migliori cantanti hard degli ultimi quattro decenni, Yngwie ora gestisce lui stesso gran parte della voce solista nella sua band, supportato da una formazione che include il tastierista Nick Marinobassista Emilia Martinez e batterista Brian Wilson.

Leave a Comment